Tra le preoccupazioni dell’Occidente, storica visita del Ministro degli Esteri cinesi alle Isole Salomone

Tra le preoccupazioni dell’Occidente, storica visita del Ministro degli Esteri cinesi alle Isole Salomone

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha iniziato oggi una visita definita storica ??di due giorni alle Isole Salomone, come ha confermato il governo della piccola nazione del Pacifico. L'arrivo del capo della diplomazia cinese nell'arcipelago avviene tra le crescenti preoccupazioni di Stati Uniti, Australia , Giappone e Nuova Zelanda sulle ambizioni finanziarie e militari di Pechino nel Pacifico meridionale.

Wang Yi incontrerà il suo omologo Salomone Jeremiah Manele, il Primo Ministro Manasseh Sogavare e altre autorità locali. I ministri degli Esteri dovrebbero firmare una serie di accordi per rafforzare la cooperazione bilaterale tra le due nazioni, secondo il comunicato ufficiale. 

Accordo multiforme con 10 paesi della regione

Secondo una bozza di un documento a, quale AP ha avuto accesso, Wang prevede di siglare un accordo con 10 piccole nazioni della regione. A tal fine, il ministro degli Esteri cinese visiterà Kiribati, Samoa , Fiji , Tonga , Vanuatu , Papua Nuova Guinea e Timor orientale nell'ambito del suo tour di 10 giorni. Inoltre, terrà riunioni in videoconferenza con le autorità di altri tre potenziali firmatari, vale a dire le Isole Cook, Niue e gli Stati Federati di Micronesia. 

Il patto prevede l'ampliamento della collaborazione in diversi ambiti. In particolare, Pechino cerca di ampliare la cooperazione tra le forze dell'ordine, nonché di unire gli sforzi nella "sicurezza tradizionale e non tradizionale".

Vuole inoltre sviluppare un piano di pesca comune che includa la cattura del tonno nel Pacifico, nonché aumentare la cooperazione sulla gestione delle reti Internet nella regione. Il documento menziona anche la possibilità di creare una zona di libero scambio, secondo AP.

  • Le Isole Salomone ha conquistato le prime pagine dei media il mese scorso, dopo che Pechino e Honiara hanno firmato un trattato di sicurezza, la cui versione finale non è stata ancora pubblicata. 
  • Sebbene le disposizioni dell'accordo non parlino esplicitamente della creazione di una base navale cinese nell'arcipelago, Washington e i suoi alleati temono che la Cina intenda costruire una base militare nelle Isole Salomone. Tuttavia, i firmatari hanno respinto questa insinuazione. 
  • All'inizio di maggio, Manasseh Sogavare ha denunciato  che dopo la firma del suddetto patto il suo Paese è "sotto minaccia di invasione". Sebbene non abbia menzionato nessuno stato in particolare, si riferiva apparentemente all'Australia e agli Stati Uniti, che hanno ripetutamente minacciato  che non avrebbero tollerato una base militare cinese nell'arcipelago.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti