Trattative con Xi, l'assenza di Conte e il ruolo storico dell'Italia

Trattative con Xi, l'assenza di Conte e il ruolo storico dell'Italia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Possiamo anche consolarci raccontandoci che l’assenza di Conte nelle trattative commerciali dell’Ue con la Cina ci favorirà nel rapporto con gli Usa, e dunque possiamo anche illuderci di poter trarre, senza esporci verso Biden, vantaggi economici attraverso la Germania, a cui la nostra industria è legata. Ma credo che si tratti appunto di spiegazioni consolatorie e illusorie. L’Italia ha rispetto agli Usa un rapporto di subalternità che ci priva di autonomia, in ogni caso.

L’immagine di Merkel e Macron con Xi Jinping ci dice inoltre che la nostra condizione di subalternità si estende, oramai in modo definitivo, anche al nostro rapporto con Germania e Francia, di cui subiamo lo strapotere senza nemmeno fingere una qualche reazione.

 

Forse è perché sono privo di immaginazione, ma non riesco proprio a immaginare, a breve termine, un riscatto del nostro paese rispetto all’Ue. Non abbiamo né il coraggio e la risolutezza della Gb (e non abbiamo nemmeno la sua moneta, il Commonwealth, l’arsenale, Oxford e Cambridge...) per uscire, né sappiamo starci dentro come la Francia, ovvero da paese maturo che riesce a preservare il proprio interesse nazionale e che ha imposto come condizione imprescindibile per la sua permanenza nell’Ue il benessere dei propri cittadini.

 

Siamo un paese in declino che, nonostante il brutale impoverimento e la crescente marginalità geopolitica, crede alla favola di un’Europa solidale, cerca continue giustificazioni per non guardare alla realtà e si nutre di un’idea distorta e infantile di progresso. Solo da noi c’è chi crede ancora alla fesseria, diffusa da qualche accademico radical americano, secondo cui lo stato nazione ha esaurito il suo corso. A dispetto di quelle idiozie Francia e Germania sono perfettamente consapevoli del loro ruolo storico di nazioni sovrane capaci di servirsi dell’Ue come di un moltiplicatore di potenza. E agiscono di conseguenza: le trattative con Xi Jinping ne sono una prova. Noi invece ci accontentiamo di galleggiare passivamente in un presente postmomderno senza avere un’idea di che fare.

 

Stare nella storia è un privilegio che non ci è più concesso e che in fondo rifiutiamo. Buon anno a tutti.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti