Turchia: flusso dell'oleodotto Kirkuk-Ceyhan interrotto a causa di una forte esplosione

Turchia: flusso dell'oleodotto Kirkuk-Ceyhan interrotto a causa di una forte esplosione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'operatore statale turco Botas ha reso noto di aver fermato il flusso di petrolio nell'oleodotto Kirkuk-Ceyhan a seguito di un'esplosione nella provincia sud-orientale di Kahramanmaras.

In una dichiarazione, Botas ha anche riferito che un incendio è scoppiato in seguito all'esplosione e che i vigili del fuoco e il personale di emergenza sono stati impiegati per estinguere le fiamme, secondo quanto riporta il quotidiano turco Daily Sabah.

La ragione dell'esplosione, che si è verificata vicino al 511° chilometro (318° miglio) dell'oleodotto, è ancora sconosciuta.

Parlando all'agenzia di stampa Ihlas, il sindaco di Kahramanmaras Hayrettin Güngör ha detto che l'esplosione nel distretto Pazarc?k della provincia di Kahramanmaras non ha causato vittime.

"Per fortuna, non ci sono state vittime dopo l'esplosione", ha affermato Güngör.

"I nostri sforzi per spegnere il fuoco sono in corso".

Nel frattempo, il governatore della provincia Ömer Faruk Coskun ha ribadito che l'incendio non ha colpito nessuna zona residenziale vicino alla zona dell'esplosione.

L'oleodotto ha già subito attacchi terroristici in passato, sia dal PKK che dai gruppi terroristici Daesh.

L'oleodotto già in passato è stato oggetto di intensi attacchi da parte del gruppo terroristico Daesh. L’attacco del 2014 ha causato la chiusura del lato iracheno dell'oleodotto.

Alla fine di settembre, il ministero del Petrolio iracheno ha annunciato che l'Iraq e la Turchia stavano per riaprire l'oleodotto lungo 970 chilometri che trasporta il greggio iracheno da Kirkuk agli impianti di esportazione di Ceyhan sulla costa mediterranea.

L'oleodotto Kirkuk-Ceyhan, noto anche come Iraq-Turkey Crude Oil Pipeline, è un oleodotto lungo 970 chilometri che va da Kirkuk in Iraq al sud di Ceyhan in Turchia.

È la più grande linea di esportazione di petrolio greggio dell'Iraq.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo