Ucraina al buio: la risposta russa sancisce il vero inizio della guerra?

Ucraina al buio: la risposta russa sancisce il vero inizio della guerra?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Nella giornata di ieri dal tardo pomeriggio le Forze Armate russe hanno cominciato a effettuare massicci attacchi missilistici contro centrali termiche in diverse regioni dell'Ucraina. L'Ucraina orientale è quasi completamente diseccitata.

In tutta l'Ucraina è stato dichiarato l'allarme aereo. In alcuni quartieri di Kiev è andata via la luce...

Le sottostazioni di trazione nelle regioni in cui è stata distrutta l'infrastruttura energetica sono state diseccitate. I treni non vanno da nessuna parte.

I canali Telegram riferiscono che una centrale termoelettrica a Zmiev, nella regione di Kharkov, e la Centrale -5 di Kharkov, che è una delle più grandi centrali termoelettriche combinate in Ucraina, sono state colpite.

Problemi con la luce sono stati confermati dalle autorità delle regioni di Kharkov, Sumy, Dnepropetrovsk, Poltava, Kremencjug e Odessa.

I carri armati ucraini hanno cominciato l'attacco a Krasnij Liman - i russi resistono, ha scritto alle 18 il corrispondente Wargonzo, ma la città è sotto controllo dei russi e delle milizie della rep. di Donezk.

L'attacco dell'esercito ucraino a Peski, sotto Donezk, è finito nel sangue, gli ucraini sono stati sconfitti.

Dopo il ritiro i russi fanno ironia su se stessi: l'ultimo che esce - spenga la luce! Le Forze Armate russe stanno cambiando radicalmente la tattica dell'operazione speciale.

Qualche giorno fa a Kiev si era precipitato in tutta segretezza, senza annunci Antony Blinken, il Segretario di Stato americano. Evidentemente ha dato una strigliata a Kiev: soldi e armi li vedrete ancora se vi date una svegliata, la Russia la dovete sconfiggere. Fino all'ultimo ucraino.

Dmitrij Medevdev poco fa ha dichiarato che tutti gli scopi dell'operazione speciale russa saranno raggiunti.

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti