/ Un altro conflitto per il petrolio? Le possibili conseguenze dell...

Un altro conflitto per il petrolio? Le possibili conseguenze delle nuove sanzioni statunitensi contro il Venezuela

 

Gli esperti concordano sull'impatto globale delle misure punitive contro il paese sudamericano, che è stato colpito dalle restrizioni di Washington.

Fonte articolo
 
Dopo la firma di un ordine esecutivo per congelare tutti i beni dello stato venezuelano negli Stati Uniti, gli analisti concordano sul fatto che l'impatto di questa nuova misura ha una dimensione mondiale.

 
"Non possiamo continuare a fare analisi senza vedere cosa sta succedendo nel mondo", afferma Juan Carlos Valdez, un esperto avvocato di diritto tributario, intervistato da RT.
 
A suo avviso, "l'impegno degli Stati Uniti di conquistare il Venezuela" è dovuto al fatto che nelle "aree in cui si combattono egemonie economico-finanziarie, militari ed energetiche", il paese sudamericano potrebbe determinare quest'ultima a causa di che ha le maggiori riserve mondiali di petrolio greggio.

 
Secondo Valdez, la Casa Bianca non ha alcun reale interesse ad avere un possibile governo presieduto dall'opposizione venezuelana, nonostante il suo riconoscimento da parte del vice Juan Guaidó come "presidente in carica" ??il 23 gennaio. "Sono interessati a un conflitto interno per appropriarsi delle risorse energetiche, come fanno in Libia", ha aggiunto.
 
Stati Uniti contro il mondo
 
Da parte sua, il militante internazionalista Jean-Paul Mertz ritiene che le azioni contro il paese latinoamericano "per tentare apertamente di cambiare il governo" abbiano dimostrato "che, sebbene potente, l'iniziativa unilaterale americana deve affrontare sempre più difficoltà di attuazione" relazioni tra paesi che sono collegati a "una maggiore indipendenza dal dominio finanziario di Washington".
 
Valdez ha ricordato che il blocco russo e cinese sta sostituendo l'egemonia degli Stati Uniti, il che spiegherebbe "l'impegno degli Stati Uniti in Venezuela" per impedire che la bilancia energetica si penda dall'altra parte.
 
Entrambi gli analisti evidenziano la resistenza dei venezuelani contro un assedio economico e finanziaria, che si è incrementato molto di più negli ultimi anni, impedendo allo Stato di effettuare normali acquisti di cibo, medicine e forniture di base.
 
Un rapporto del Center for Economic and Political Research (CEPR) ha rivelato che le sanzioni statunitensi contro il Venezuela hanno ucciso circa 40.000 persone tra il 2017 e il 2018.
 
Sanzioni contro Maduro?
 
Mertz, internazionalista e professore universitario, ricorda che "quando si valuta la storia delle azioni di blocco", l'ordine esecutivo 13692, datato 8 marzo 2015, noto come "decreto Obama", deve essere preso in considerazione, dove viene dichiarato il Venezuela come "minaccia insolita e straordinaria".
 
In quell'occasione, e come sostengono anche l'opposizione venezuelana e gli alti portavoce statunitensi, "le sanzioni non puntavano contro il popolo, l'economia o l'area petrolifera" ma contro il governo del presidente Nicolás Maduro, secondo Mertz.
 
Da allora sono stati sanzionati circa novanta funzionari venezuelani, tra cui direttori di autorità pubbliche e forze di sicurezza dello stato, ministri, governatori, membri dell'alto comando militare e lo stesso presidente venezuelano, ma sono state applicate anche restrizioni come il congelamento di i beni dello Stato all'estero, il blocco dei conti e le sanzioni nei confronti della compagnia petrolifera statale PDVSA.
 
Queste azioni, secondo Mertz, sono controbilanciate da una strategia mediatica internazionale che "cerca di rafforzare la leadership dell'opposizione" e nasconde le azioni punitive che "loro stessi hanno promosso, senza pensare alle conseguenze sulla popolazione."
 
Tra il 2017 e il 2019, i leader dell'opposizione venezuelana hanno fatto tournée internazionali per chiedere maggiore pressione contro il loro paese e rafforzare l'assedio economico. Pertanto, afferma l'esperto, l'opposizione deve ora dimostrare che le sanzioni sono contro i rappresentanti del governo e che, rimuovendole, "le difficoltà sono finite".
 
Conseguenze e soluzioni
 
A breve termine, spiega il professore universitario, queste misure punitive degli Stati Uniti. contro il Venezuela influiscono direttamente sull'invio di rimesse, sulla situazione dei migranti, sulla presenza di personale diplomatico venezuelano in organizzazioni come l'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) e il mantenimento delle attività di qualsiasi cittadino di questo paese nelle banche statunitensi.
 
Data questa situazione, l'esperto avvocato di diritto tributario allude alla necessità di Caracas di rafforzare la politica di apertura a nuovi mercati - che è stata promossa da alcuni anni - come India, Turchia, Iran, Russia e Cina.
 
"I mercati svolgono un ruolo importante dal punto di vista del numero di persone che rappresentano e del potere d'acquisto", sostiene Valdez. "Quel blocco comprende quasi la metà della popolazione mondiale", precisa.
 
Quando gli viene chiesto come evitare ulteriori aggressioni, ritiene che il suo paese debba lasciare "la portata dell'influenza degli Stati Uniti". "Non smetteranno di attaccarci per raggiungere il loro obiettivo", aggiunge dopo aver ribadito che il Venezuela ha "tutte le risorse necessarie per essere una destinazione attraente" per gli investimenti.
 
Per quanto riguarda le possibili soluzioni, Mertz ritiene che la cosa principale sia "conoscere veramente il problema" per "formare azioni efficaci riguardo al blocco finanziario".
 
Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa