/ Un caccia Su-35 della Russia intercetta un aereo militare USA Pos...

Un caccia Su-35 della Russia intercetta un aereo militare USA Poseidon P-8A per 3 volte in 175 minuti

 
 

"Il 4 giugno 2019, un aereo Poseidon P-8A americano che volava nello spazio aereo internazionale sul Mar Mediterraneo è stato intercettato da un caccia Su-35 russo per tre volte in 175 minuti", ha reso noto nella giornata di martedì una nota del servizio stampa della sesta flotta statunitense

 

Secondo la dichiarazione, il velivolo - un modello multifunzionale che è stato progettato per missioni di guerra sottomarina, intercettazione di navi e ha anche funzioni di intelligence elettronica - ha operato in conformità con il diritto internazionale e non ha rappresentato alcuna minaccia per provocare risposta di tale portata da parte russa.

 

Nel tentativo di giustificare le operazioni del velivolo Poseidon P-8A, citando le norme di legge internazionali, la sesta flotta statunitense ha menzionato l'Accordo del 1972 per la prevenzione degli incidenti in e in alto mare (INCSEA), firmato tra gli Stati Uniti e l'ormai defunta Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS), che promuove la navigazione marittima e la sicurezza dei voli all'interno o sulle rotte internazionali.

 

Accusando l'aereo russo di non aver agito secondo gli standard internazionali stabiliti per garantire la sicurezza aerea ed evitare incidenti, il testo afferma che l'equipaggio del P-8A ha comunicato una turbolenza di circa 28 minuti provocata dall’intercettazione del caccia russo.

 

Le azioni non sicure aumentano il rischio di errore di calcolo e le potenzialità a mezz'aria di collisioni, si legge nella dichiarazione degli Stati Uniti, dove si nota che la prima e terza manovra erano sicure, mentre la seconda pericolosa perché "il caccia Su-35 passa ad alta velocità direttamente di fronte all'aereo (americano), mettendo a rischio i piloti e l'equipaggio".

 

La Russia ha diverse navi militari nel Mediterraneo e una base navale nel porto siriano di Tartus, dove ha eseguito molte operazioni contro i gruppi terroristici in Siria, come EIIL (Daesh, in arabo).

Questo è il motivo per cui la Marina Russa avverte spesso lo spionaggio delle manovre delle sue navi nella zona da parte di aerei da ricognizione americani.

Fonte: HispanTv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa