Un piromane scelto come capo dei pompieri. Ovvero, l'ONU elegge l'Arabia Saudita come membro della Commissione per i diritti della donna

Un piromane scelto come capo dei pompieri. Ovvero, l'ONU elegge l'Arabia Saudita come membro della Commissione per i diritti della donna

Critiche all'ONU per la nomina dell'Arabia Saudita come membro di una commissione per la parità di genere, nonostante Riad discrimini sistematicamente le donne.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"Perché l'ONU ha eletto il leader mondiale della disuguaglianza di genere per sedersi  nelal Commissione per la parità di genere?" Ha chiesto, ieri, Hillel Neuer, direttore esecutivo dell'organizzazione non governativa uN Watch, attraverso un comunicato.


 
Mercoledì scorso la Commissione per lo Sviluppo Sociale presso il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite, ECOSOC, ha selezionato 13 paesi, tra i quali l'Arabia Saudita, come membri della Commissione sullo Status giuridico e sociale delle donne, che è dedicato esclusivamente alla promozione della parità di genere e l'inserimento delle donne.
 
A questo proposito, oltre a classificare questo giorno come un "giorno nero per i diritti delle donne", Neuer ha detto che l'elezione del regno arabo come un paese promotore per la difesa dei diritti delle donne è come scegliere un "piromane" come "capo dei pompieri."
 
Secondo lui, la discriminazione contro le donne è un atto che si svolge modo grave e sistematico da parte di Al Saud sia nella legge e nella pratica.
 
In Arabia Saudita, le donne non possono guidare, viaggiare senza un parente maschio, i conti bancari non possono essere aperti senza il permesso del marito, né possono mostrare il loro volto in pubblico. Si richiede anche l'autorizzazione di un tutore di sesso maschile prima di subire alcuni interventi chirurgici, o accettare il lavoro subordinato o iscriversi all'università.
 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra