Universi orwelliani: Scienza e Big Data

Universi orwelliani: Scienza e Big Data

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ho visto un lavoro di tre economisti dove si utilizzano i big data e ho iniziato a riflettere su una questione. Quando inizieranno ad applicare le reti neurali (quella che volgarmente viene chiamata Intelligenza Artificiale) si potrà essere economisti senza prendersi l'incomodo di conoscere almeno la Legge di Say. In altri termini si potrà essere economisti senza conoscere nulla - e dico nulla - di economia. Basta conoscere il concetto di derivata parziale e avere un po' di competenze con Python (o pagarsi eventualmente uno sviluppatore che lavori in incognito).

 

Poi ho fatto mente locale e ieri ho letto il titolo di un intervista al Corriere della Sera di Roberto Battiston, fisico, ex presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana oltre che nipotone di Romano Prodi. Costui parlava di epidemie e varie ed eventuali sul tema. Naturalmente senza sapere una mina di cosa sia un'epidemia, un virus e un batterio. Tutto ciò grazie all'analisi dei Big Data tramite programmazione e utilizzo probabile di reti neurali.

 

Ma che cos'è la Scienza se chiunque può essere scienziato di una scienza dove non conosce manco l'Abc della materia di cui parla?

 

Ma che cosa sarà la Giustizia quando i processi saranno fatti tramite intelligenza artificiale? In Cina già nel 2018 i processi che hanno usato questo strumento sono stati oltre 3 milioni per dire.

 

Ma che saremo noi umani se tutto sarà deciso tramite Hal9000?

Giuseppe Masala

Giuseppe Masala

Giuseppe  Masala, nasce in Sardegna nel 25 Avanti Google, si laurea in economia e  si specializza in "finanza etica". Coltiva due passioni, il linguaggio  Python e la  Letteratura.  Ha pubblicato il romanzo (che nelle sue ambizioni dovrebbe  essere il primo di una trilogia), "Una semplice formalità" vincitore  della terza edizione del premio letterario "Città di Dolianova" e  pubblicato anche in Francia con il titolo "Une simple formalité" e un  racconto "Therachia, breve storia di una parola infame" pubblicato in  una raccolta da Historica Edizioni. Si dichiara cybermarxista ma come  Leonardo Sciascia crede che "Non c’è fuga, da Dio; non è possibile.  L’esodo da Dio è una marcia verso Dio”.

 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO