/ Venezuela: individuato un terrorista coinvolto nella morte di Fig...

Venezuela: individuato un terrorista coinvolto nella morte di Figuera. Ad Altamira cade un altro giovane

 

Fabian Urbina č stato colpito a morte da un agente della Guardia Nazionale Bolivariana durante un assalto violento

 

Individuato uno degli assassini di Orlando Figuera, il giovane lavoratore pugnalato e poi arso vivo per il solo fatto di essere chavista. Un crimine brutale frutto di odio e razzismo. Il giovane venditore ambulante sarebbe poi deceduto dopo un lunga agonia. 

 

Il criminale risponde nome di Enzo Franchini Oliveros, 32 enne di origini italiane, attualmente latitante. Le forze speciali del Sebin hanno fatto irruzione nella sua abitazione procedendo al sequestro di computer e smartphone, oltre che della moto tramite la cui targa sono riusciti a scovarne l'identità. 

 

Cade un altro giovane 

 

Ancora una volta sangue ad Altamira, cuore pulsante della protesta violenta contro il governo Maduro. A cadere è il giovane Fabian Urbina, colpito a morte da un agente della Guardia Nazionale Bolivariana durante un assalto violento con uomini armati. Il Ministro degli Interni, Nestor Reverol, ha annunciato l’avvio immediato di un’indagine per «uso indebito e sproporzionato della forza». 

 

L’accaduto ha trovato la ferma condanna anche del Ministro della Difesa, Vladimir Padrino, come riporta la giornalista di teleSUR Madeleine Garcia, che ricostruisce l’accaduto efficacemente con una serie di tweet. 

 

In tal senso è interessante anche la testimonianza di un altro giornalista, Luigino Bracci Roa di Alba Ciudad, che alla condanna dell’operato dell'agente appartenente alla Guardia Nazionale Bolivariana che non doveva essere armato, fa seguire una riflessione sulla violenza senza limiti dell’opposizione, scatenata da dirigenti irresponsabili che andrebbero incarcerati. 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa