(Video) Le fazioni palestinesi rendono omaggio al Generale Soleimani. Leila Khaled, FPLP: "Sei figlio della Palestina e la Palestina non può dimenticare i suoi figli"

(Video) Le fazioni palestinesi rendono omaggio al Generale Soleimani. Leila Khaled, FPLP: "Sei figlio della Palestina e la Palestina non può dimenticare i suoi figli"

Il Centro operativo delle fazioni palestinesi si unisce alle condanne per l'omicidio del generale Qassem Soleimani e dei suoi compagni promettendo di continuare la lotta contro il disegno politico-militare di USA e Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Una tenda per le condoglianze è stata allestita nella città di Gaza, in cui sono state bruciate le bandiere americane e israeliane.


 
Già ieri, il Movimento di resistenza palestinese (Hamas) annunciando la triste notizia del martirio del generale Qassem Soleimani nell'attacco degli Stati Uniti e presentato le sue condoglianze "al popolo iracheno fraterno per il martirio di molti dei suoi figli".
 
 

 
 
Il leader di Hamas Ismail Radwan ha dichiarato in un'intervista ad Al Mayadeen che "la mano americana traditrice e il sionista hanno ucciso un generale di alto rango che ha servito la resistenza.
 
Ha notato che Gaza ribadisce l'unità di fronte a questo attacco e incolpa gli Stati Uniti e (Israele) per le conseguenze del crimine.
 
"Questo crimine non impedirà alla resistenza di continuare il suo cammino e gli Stati Uniti devono sapere che ha commesso un crimine atroce", ha aggiunto.
 
Ha sottolineato che questo crimine aumenterà la fermezza e la costanza della resistenza.
 
Ha anche sottolineato che questo omicidio porterà a rafforzare l'asse di resistenza che gli Stati Uniti stanno colpendo "Il futuro è per la resistenza e sconfiggerà il progetto americano nella regione".
 
Ha osservato che esiste un elevato coordinamento tra le parti dell'asse di resistenza per fermare l'orgia americana sul suolo arabo.
 
Da parte sua, il movimento islamico della Jihad ha confermato che il leader martire Qasem Soleimani fu preso di mira dall'aggressione sionista-americana in prima linea di combattimento.
 
"La nazione alza la sua bandiera di fronte a questa aggressione e dichiara che non ci saranno rotture o battute d'arresto nella sua marcia verso la liberazione", ha ribadito il movimento in una dichiarazione.
 
L'omicidio di Soleimani è stato anche condannato dal Fronte Popolare, dal Comando Generale, dal Fronte Democratico e dal Movimento dei Mujahideen.
 
A sua volta, il membro dell'Ufficio politico del Fronte popolare per la liberazione della Palestina, Leila Khaled, ha riferito ad Al Mayadeen che Trump ha commesso un errore storico nell'uccisione del generale Soleimani.
 
Khaled ha fatto appello al parlamento iracheno affinché "accetti di porre fine al rapporto con il criminale americano, che sta causando corruzione nella regione".
 
Riferendosi al martire Soleimani ha ricordato: "Sei il figlio della Palestina e la Palestina non può dimenticare i suoi figli".
 
A sua volta, il membro dell'Ufficio politico del Fronte popolare, Jamil Mezher, ha affermato che il crimine contro i martiri stabilirà una nuova fase.
 
"La resistenza e il suo asse stanno diventando più forti e saremo fedeli al comandante Soleimani per far avanzare la nostra resistenza."
 
Mezher ha confermato che "il progetto sionista-americano non sarà in grado di raggiungere i suoi obiettivi e la nostra regione sarà un cimitero per tutti gli invasori".
 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti