World Affairs/(Video)"Dire la verità diventa un crimine": Esperti, giornalisti ...

(Video)"Dire la verità diventa un crimine": Esperti, giornalisti e personaggi pubblici lanciano campagna a sostegno di Assange

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Una serie di personaggi pubblici, tra cui un ex ambasciatore britannico in pensione e il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, hanno annunciato il lancio di una massiccia campagna a sostegno di Julian Assange, per l'anno prossimo


Esperti, personaggi pubblici e sostenitori di Julian Assange si sono riuniti nel corso di un evento chiamato "Libera la verità" a Londra. L'agenzia video Ruptly ha filmato la mostra di manifesti che denunciano la prigionia di Assange, così come le opere d'arte da lui ispirate.

 
"Così tanti attivisti si stanno riunendo in un momento in cui sento che c'è stato un vero cambiamento nel sentimento pubblico" , ha commentato Craig Murray, ex ambasciatore del Regno Unito in Uzbekistan, che ora fa campagne per il famoso editore.
 
Nonostante la mancanza di copertura o copertura distorta nei media mainstream, ora si comprende che Julian viene estradato negli Stati Uniti solo per aver pubblicato la verità.
 
È fiducioso che il prossimo anno "vedremo una delle più grandi campagne [a sostegno di Assange] dei nostri tempi".
 
È estremamente importante attirare l'attenzione sul fondatore del sito Web WikiLeaks, perché "stiamo per stabilire un precedente", ha avvertito Nils Melzer, un relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura.
 
Se Assange viene estradato negli Stati Uniti e se viene punito per aver denunciato la verità, allora essenzialmente ciò che sta accadendo è che dire la verità diventa un crimine.
 
Assange è attualmente detenuto nella prigione di Belmarsh di massima sicurezza di Londra mentre si trova ad affrontare l'estradizione negli Stati Uniti per cospirazione e accuse di spionaggio. 
 

 
Melzer in precedenza aveva lanciato l'allarme per le condizioni della sua detenzione, accusando le autorità britanniche di sottoporlo a "torture psicologiche" e avvertendo che avrebbe potuto affrontare ulteriori trattamenti crudeli se estradato negli Stati Uniti.
 
"Sarà condannato dallo stesso giudice che condanna tutti questi informatori in un tribunale chiuso nella Virginia dell'est, e scomparirà in un carcere di massima sicurezza in condizioni disumane per il resto della sua vita", ha avvertito Melzer.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa