"Vigile attesa": il Consiglio di stato blocca la sentenza del Tar del Lazio. La motivazione è grottesca

"Vigile attesa": il Consiglio di stato blocca la sentenza del Tar del Lazio. La motivazione è grottesca

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'AntiDiplomatico sta subendo una vergognosa censura su Facebook per l'opera di "fact-checking" di testate concorrenti. Aiutaci a combatterli cliccando qui 

 

Il Consiglio di Stato sospende la sentenza del Tar del Lazio che a sua volta aveva bloccato la famigerata "cura Speranza", il protocollo Tachipirina e vigile attesa.

La sentenza del TAR non ha trovato spazio nei viro show televisivi anche se era stata molto precisa e dettagliata nel sottolineare come si stesse impedendo ai medici di esercitare pienamente la propria professione.

Le motivazioni del Consiglio di Stato di oggi sono davvero paradossali.

"Il Consiglio di Stato ha sospeso la sentenza con la quale il Tar Lazio aveva annullato la circolare sulle terapie domiciliari Covid. Nel decreto di sospensione si afferma che la circolare contiene "raccomandazioni" sulla cosiddetta "vigile attesa" e somministrazione di fans e paracetamolo durante i primi giorni della malattia per i pazienti Covid a casa, e "non prescrizioni vincolanti".

Quindi il Consiglio di Stato dichiara che non si è mai trattato di un protocollo ma di semplici consigli?

Tutta la gestione fallita e fallimentare con numeri disastrosi dell'Italia è stata basata su "consigli"?

Quello che è certo è che migliaia di persone si sarebbero potute curare subito, senza attendere aggravamento, ospedalizzazione, intubazione. Queste persone per il Consiglio di Stato sono semplicemente vittime di una sbagliata interpretazione di raccomandazioni non vincolanti?

E, ultima domanda, la più importante: dopo la sentenza del Consiglio di Stato che certifica che non è riconosciuto alcun Protocollo ufficiale, che cosa esattamente ha causato la messa al bando di tutti i medici che hanno curato in scienza e coscienza, bastava disobbedire per salvare vite umane?

Aspettiamo risposte.

 

L'AntiDiplomatico sta subendo una vergognosa censura su Facebook per l'opera di "fact-checking" di testate concorrenti. Aiutaci a combatterli cliccando qui 

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti