/ Washington e Riyad chiedono all'opposizione di accettare il ruolo...

Washington e Riyad chiedono all'opposizione di accettare il ruolo Assad nel futuro della Siria

 

USA e l'Arabia Saudita hanno sollecitato l'opposizione, da loro sponsorizzata, ad accettare il ruolo di Bashar al-Assad nel futuro della Siria. Lo riferisce 'The Associated Press'.


L'Associated Press (AP) ha riferito, citando fonti in condizione di anonimato, che sono in contatto con i cosiddetti gruppi di opposizione siriani al di fuori del paese arabo.
 
"Mentre Damasco ha invertito le perdite militari in gran parte strategicamente importante nella zona  occidentale del paese e dal momento che gi Stati Uniti hanno interrotto il supporto alle forze ribelli, i diplomatici da Washington a Riyad stanno chiedendo ai rappresentanti dell'opposizione siriana di raggiungere un accordo con il presidente Bashar al-Assad sulla sua sopravvivenza politica", è l'incipit dell'articolo dell'AP.
 
Inoltra, nell'articolo si ricorda che le forze militari e pro-governative siriane hanno un vantaggio irreversibile sul campo di battaglia contro le bande armate e altri avversari mentre i cosiddetti  ribelli appoggiati dai loro alleati regionali e occidentali sono più concentrati sulla promozione dei propri interessi, piuttosto che ottenere il cambiamento di governo a Damasco.
 
Attualmente, il governo siriano controlla la maggior parte occidentale popolata, mentre i terroristi dell'ISIS (Daesh, in arabo) e Al-Qaeda, i curdi sostenuti dagli Stati Uniti e le milizie sostenute dalla Turchia controllare le restanti parti del Nord, est e sud. Inoltre, una zona sicura è stata creata nel sud dove non c'è quasi nessun combattimento. Questa situazione è un vantaggio per Damasco.
 
L'ex ambasciatore USA in Siria,
lantidiplomatico.it/dettnews-Ex_Ambasciatore_Usa_In_Siria__fallito_Il_Piano_Per_Rovesciare_Assad__E_Avverte_I_Curdi__pagheranno_A_Caro_Prezzo_La_Loro_Fiducia_In_Washington_/82_20561/">Robert Ford, che è ampiamente considerato come una delle menti delle guerre civili create da Washington in diverse parti del mondo e istigatore chiave nel 2011 del conflitto siriano già escluse, alcuni mesi fa, la possibilità di cacciare via Assad, sottolineando che "non c'è alcun allineamento militare concepibile che sarà in grado di rimuoverlo (...) Tutti, compresi gli Stati Uniti, hanno riconosciuto che Assad resta al potere."
 
Secondo la fonte consultata da AP, i principali sponsor del principale alleanza di opposizione siriana, l'Alto Comitato dei negoziati (ACN o HNC) stanno spingendo il gruppo ad adattarsi alle nuove realtà. In particolare, il cancelliere saudita, Adel al-Yubeir, ha detto all'opposizione che è giunto il momento di formulare "una nuova versione".
 
"Lui non ha detto esplicitamente che Bashar [Al Assad] deve restare, ma se si legge tra le righe, se dici che devi avere una nuova visione, qual è la questione più controversa? È se Bashar resta", ha spiegato la fonte che ha chiesto di rimanere anonimo, aggiungendo che diversi gruppi di opposizione stanno parlando tra di loro per raggiungere una posizione comune, ma che hanno comunque profonde divergenze sul futuro politico di Assad in Siria.
 
Fonte: The Associated Press
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa