Willy Wimmler, ex segretario di stato Ministero della difesa tedesco (1985-1992): "la NATO non ha mantenuto le sue promesse"

Willy Wimmler, ex segretario di stato Ministero della difesa tedesco (1985-1992): "la NATO non ha mantenuto le sue promesse"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il canale televisivo internazionale russo “RT” ha reso pubblica una dichiarazione di Willy Wimmer, che fu Segretario di Stato del Ministero della Difesa della ‘Germania Ovest’ dal 1988 al 1° aprile del 1992. Wimmer, con estrema chiarezza, ribadisce quello che Putin ha già dichiarato più volte[1], e cioè, che gli Stati Uniti e l’Europa hanno tradito la loro promessa di non avanzare di “un centimetro verso est” con le loro basi NATO, ed ora sembrano interessati a “distruggere gradualmente la Russia, invece di collaborare con questo grande Paese”.

 

 

La dichiarazione dell’ex Segretario della Difesa l’ho tradotta in italiano e, come si può leggere dal primo paragrafo, oltre a sentirsi “imbarazzato” per quello che sta accadendo nella crisi ucraina, conferma che la Germania del Cancelliere Helmt Kohl era ben consapevole dell’impegni presi dalla Nato nei confronti della Russia.

«Mi sento imbarazzato da questa anomala situazione, per il fatto che io, nel dicembre 1989, dissi all’allora Cancelliere Helmut Kohl quale fosse la posizione presa dalla nostra Bundeswehr [Forze armate tedesche] riguardo la NATO e la sua presenza in Europa, e i punti che riguardavano questa posizione furono tutti incorporati nei trattati di riunificazione [della Germania].

All’epoca capivamo molto bene i problemi che oggi ci troviamo ad affrontare, motivo per cui la Germania a quel tempo prese la decisione di non ospitare le truppe della NATO sul territorio dell'ex Repubblica Democratica Tedesca [DDR], e limitare [la sua espansione] non oltre il fiume Oder.

Invece quella politica della Germania, e dell'Occidente in generale, cambiò radicalmente nel 1992 a causa dell'adozione della Dottrina Wolfowitz.

Quando Hans-Dietrich Genscher dovette dimettersi [1992] dalla carica di ministro degli Esteri della Repubblica Federale Tedesca, iniziò l’espansione della NATO verso Est.

Da quel momento ci siamo inoltrati su una strada sbagliata e stiamo contribuendo al fatto che la Federazione Russa abbia l'impressione, del tutto giustificata, che l'Occidente stia facendo il possibile per espellere la Russia dall'Europa, alzando un nuovo muro tra il Mar Baltico e il Mar Nero, e che sia solo interessato a distruggere gradualmente la Russia, invece di collaborare con questo grande Paese».

 

 

---------------------

 

[1] Articolo: Putin: “Cosa c’è di così tanto difficile da capire in questa crisi?”

Roberto Cursi

Roberto Cursi

Sono nato a Roma nel 1965, passando la mia infanzia in un grande cortile di un quartiere popolare. Sin da adolescente mi sono avvicinato alla politica, ma lontano dai partiti. A vent'anni il mio primo viaggio intercontinentale in Messico; a ventitré apro in società uno studio di grafica; a ventiquattro decido di andare a vivere da solo. Affascinato dall'esperienza messicana seguiranno altri viaggi in solitaria in terre lontane: Vietnam, Guatemala, deserto del Sahara, Belize, Laos... fino a Cuba.

Il rapporto consolidato negli anni con l'isola caraibica mi induce maggiormente a interessarmi della complessa realtà cubana.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti