Wirecard, dipendenti portavano via milioni in contanti in buste di plastica

Wirecard, dipendenti portavano via milioni in contanti in buste di plastica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

da Giubbe Rosse

Per anni i dipendenti Wirecard hanno portato via milioni di euro in contanti dalla sede centrale del gruppo a Monaco di Baviera in sacchetti di plastica. Lo hanno raccontato alla polizia di Monaco che sta indagando sul crack Wirecard, secondo quanto riporta oggi il Financial Times. Queste rivelazioni suggeriscono che la società di servizi finanziari è stata saccheggiata in modo ancora più sfacciato di quanto non si sapesse finora. 

Wirecard, fino all'estate scorsa prestigiosa fintech globale, che all'apice era arrivata a toccare i 24 miliardi di euro di valore, è fallita in una delle più grandi frodi contabili della storia tedesca, allorché si è scoperto che 1,9 miliardi di euro di liquidità aziendale non esistevano e che parte delle attività in Asia erano pura fantasia. La pratica è iniziata già nel 2012 e gli importi di banconote a sei cifre venivano spesso spostati in sacchetti di plastica Aldi e Lidl, hanno detto alla polizia ex dipendenti. L'importo totale, l'attuale ubicazione del denaro e lo scopo di rimuoverlo dall'edificio non sono chiari. Ad un certo punto, nel maggio 2017, sono stati consegnati 500.000 euro in contanti in un momento in cui la cassaforte era piena, in base a quanto si legge in e-mail viste dal FT e da una persona a conoscenza della transazione. Alcuni dei contanti dovevano essere nascosti altrove negli uffici.

Un dipendente, che ha lavorato presso la sede per quasi due anni fino al 2018, ha detto alla polizia che importi compresi tra € 200.000 e € 700.000 sono stati rimossi frequentemente, a volte più volte alla settimana. Almeno in alcune occasioni, i sacchetti di plastica contenenti contanti venivano portati all'aeroporto di Monaco, dove erano consegnati a persone sconosciute.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO