Yemen, disastro saudita e dell'occidente. Cinque milioni di persone sull'orlo della carestia

Yemen, disastro saudita e dell'occidente. Cinque milioni di persone sull'orlo della carestia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari lancia l'allarme per l'aumento del rischio di morte per malnutrizione nello Yemen.

Il vicesegretario generale delle Nazioni Unite (ONU) per gli affari umanitari e coordinatore dei soccorsi di emergenza, Martin Griffiths, ha fatto riferimento al disastro umanitario che lo Yemen sta vivendo a causa della fame, in una riunione tenuta lunedì scorso dall'entità internazionale al riguardo. 

Griffths ha esortato a revocare le restrizioni allo spazio aereo dello Yemen per consentire l'apertura del principale aeroporto di Sana'a, con l'obiettivo che i malati si rechino all'estero per ricevere cure mediche pertinenti.

"Il porto yemenita di Al-Hudayda deve essere riaperto senza condizioni, gli scontri continuano nella città di Marib e su altri cinquanta fronti" , ha aggiunto il funzionario Onu.

Intanto, secondo il rapporto del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF) , 21 dei 28 milioni di yemeniti hanno bisogno di aiuti umanitari per sopravvivere. Di questi, 11,3 milioni sono minorenni.

"In Yemen, un bambino muore ogni 10 minuti per cause prevenibili, tra cui malnutrizione e malattie prevenibili con i vaccini", ha ricordato lunedì scorso al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) Henrietta Fore, direttore esecutivo dell'UNICEF.

La sanguinosa guerra contro lo Yemen è stata scatenata dall'Arabia Saudita e dai suoi alleati nella regione e occidentali nel marzo 2015, con l'intenzione di riportare al potere l'ex presidente yemenita fuggitivo Abdu Rabu Mansur Hadi. Questa aggressione ha rivelato il  "vero volto" degli Stati Uniti, del Regno Unito e del regime israeliano  nel loro sostegno ai crimini sauditi contro il paese più povero del mondo arabo.

Il Regno Unito e gli Stati Uniti sono stati duramente criticati per aver prolungato la crisi umanitaria nello Yemen continuando a vendere armi a Riad, che vengono utilizzate contro la popolazione civile. Gli attacchi e il blocco imposto dalle autorità saudite hanno trasformato lo Yemen in un "inferno". 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti