/ Zarif: se l'UE continuerà a impegnarsi nell'accordo sul nucleare,...

Zarif: se l'UE continuerà a impegnarsi nell'accordo sul nucleare, anche l'Iran lo rispetterà

 

L'Iran rispetterà i suoi impegni nucleari al livello delle misure che l'Europa sta attuando, né più né meno, secondo il ministro degli Esteri iraniano, Mohamad Yavad Zarif.

"Abbiamo già messo in chiaro che se l'Europa continua ad impegnarsi per mantener ele sue promesse nell'accordo nucleare, anche noi ci impegneremo (...) Ma noi faremo nel modo in cui lo fa l'Europa," ha spiegato Zarif ai giornalisti.
 
Il ministro degli Esteri iraniano ha ricordato che dopo l'uscita degli Stati Uniti dall'accordo sul nucleare raggiunto nel 2015 fra l'Iran e il Gruppo 5 + 1) Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Russia e Cina, più la Germania ha tenuto diversi incontri con l'E3 (i tre paesi firmatari europei del patto) e con due partner non europei del patto, vale a dire la Russia e la Cina, per affrontare le vie in modo che l'Iran non rimanga estraneo ai benefici previsti nell'accordo.
 
Gli 11 impegni concordati, come previsto,  avrebbero facilitato l'esportazione di petrolio persiano, e con il denaro ricavato avrebbe incrementato gli investimenti in Iran, però, non è stato definito un meccanismo finanziario per questo, di fronte alle restrizioni di Washington, ha aggiunto.
 
"Quello che esiste al momento sono 11 impegni, l'implementazione di Instex sarà un preludio all'attuazione degli impegni", ha osservato Zarif, prima di menzionare l'importanza di rispettare l'accordo.
 
Il funzionamento di Instex, l'ultima opportunità per salvare l'accordo nucleare
 
I partner europei, sembra, che stiano ritardando la questione di tenere l'Iran nell'accordo nucleare, la creazione di meccanismi finanziari come l'Instex, creato lo scorso 31 gennaio dai firmatari europei del Patto - nel tentativo di affrontare, presumibilmente, le restrizioni imposte dagli Stati Uniti ai legami economici con l'Iran.
Teheran, tuttavia, denuncia che l'Instex non rispetta le sue aspettative.
 
A tale riguardo, il ministro iraniano ha affermato che, secondo gli europei, sono in corso le prime transazioni finanziarie nell'ambito di Instex.
 
Gli articoli 26 e 36 dell'accordo sul nucleare spiegano i diritti legittimi dell'Iran
 
Di fronte all'inerzia dell'Europa di rispettare i suoi impegni nucleari e le sanzioni unilaterali statunitensi, l'Iran, che era ancora ignaro dei benefici previsti dal patto, decise reciprocamente di non rispettare alcuni dei suoi impegni definiti nel patto nucleare, PIAC o JCPOA.
 
A tale riguardo, ha stabilito un termine di 60 giorni per i suoi partner europei per adempiere ai patti presi con Teheran. Il paese persiano ha annunciato che se gli europei non si conformeranno entro il termine stabilito, che scade il 7 luglio, arricchirà l'uranio al di sopra del livello concordato -3,67% - e inizierà a ricostruire il reattore ad acqua pesante di Arak.
 
Secondo l'articolo 26 del PIAC-JCPOA, se uno dei firmatari reintroduce sanzioni o crea nuove restrizioni all'Iran in relazione al suo programma di energia nucleare, Teheran può considerare questi atti ostili "come una ragione per smettere di adempiere ai suoi impegni totalmente o parzialmente" .
 
L'articolo 36 stabilisce che, se una delle parti dell'accordo non rispetta i suoi impegni, l'Iran può deferire la questione al gruppo congiunto Iran 5 + 1 (attualmente gruppo 4 + 1, dopo la partenza di Washington dal patto nucleare) e in caso di non conformità da parte del paese persiano, gli altri possono fare lo stesso.
 
 
Fonte: Hispantv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa