/ Zona di libero scambio: trappola o opportunità per l'Africa?

Zona di libero scambio: trappola o opportunità per l'Africa?

 

L'area africana di libero scambio continentale entrerà in vigore il 31 maggio. Mentre per alcuni la sua creazione è un vantaggio per stimolare le economie africane, altri sono molto più critici sull'utilità di un tale dispositivo.


L'area africana di libero scambio continentale (CFTA) sarà presto avviata. L'adesione della Guinea agli inizi di aprile ha permesso di raggiungere la soglia delle 22 ratifiche necessarie per la sua entrata in vigore il 31 maggio. 
 
Adottato il 21 marzo 2018 da 44 capi di stato a Kigali, in Ruanda, questo accordo di libero scambio è il più grande dalla creazione dell'Organizzazione mondiale del commercio nel 1995.
Il suo obiettivo è quello di creare il più grande mercato unico al mondo dove verrebbe eliminato il 90% dei dazi doganali e saranno semplificate le procedure amministrative per consentire una migliore circolazione di beni e servizi ma anche popolazioni.  
 
Lo ZLEC, un'arma economica per il continente africano?
 
Secondo una proiezione della Commissione economica per l'Africa delle Nazioni Unite (ECA), il CFTA darebbe "un forte impulso al commercio intra-africano". Il Comitato osserva inoltre che "si prevede che i paesi meno sviluppati registreranno una maggiore crescita degli scambi intra-africani di prodotti industriali - fino al 35% in più nel 2040, rispetto a solo il 19% per lo sviluppo dei paesi africani".
 
Interpellato da RT France, l'analista economico Mays Mouissi ritiene che il progetto di ZLEC sia un progetto "integrativo". "Oggi, il peso del continente africano nel commercio mondiale è relativamente basso. È circa il 2 o il 3% perché il commercio intra-africano è limitato. Penso che con lo ZLEC, un movimento inizierà ad amplificare gli scambi tra i paesi africani. Pertanto, è probabile che a lungo termine vi saranno effetti reciproci sulle economie [africane], in particolare sull'industrializzazione e la produzione. I mercati che sono oggi mercati relativamente chiusi si apriranno gradualmente ".
 
Ritiene inoltre che il CFTA consentirà ai paesi africani di limitare le loro importazioni nei confronti dei paesi europei e ridurre i loro deficit commerciali: "La maggior parte dei consumi locali proviene già dall'esterno. Tranne che questo esterno non è il continente africano. Quando vuol mangiare il riso, lo importa dall'Asia. Quando vuole una macchina, la importa dall'Europa o dall'Asia. Le grandi economie sono costruite dal loro mercato interno o dal loro mercato locale. Se prendiamo l'esempio dell'Europa - che è il migliore elemento comparativo che possiamo citare - la maggior parte delle produzioni tedesche sono vendute all'interno dell'Unione europea. E così, dovremmo creare gradualmente sinergie", ha analizzato.
 
Ha avvertito, tuttavia, che i vantaggi economici del CFTA non saranno palpabili a breve termine: "I progetti di questo tipo sono progetti lunghi. Prima di avere i primi risultati della CFTA sulle economie africane, ci vorranno diversi anni o addirittura decenni. Siamo attualmente nella fase di costruzione di un progetto utile ed essenziale per il continente, è un peccato che sia stato istituito solo ora."
 
La paura del dumping economico  
 
Dietro l'ottimismo dei paesi firmatari, la riluttanza nigeriana non è passata inosservata. La più grande economia del continente si allinea con il Benin e l'Eritrea tra i tre paesi africani che attualmente rifiutano di firmare l'accordo. Il motivo? La paura di alcuni sindacati e datori di lavoro di feroce concorrenza. 
 
Il presidente dell'Associazione dei produttori nigeriani Frank Jacobs ha detto che l'apertura dei confini porterebbe a un massiccio afflusso di prodotti africani ma anche europei - grazie agli accordi di libero scambio tra alcuni paesi africani e l'Unione europea - sul mercato nigeriano. Prodotti che potrebbero, secondo lui, causare la "bancarotta" di molte industrie locali.
 
Per l'economista Jacques Berthelot , questo rischio è molto reale. La rimozione del 90% dei dazi doganali, ha detto, non rafforzerà l'integrazione regionale. Al contrario, ritiene che questa misura potrebbe avere l'effetto opposto: "Un accordo di libero scambio non è un'unione doganale, nel senso che gli Stati membri devono solo abolire i propri dazi doganali mantenendo i propri diritti doganali nei confronti del resto del mondo, ma ciò sarebbe impossibile.
 
Lungi dal favorire l'integrazione regionale del continente, può solo disintegrarlo fortemente aprendo le porte a società multinazionali che sono già ampiamente presenti nella maggior parte dei paesi e che concentreranno le loro attività nei settori più competitivi esportando verso altri."
 
Contattato da RT France, Nadim Michel Kalife, esperto in politica economica togolese, da parte sua descrive come "prematura" la creazione di una zona di libero scambio. Secondo lui, i paesi africani devono prima di tutto affrontare i problemi del malgoverno prima di intraprendere un simile processo.
 
 
Presentato come il fiore all'occhiello dell'ambiziosa agenda 2063 dell'Unione africana, questo piano d'azione lanciato nel 2013 mira a fare dell'Africa un continente ricco e prospero: il CFTA è tutt'altro che unanime . Se i suoi promotori assicurano che la sua istituzione sarà vantaggiosa per tutti i paesi africani, l'assenza, per il momento, di una vera compensazione finanziaria per i paesi con basse dinamiche economiche e un tempo influenzato negativamente da questa liberalizzazione degli scambi, comporta un sacco di incertezze sulla rapida realizzazione di questo progetto su scala continentale.
 
Fonte: Rt fr
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa