Golpe in vista in Bolivia? Ministro denuncia tentativi di destituire Evo Morales

Golpe in vista in Bolivia? Ministro denuncia tentativi di destituire Evo Morales

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il ministro della Presidenza della Bolivia, Juan Ramon Quintana, ha denunciato domenica quello che ha descritto come un tentativo di rovesciare il governo del presidente Morales con la "complicità di un gruppo di oppositori di destra" e dei media. Lo riporta l'agenzia Prensa Latina.


"Un gruppo di media nazionali hanno come ordine del giorno la menzogna in onda e cercano di destabilizzare il paese", ha sostenuto il ministro. A sostegno delle accuse, Quintana ha Quintana ha mostrato dei dispacci diffusi da WikiLeaks che dimostrano i legami tra il presidente del Senato, Oscar Ortiz, l'ex senatore Roger Pinto e l'Ambasciata degli Stati Uniti. Secondo il ministro, entrambi sono  coinvolti in manovre contro il potere esecutivo. "Questi personaggi e altri utilizzano il loro status di deputati e senatori per diventare burattini dell'ambasciata degli Stati Uniti," dice.
 
Il Ministro ha anche criticato la campagna di "bugie" che si riversano contro il presidente della Bolivia in relazione a presunti atti di corruzione nel suo governo e ha accusato diversi media, il quotidiano Página Siete in particolare, definito "il giornale più calunnioso della storia del paese."

Quintana indica che questi mezzi - anche definiti "cartello della menzogna" - sono guidati dall'ambasciata americana.
 
"Siamo nel bel mezzo di una offensiva internazionale che sta interessando la guerra economica contro il Venezuela, la destabilizzazione e il colpo di stato in Brasile, con il colpo di Stato in Paraguay, con tentativi di destabilizzare Rafael Correa in Ecuador (...) . Poi la Bolivia non è nuova a questi tentativi di destabilizzazione, perché ci sono interessi che vanno oltre le proprie definizioni politiche in ogni paese ", ha concluso.

FONTE: RT

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti