Il guru dei media di Putin muore in albergo di lusso a Washington. "Attacco di cuore" o qualcosa in più?

Il guru dei media di Putin muore in albergo di lusso a Washington. "Attacco di cuore" o qualcosa in più?

Z. H. "Nessuno sembra pensare che sia strano che un magnate dei media russo sia morto in una stanza d'albergo statunitense da un apparente "attacco di cuore", in una fase in cui le relazioni tra Washington e Mosca si sono deteriorati al livello di guerra fredda 2.0 e siti come RT e Sputnik stanno diventando sempre più importanti tra i lettori occidentali"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


L'ex ministro della comunicazione russo e uno dei fondatori nel 2005 del canale Russia Today, Mikhail Lesin, è morto nell'albergo Dupont a Washington venerdì. Le autorità nord-americane e quelle russe hanno confermato la notizia solo sabato.
 
A distanza di giorni non si sa ancora perché Lesin, responsabile media di Gazprom come ultimo incarico, fosse a Washington. Vladimir Putin "ha espresso le sue condoglianze più sincere".



Dal Cremlino è arrivata questa nota:
 
"Il presidente ha un alto apprezzamento per la grande partecipazione di Mikhail Lesin alla creazione della moderna mass media russi. In Occidente, Lesin è più conosciuto per il suo ruolo nel concepimento Russia Today (ora RT), una rete televisiva in lingua inglese statale che offre un'alternativa non occidentale agli eventi globali, incoraggiando gli spettatori a un'altra visione. Dal suo lancio nel 2005, RT ha ampliato attraverso i diversi continenti le trasmissioni in più lingue, e presenta con successo il punto di vista russo sugli eventi mondiali, qualcosa che ancora i suoi critici più severi non hanno ammesso. Il ruolo di Lesin nella creazione di RT è probabilmente il suo più grande successo".
 
La morte di Lesin è stata ascritta al solito inspiegabile "attacco di cuore". RIA Novosti ha citato un membro della famiglia che confermava la morte con un attacco di cuore. Russia Today, senza fornire una fonte, ha suggerito che Lesin era affetto da una malattia prolungata.
 
Cosa c'è di particolarmente strano circa la copertura dei media di questa storia (e questo vale per i media russi anche), è che nessuno sembra pensare che sia strano che un magnate dei media russo sia morto in una stanza d'albergo statunitense da un apparente "attacco di cuore", in una fase in cui le relazioni tra Washington e Mosca si sono deteriorati al livello di guerra fredda 2.0 e siti  come RT e Sputnik stanno diventando sempre più importanti tra i lettori occidentali, in particolare per l'informazione sulla campagna contro il terrorismo dell'Isis lanciata dal Cremlino in Siria.
 
E per coronare il tutto, scrive correttamente Zero Hedge, non si sa perché Lesin era in città e non si scrive che i legislatori degli Stati Uniti avevano aperto un'indagine formale sulla sua fortuna. Il senatore Roger Wicker ha invitato il Dipartimento di Giustizia ad avviare un'indagine su Lesin per le accuse di corruzione e riciclaggio di denaro. In una lettera all'allora procuratore generale Eric Holder, si denunciavano "attività svariati in milioni di dollari durante il suo mandato come funzionario pubblico", tra cui più abitazioni a Los Angeles.
 
Si consideri poi, ad arricchire il tutto, le note dichiarazioni di John Kerry su RT (notare che la diplomazia americana accusa in modo esilarante media stranieri di "distorcere ciò che sta accadendo o non sta accadendo”):
 

E la risposta della responsabile di RT, Margarita Simonyan con un tweet: "Sorprendentemente, il segretario Kerry in questo difficile e umiliante momento per la sua patria non ha nulla di più urgente di cui occuparsi che il nostro canale televisivo. Stiamo progettando di scrivere una richiesta ufficiale al Dipartimento di Stato per comunicarci gli esempi concreti di quando RT ha distorto i fatti. E 'un peccato che il capo del Dipartimento di Stato sappia così poco di quello che sta succedendo in Ucraina in questo momento. "
 
Ecco poi la risposta di Simonyan su Lesin venerdì:
 
Quindi, in ogni caso, Lesin non era un uomo che era particolarmente popolare dentro la Beltway dove inspiegabilmente si trovava la scorsa settimana. Eppure, ci sono tutti i tipi di domande per cui è difficile determinare ciò che in realtà "è o non sta accadendo" (per citare John Kerry). 
 
La figura di Lesin ha indubbi scheletri nell'armadio. Durante il suo mandato come ministro della comunicazione, Lesin avrebbe partecipato al trasferimento delle aziende di Vladimir Gusinsky alle società di comunicazione del gigante energetico statale Gazprom. Come ha ricordato RIA Novosti, il guru dei media, inoltre, si dice aver avuto un ruolo chiave nella creazione di un nastro segreto compromettente per l'ex procuratore generale Yuri Skuratov, noto avversario di Eltsin, e che stava conducendo un'indagine su casi di corruzione del governo.
 
E poi c'è questa notizia da dicembre scorso (di nuovo, via Sputnik):
 
Il capo della  Gazprom-Media Holding, Mikhail Lesin, avrebbe fatto ufficialmente la domanda di dimettersi, citando problemi familiari. Tale richiesta sarà esaminato nella prossima riunione del consiglio Gazprom-Media", ha detto il servizio stampa.
 
Lesin era quasi sicuramente un "qualcuno" importante, e quando un "qualcuno" muore in una stanza d'albergo a Washington per un misterioso "attacco di cuore", e nessuno sa cosa che "qualcuno" stava facendo nella città più potente del mondo, conclude Zero Hedge, un giornalista dovrebbe iniziare a fare delle domande sulla narrazione ufficiale, indipendentemente da dove ha origine quella narrativa. Altrimenti si lascia che sia il Fatto Quotidiano a scrivere la “verità” per l'Italia con una serie di menzogne della solita narrativa di propaganda. 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti