Washington Post: 'Erdogan sta spingendo la Turchia in un buco sempre più profondo da cui non c'è scampo'

Washington Post: 'Erdogan sta spingendo la Turchia in un buco sempre più profondo da cui non c'è scampo'

"Quello che sta accadendo in Siria è una questione di sopravvivenza per Erdogan, quindi non si può escludere niente"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


La Turchia si trova di fronte ad un vero e proprio "incubo strategico" con le sue città che sono sotto attacco da parte dei terroristi, all'interno del paese prosegue il confronto con i curdi, i suoi confini sono diventati insicuri, l'economia turca è in depressione e i suoi principali alleati ignorano le sue richieste, scrive il Washington Post.
 
Fino a quattro anni fa, questo paese che sembrava destinato ad essere uno dei principali vincitori della primavera araba, era considerato dall'Occidente come modello e nella regione era visto come uno dei paesi leader. Ma tutto è cambiato a causa di cambiamenti nel panorama geopolitico e il conflitto siriano, si legge nell'articolo del quotidiano americano.
 
Una "catastrofe multiforme" in vista
 
"La Turchia deve affrontare una catastrofe multiforme. Questo è un paese che ha spesso avuto problemi in passato, ma la grandezza di ciò che sta accadendo ora è al di là della capacità di Ankara", scrive il giornale citando le parole del docente di Relazioni internazionali presso l'Università Ipek della capitale turca, Gokhan Bacik.
 
Questa settimana Ankara non ha ottenuto il pieno sostegno del suo principale alleato (USA) per un'operazione contro la milizia curda in Siria che combatte contro il Stato islamico . La Turchia "è completamente isolata, intrappolata in un labirinto di problemi, alcuni dei quali creati da lei stessa", dice professore di Relazioni Internazionali presso l'Università Kadir Has di Istanbul, Soli Ozel.
 
"E ha rovinato i rapporti con tutto il mondo e ora non può convincere nessuno a fare qualcosa. E' un paese le cui parole non hanno più alcun peso. Si vanta, ma non mantiene le promesse. Non può proteggere i suoi interessi vitali, è in disaccordo con tutti, anche con i suoi alleati. Per un paese che fino a poco tempo era visto come una potenza regionale emergente, questi fatti sono disastrosi ", si lamenta Ozel.
 
Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha lasciato intendere che è pronto a lanciare un'operazione militare in territorio siriano, ma non ha il sostegno dell'opinione pubblica o delle Forze Armate. 
 
Erdogan sta spingendo il paese in un "buco sempre più profondo da cui non c'è scampo", e sembra che il presidente abbia elaborato male la sua strategia, aggiunge il 'Washington Post'.
 
Il Presidente turco "ha gestito male la politica estera a causa della sua arroganza. Nel 2010 era troppo fiducioso e questo gli ha dato alla testa", ha detto Henri Barkey, esperto di Turchia presso il Centro Wilson di Washington.
 
Uno scenario non incoraggiante per la Turchia
 
Bacik ritiene che "non si possono escludere altri passi falsi" di Erdogan. Non si può dire che "la Turchia ha perso la testa ed è pronta per la guerra, ma la posizione di Ankara è molto strana e potrebbe portare delle sorprese", ha detto l'accademico.
 
"Quello che sta accadendo in Siria è una questione di sopravvivenza per Erdogan, quindi non si può escludere niente. Per la Turchia, non si prospetta uno scenario futuro molto incoraggiante", ha detto Bacik 

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti