Russia, Ministero degli Esteri: La Turchia invia armi ai terroristi in Siria nei camion con aiuti umanitari

Russia, Ministero degli Esteri: La Turchia invia armi ai terroristi in Siria nei camion con aiuti umanitari

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha anche deplorato il fatto che i giornalisti turchi che riportano questa notizia sono perseguiti da Ankara.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I convogli di aiuti umanitari che vanno dalla Turchia alla Siria contengono armi per i terroristi che lottano contro il governo siriano, ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov citato da TASS.


 
"Una sfida particolare è quella di interrompere la fornitura dia rmi terroristidall'esterno, quindi è necessario chiudere il confine siriano-turco, attraverso il quale la fornitura di armi ai gruppi armati, arriva anche nei convogli con gli aiuti umanitari", ha spiegato Lavrov, nel corso di una riunione ad alto livello del Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani a Ginevra.
 
Il Ministro degli Esteri russo ha sottolineato che la crisi umanitaria che affligge milioni di persone in Siria a causa del conflitto è utilizzata da coloro che cercano di rovesciare il governo di Bashar al Assad.
 
"Ankara nascosto le armi finiscono nelle mani dello Stato islamico."
 
D'altra parte, Lavrov ha aggiunto che i giornalisti turchi che rivelano al pubblico queste informazioni sulla fornitura di armi da parte di Ankara ai gruppi terroristici che operano in territorio siriano sono perseguiti dalle autorità turche. "I giornalisti che riferiscono queste notizie sono perseguiti e condannati a diversi anni di prigione. Tra l'altro, si tratta di libertà di espressione", ha aggiunto Lavrov.
 
Lo scorso maggio, il quotidiano turco Cumhuriyet ha riferito che i camion turchi trasportano armi in Siria. I Reporter dal giornale hanno affermato che Ankara "nasconde le armi che finiscono nelle mani dello Stato islamico". Il capo del direttore di giornale è stato imprigionato dal procuratore turco in attesa di giudizio per spionaggio e tradimento.

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente