150 minuti Pechino-New York

150 minuti Pechino-New York

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato blocco deciso da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura. Iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

di Adriano Madaro

L'anno è cominciato bene per la Cina. Controllo quasi totale del virus e successo senza pari dei Giochi olimpici invernali. Le minacce americane di disertare l'evento e addirittura di "punire" il Dragone con sanzioni (perché mai? e con quale diritto?) tentando di coinvolgere l'Europa delle "democrazie" sono miseramente fallite nel ridicolo planetario.

La Cina avanza e nessuno può fermare il successo di una grande economia per il fatto di essere tale. Il progresso ha una sua logica inarrestabile. Chi resta indietro non può prevaricare con le bugie o agitando l'arma ridicola dei "diritti umani". Che poi, la deficienza di questi, proprio negli Stati Uniti è a dir poco clamorosa. La perdita di democrazia dell'America da Obama in giù è un dato di fatto, soprattutto dopo il Premio Nobel per la pace a chi ha fatto il piazzista di armi presso i governi "democratici".

Torniamo alla Cina, che pur con tutto il male che se ne dice potrebbe seriamente contribuire a un bilanciamento tra Bene e Male, entrambi prodotti delle genti bianche e delle loro storie vergognose (guerre, deportazioni, schiavitù, sfruttamento, genocidi). Di cosa si può accusare la Cina al cospetto delle nefandezze del mondo "civile" occidentale? Di avere subìto per un secolo e mezzo le sofferenze inflitte per la maggiore da inglesi, francesi. tedeschi, russi, americani, giapponesi (limitatamente alla repressione della rivolta dei Boxer nell'estate 1900 anche da austroungarici, italiani, belgi).

La Cina oggi fa paura? In un certo senso è giusto, ma la fa soprattutto a chi è in debito storico doloso con lei. Eppure la Cina non rivendica alcun ruolo di superiorità. A livello internazionale essa pratica la dottrina anti-egemonica, che non significa rinunciare al progresso e forse un giorno nemmeno al suo primato. La Cina è in marcia da un bel po'. L'America vuole fermarla con la guerra? Le prenderà, dieci volte più che l'anno scorso a Kabul.

E mentre Washington pensa alla guerra e cerca di accendere fuochi nel cuore dell'Europa per coinvolgere il continente in un disastro, piazzando le armi che ora non riesce a smaltire; mentre Joe Biden, ancorché instabile nella camminata scivolosa e anche un pochino incontinente, indossa l'armatura vanagloriosa di Capitan Fracassa, la Cina va avanti, produce, stringe accordi, si prepara all'ineluttabile.

E l'Europa? Niente, l'Europa ora ha collare e guinzaglio, è giuliva e "orgogliosamente atlantista"... E allora segnalo, tanto per capirci, l'ultimo prodigio della tecnologia cinese: l'aereo-missile che volerà a 2.600 miglia orarie (4.186 km/h), avrà equipaggio e passeggeri a formula variabile, coprirà la distanza tra Pechino e New York (10.980 km) in 150 minuti. Il suo debutto è in calendario per inizio 2025: fra tre anni! Intanto si accettano prenotazioni.

 

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti