200 anni di Dottrina Monroe

200 anni di Dottrina Monroe

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Dottrina Monroe ha compiuto 200 anni. La maggior parte degli osservatori latinoamericani considera la dottrina, che dichiara le Americhe una zona chiusa alle interferenze di potenze straniere, un "fardello imperiale". Anche alcuni funzionari statunitensi la considerano ormai un vergognoso anacronismo.

"L'era della Dottrina Monroe è finita", dichiarava in tal senso nel 2013 l'allora Segretario di Stato John Kerry. Tuttavia c’è qualcuno che la ritiene ancora attuale. L’editorialista di Bloomberg Hal Brands ritiene che a due secoli dalla sua adozione, la dottrina resti più importante di quanto molti vogliano ammettere.

In particolare, Brands la considera "la migliore strategia statunitense per la seconda guerra fredda".

Sebbene la Dottrina Monroe sia vista con disprezzo da qualcuno a Washington e in America Latina, essa rimane il fondamento dell'ordine liberale internazionale che gli Stati Uniti ora guidano, sostiene l'autore. 

La Dottrina Monroe e l’imperialismo USA

La Dottrina Monroe, articolata per la prima volta dal presidente James Monroe nel 1823, segnò un momento fondamentale nella storia degli Stati Uniti e nella sua affermazione come potenza globale. La Dottrina delineava una politica di non interferenza da parte delle potenze europee negli affari delle nazioni dell’emisfero occidentale e, in cambio, gli Stati Uniti si impegnavano a non interferire negli affari interni delle nazioni europee. Mentre promuoveva superficialmente e in maniera strumentale gli ideali di pace e cooperazione, la Dottrina servì soprattutto come pretesto agli Stati Uniti per espandere la propria influenza e affermarsi come forza dominante nelle Americhe. Ha segnato la nascita dell’imperialismo statunitense e ha posto le basi per la politica estera aggressiva del paese nei decenni successivi.

Prima della Dottrina Monroe, le potenze coloniali europee avevano riaffermato il loro controllo sulle nazioni indipendenti emergenti in America Latina. Molti di questi paesi avevano recentemente ottenuto l’indipendenza dalla Spagna e dal Portogallo, e le nazioni europee desideravano mantenere il loro dominio nella regione. Gli Stati Uniti, guidati dal presidente Monroe e dal segretario di Stato John Quincy Adams, cercarono di impedire questa riconquista e di mantenere lo status quo. Tuttavia, dietro questa politica di non interferenza si nasconde il desiderio implicito di garantire il dominio e l’egemonia degli Stati Uniti nella regione.

La Dottrina stabiliva chiaramente gli Stati Uniti come protettori delle nazioni dell’emisfero occidentale. Metteva in guardia le potenze europee contro qualsiasi intervento o tentativo di colonizzazione nelle Americhe e dichiarava che tali azioni sarebbero state viste come una minaccia alla pace e alla sicurezza degli Stati Uniti. Questa dichiarazione di fatto diede agli Stati Uniti il diritto di intervenire negli affari dei paesi vicini per difendere i propri interessi, ponendo così le basi per l’imperialismo statunitense.

Nei decenni successivi, gli Stati Uniti utilizzarono la Dottrina Monroe come giustificazione per numerosi interventi nelle Americhe. Dalle occupazioni militari in Messico, Cuba e Haiti all’annessione di territori come Porto Rico, gli Stati Uniti hanno ampliato la propria influenza e il proprio potere, affermandosi come uno dei principali attori negli affari globali. La Dottrina fornì la copertura ideologica a questo espansionismo, legittimando la pretesa degli Stati Uniti di proteggere la regione dall’aggressione europea e allo stesso tempo di promuovere i propri interessi.

Inoltre, la Dottrina Monroe rifletteva anche un crescente senso di eccezionalismo statunitense e la fiducia nel destino manifesto del paese. Descriveva gli Stati Uniti come una forza benevola nel mondo, destinata a diffondere democrazia, libertà e prosperità. Autoproclamandosi come protettori delle Americhe, gli Stati Uniti hanno giustificato i propri interventi come necessari per mantenere la stabilità e promuovere i propri valori. Questa narrazione dell’eccezionalismo USA avrebbe continuato a plasmare la politica estera statunitense nei decenni a venire.

La Dottrina Monroe rappresentò quindi un punto di svolta nella storia degli Stati Uniti. Anche se inizialmente presentata come una politica volta a preservare l’indipendenza e la sovranità delle nazioni dell’emisfero occidentale, questa politica segnò la nascita dell’imperialismo statunitense e l’estensione dell’influenza USA in tutto il mondo. Le motivazioni alla base della Dottrina e le azioni successive servirono ad espandere la portata degli Stati Uniti e gettarono le basi per la sua emergenza come potenza globale. 

Per questo motivo,oggi, nel cuore del decadente impero statunitense, qualcuno la vorrebbe riesumare nel vano tentativo di fermare l’avanzata delle nazioni emergenti stufe della tracotanza unipolare dell’Occidente. 

Dottrina Monroe e ALBA-TCP

La Dottrina Monroe, articolata per la prima volta dal presidente James Monroe nel 1823, è stata per decenni un pilastro fondamentale della politica estera degli Stati Uniti. Proclamava che le Americhe dovevano essere libere dalla colonizzazione europea e che qualsiasi interferenza da parte delle potenze europee sarebbe stata vista come un atto ostile nei confronti degli Stati Uniti. Affermò di fatto il dominio degli Stati Uniti nell’emisfero occidentale e divenne una pietra angolare dell’imperialismo nordamericano. Tuttavia, negli ultimi anni, l’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America – Trattato sul Commercio dei Popoli (ALBA-TCP) è emersa come risposta antimperialista alla Dottrina Monroe.

L'ALBA-TCP è un'organizzazione intergovernativa fondata nel 2004, composta da diverse nazioni dell'America Latina e dei Caraibi. È stata istituita principalmente come iniziativa di integrazione economica, con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo sociale e ridurre la dipendenza economica dalle potenze straniere, in particolare dagli Stati Uniti. L'ALBA-TCP vede la Dottrina Monroe come un simbolo dell'egemonia e dell'ingerenza USA nella loro regione. La loro risposta è stata quella di affermare i principi di autodeterminazione, integrazione regionale e sovranità sui propri affari.

Uno dei modi principali con cui l’ALBA-TCP ha contrastato la Dottrina Monroe è stato attraverso alleanze diplomatiche e iniziative di integrazione. L’organizzazione ha promosso la cooperazione tra i suoi stati membri, incoraggiando accordi commerciali bilaterali e iniziative come Petrocaribe. Queste iniziative mirano a ridurre la dipendenza dagli Stati Uniti e a promuovere l’integrazione regionale in settori quali l’energia, la finanza e la sanità.

L’ALBA-TCP ha anche sfidato attivamente la Dottrina Monroe sostenendo governi e leader che sono visti come una sfida all’egemonia statunitense. Ad esempio, l’alleanza ha fortemente sostenuto i governi socialisti di Venezuela e Cuba, che hanno e si trovano tutt’ora ad affrontare l’ostilità di Washington e tentativi di regime change. La solidarietà dell'ALBA-TCP con queste nazioni è vista come una sfida diretta alla Dottrina Monroe e all'influenza degli Stati Uniti nella regione.

In conclusione, l’ALBA-TCP è emersa come una risposta antimperialista alla Dottrina Monroe. Attraverso alleanze diplomatiche, iniziative di integrazione e sostegno ai governi che sfidano l’egemonia americana, l’ALBA-TCP cerca di ridurre la dipendenza dagli Stati Uniti e affermare la sovranità regionale. Questa risposta evidenzia le tensioni esistenti tra l’imperialismo statunitense e le aspirazioni delle nazioni dell’America Latina e dei Caraibi a perseguire il proprio percorso di sviluppo e autodeterminazione. Concetti rimarcati dal presidente cubano Miguel Díaz-Canel, il quale nel dicembre del 2022 riguardo l’ALBA affermava: “Non c'è dubbio che i nostri comandanti, Fidel Castro Ruz e Hugo Rafael Chávez Frías, erano già nel futuro quando hanno concordato nel creare l'ALBA. Fidel e Chávez ci hanno unito nell'ALBA, ci hanno unito in una vera alleanza di solidarietà". 

Una visione condivisa dal presidente venezuelano Maduro. Fidel e Chávez hanno fondato questa alleanza. Quando, nel primo decennio del secolo, un'ondata di cambiamenti progressisti si stava sollevando nel continente, Cuba e Venezuela "unirono le nostre due rivoluzioni, i nostri popoli e le nostre capacità per dire all'America Latina e ai Caraibi: dobbiamo marciare insieme, dobbiamo costruire e unire le forze di un continente eroico che ha combattuto tante battaglie per secoli, per la sua uguaglianza, per la sua liberazione, per la sua indipendenza, per la sua emancipazione definitiva".

Un concezione completamente antitetica al gretto ed egoistico colonialismo mascherato della Dottrina Monroe statunitense. 

Dottrina Monroe e mondo multipolare

Negli ultimi anni si è assistito ad un crescente riconoscimento dell’emergere di un mondo multipolare, segnato dal declino della posizione dominante degli Stati Uniti sulla scena globale. Questo cambiamento è indicativo di una dinamica di potere globale in evoluzione, in cui diversi paesi, come Cina, Russia, Iran, e India, si stanno affermando come principali attori globali. In quanto tale, questo cambiamento mette in discussione il dominio di lunga data degli Stati Uniti, portando alla fine della Dottrina Monroe, una politica che come abbiamo visto ha plasmato le relazioni estere del Paese per quasi due secoli.

Il declino degli Stati Uniti in un mondo multipolare non si limita esclusivamente al declino del potere economico e militare, ma comprende anche il cambiamento delle percezioni e degli atteggiamenti nei confronti della leadership unipolare di Washington. All’indomani della crisi finanziaria del 2008, il mondo ha assistito all’ascesa delle economie emergenti e a una crescente disillusione nei confronti del modello statunitense di capitalismo. Ciò ha eroso la percezione degli Stati Uniti come nazione ideale o modello, portando a una rivalutazione sostanziale della loro influenza globale.

Inoltre, l’ascesa di nuove potenze globali, come la Cina, ha comportato una ridistribuzione del potere politico ed economico. La rapida crescita economica della Cina e la crescente influenza in diverse regioni hanno messo a dura prova la supremazia degli Stati Uniti, poiché si afferma come una grande potenza economica, rivaleggiando e addirittura superando gli Stati Uniti per certi aspetti. Parallelamente all’ascesa di altre potenze regionali, come Russia, Iran e India, la dinamica del potere globale sta diventando sempre più complessa e frammentata, diluendo così il dominio statunitense osservato nel periodo successivo alla Guerra Fredda.

Mentre il sistema internazionale passa al multipolarismo, la Dottrina Monroe, che mirava (solo in teoria) a prevenire la colonizzazione europea nelle Americhe, sta diventando sempre più irrilevante, antistorica. I fondamenti della dottrina si basavano sulla posizione egemonica degli Stati Uniti nell'emisfero occidentale, consentendo loro di agire come custode di una stabilità regionale e quindi proteggere i propri interessi. Tuttavia, in un mondo multipolare, altre potenze stanno guadagnando influenza ed espandendo la loro presenza oltre le proprie regioni, sfidando la capacità degli Stati Uniti di esercitare un dominio unilaterale.

Ergo, l’emergere di un mondo multipolare significa il declino del dominio globale degli Stati Uniti, sia in termini di influenza economica che politica. Poiché il potere è sempre più distribuito tra i principali attori sulla scena globale, l’egemonia USA viene messa in discussione. Di conseguenza, anche il ruolo degli Stati Uniti come potenza dominante nell’emisfero americano, rappresentato dalla Dottrina Monroe, sta svanendo. 

Il nuovo mondo in costruzione non accetta tracotanza, imposizioni violente, blocchi economici, minacce, colpi di Stato e gretti egoismi imposti con la forza. Gli Stati Uniti hanno ormai imboccato il viale del tramonto e con essi strumenti di oppressione, pur se ben mascherati, come la nefasta Dottrina Monroe. Duecento anni possono bastare.

 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti