85.000 bambini sono morti di fame in Yemen dall'inizio dell'aggressione saudita

85.000 bambini sono morti di fame in Yemen dall'inizio dell'aggressione saudita

Save the Children afferma che circa 85.000 bambini yemeniti sono morti per denutrizione, dall'inizio dell'aggressione dell'Arabia Saudita allo Yemen.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


In un rapporto pubblicato ieri, l'avvocato dell'organizzazione non governativa per l'infanzia ha riferito che più di 84 700 bambini sotto i cinque anni sono morti di fame in Yemen dal 2015, quando l'Arabia Saudita ei suoi alleati hanno lanciato una brutale guerra contro il paese più povero del Mondo arabo.


 
"Siamo inorriditi che circa 85 000 bambini nello Yemen sono morti di fame estrema dopo la guerra (...) Per ogni bambino ucciso da bombe e proiettili, decine muoiono di fame", ha lamentato Tamer Kirolos, responsabile dell'organizzazione nello Yemen.
 
Inoltre, Kirolos ha avvertito di un "drammatico aumento" per gli attacchi di Riad nella città portuale di Al-Hudaydah nella parte occidentale dello Yemen, e l'intensificazione dei combattimenti nelle province di Taiz (sud-est), Sana'a e Saada (nord-ovest ).
 
"Nelle ultime settimane ci sono stati centinaia di attacchi aerei contro Al-Hudayda che mettono in pericolo la vita di circa 150.000 bambini ancora intrappolati nella città", ha aggiunto.
 
Gli attacchi e il blocco saudita ha costretto l'ONG a portare i rifornimenti vitali verso il nord dello Yemen attraverso il porto di Aden (sud) in luogo di quello di Al-Hudaydah, triplicando il tempo per gli aiuti di raggiungere chi ne ha bisogno.
 
A causa di questa situazione, il funzionario di Save the Children ha esortato l'Arabia Saudita e i suoi alleati, tra cui gli Emirati Arabi Uniti di porre fine immediatamente l'aggressione contro lo Yemen.
 
Riad e i suoi alleati hanno annunciato lo scorso mercoledì la sospensione della loro offensiva su larga scala per quasi due settimane contro Al-Hudayda; Tuttavia, il movimento popolare yemenita Ansarollah ha avvertito che l'Arabia Saudita ha cessato le operazioni nella città portuale per rafforzare e tornare a colpirla.
 
Lunedì scorso, l'Arabia Saudita ha interrotto la tregua dei suoi attacchi e ha bombardato le postazioni del movimento del popolo yemenita ad Al-Hudayda.
 

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

In difesa di Alessandro Barbero In difesa di Alessandro Barbero

In difesa di Alessandro Barbero

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti