Alle istanze dei lavoratori, Stellantis Pomigliano risponde con il sabato lavorativo. Sciopero Slai Cobas

Alle istanze dei lavoratori, Stellantis Pomigliano risponde con il sabato lavorativo. Sciopero Slai Cobas

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un paio di settimane fa, come non si vedeva da anni, le tute blu di Stellantis ex Fiat, dello stabilimento di Pomigliano d’Arco avevano scioperato all’interno dell’azienda astenendosi dal lavoro organizzando cortei interni. Queste agitazioni avevano comportato rallentamenti nella produzione dell’Alfa Romeo Tonale e del Modello Fiat Panda.

Gli operai hanno partecipato in massa a questi scioperi, indetti dalla Fiom-Cgil e dallo Slai Cobas, il sindacato di base rientrato in forze a Pomigliano dopo gli anni in cui i suoi iscritti furono traferiti in un reparto confino a Nola. Questo trasferimento, avvenuto nel 2008, con sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Napoli è stato giudicato come condotta antisindacale da parte del Lingotto.

I lavoratori nelle scorse settimane hanno protestato per i carichi di lavoro, per le condizioni precarie di igiene e sicurezza, l’unica risposta data finora dell’azienda è stata quella di indire dei sabati lavorativi, probabilmente per recuperare la produzione.

Lo Slai Cobas si è adoperato in tal senso. In un comunicato, il sindacato di base ha annunciato che si sta “adoperando per riportare in fabbrica la democrazia ed il diritto del lavoro, tenuti fuori dai cancelli della fabbrica – da troppo tempo ormai – da azienda e sindacati tutti (firmatari e non).” Inoltre, hanno ricordato che “in continuità di posizione sindacale contro le problematiche da sempre esistenti in F.C.A. Pomigliano ed ulteriormente peggiorate negli ultimi tempi, ma soprattutto con il coraggio dei lavoratori di rivendicarle con gli scioperi delle scorse settimane, lo Slai cobas indice per sabato 27 maggio uno sciopero di 8 ore per ogni turno di lavoro”.

Insomma, la lotta operaia sembra abbia preso vigore, Stellantis naturalmente non demorde. Saranno sicuramente settimane decisive.

La ripresa della spinta operaia, in aziende come Stellantis, sarebbe un chiaro segnale di svolta, che non si limiterebbe al solo contenzioso aziendale e sindacale.

Francesco Guadagni

Francesco Guadagni

 

Nato nell'anno di grazia 1979. Capolavoro e mancato. Metà osco, metà vesuviano. Marxista fumolentista. S.S.C.Napoli la mia malattia. Pochi pregi, tanti difetti, fra i quali: Laurea in Lettere Moderne, Iscrizione all'Albo giornalisti pubblicisti della Campania dal 2010. Per molti anni mi sono occupato di relazioni sindacali, coprendo le vertenze di aziende multinazionali quali Fiat e di Leonardo Finmeccanica. Impegno di militanza politica, divenata passione, è il Medio Oriente. Per LAD Gruppo Editoriale ho pubblicato il libro 'Passione Pasolini - Un Viaggio con David Grieco', prefazione di Paolo Desogus. 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti