"Almeno 14 morti". Colombia, la brutale repressione di Duque in Italia non fa notizia

"Almeno 14 morti". Colombia, la brutale repressione di Duque in Italia non fa notizia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Violenza e repressione brutale non hanno fermato i colombiani decisi ad affossare la riforma tributaria decisa dal regime di Duque. Una serie di misure che avrebbe colpito con forza la classe media e i ceti più bassi, in un paese che è già tra i più diseguali del mondo. Un regno neoliberista dove vige la legge del più forte. 

Le proteste hanno provocato almeno otto morti e feriti gravi. A questo punto il regime è stato costretto a fare una parziale retromarcia: il presidente Duque ha annunciato che la riforma deve essere realizzata, ma per placare la rabbia popolare ha annunciato alcuni cambiamenti. 

Duque ha annunciato che cambierà il contenuto della proposta e sostituirà alcuni punti.

Il presidente colombiano ha dichiarato di avere "la ferma intenzione di raggiungere il consenso con i settori popolari e le istituzioni".

Quali cambiamenti propone Duque?

Non ci sarà IVA per beni e servizi; L'imposta sui prodotti del paniere familiare di base non verrà aumentata.
La base imponibile dei redditi non verrà ampliata: chi oggi non paga l'imposta sul reddito non dovrà pagarla.
Non ci sarà IVA sui servizi pubblici.
Non ci sarà IVA sulla benzina.

Adesso, la prossima settimana sarà decisiva per sapere cosa accadrà con la riforma fiscale al Congresso, dopo aver incaricato il ministero delle Finanze di costruire un nuovo testo, che comprenda le proposte che i partiti e le organizzazioni hanno fatto.

Nonostante la parziale retromarcia di Duque i cittadini hanno continuato a protestare per chiedere la completa cancellazione della riforma. E annunciato uno sciopero generale il 19 maggio se la riforma non sarà ritirata. 

La repressione del regime è stata inaudita e brutale. Non ci sono ancora cifre chiare, ma secondo la rete per i diritti umani di Isaías Cifuentes il bilancio potrebbe essere di almeno 14 morti.

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica di Antonio Di Siena Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica

Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti