"Almeno 14 morti". Colombia, la brutale repressione di Duque in Italia non fa notizia

"Almeno 14 morti". Colombia, la brutale repressione di Duque in Italia non fa notizia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Violenza e repressione brutale non hanno fermato i colombiani decisi ad affossare la riforma tributaria decisa dal regime di Duque. Una serie di misure che avrebbe colpito con forza la classe media e i ceti più bassi, in un paese che è già tra i più diseguali del mondo. Un regno neoliberista dove vige la legge del più forte. 

Le proteste hanno provocato almeno otto morti e feriti gravi. A questo punto il regime è stato costretto a fare una parziale retromarcia: il presidente Duque ha annunciato che la riforma deve essere realizzata, ma per placare la rabbia popolare ha annunciato alcuni cambiamenti. 

Duque ha annunciato che cambierà il contenuto della proposta e sostituirà alcuni punti.

Il presidente colombiano ha dichiarato di avere "la ferma intenzione di raggiungere il consenso con i settori popolari e le istituzioni".

Quali cambiamenti propone Duque?

Non ci sarà IVA per beni e servizi; L'imposta sui prodotti del paniere familiare di base non verrà aumentata.
La base imponibile dei redditi non verrà ampliata: chi oggi non paga l'imposta sul reddito non dovrà pagarla.
Non ci sarà IVA sui servizi pubblici.
Non ci sarà IVA sulla benzina.

Adesso, la prossima settimana sarà decisiva per sapere cosa accadrà con la riforma fiscale al Congresso, dopo aver incaricato il ministero delle Finanze di costruire un nuovo testo, che comprenda le proposte che i partiti e le organizzazioni hanno fatto.

Nonostante la parziale retromarcia di Duque i cittadini hanno continuato a protestare per chiedere la completa cancellazione della riforma. E annunciato uno sciopero generale il 19 maggio se la riforma non sarà ritirata. 

La repressione del regime è stata inaudita e brutale. Non ci sono ancora cifre chiare, ma secondo la rete per i diritti umani di Isaías Cifuentes il bilancio potrebbe essere di almeno 14 morti.

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti