Almeno 25 morti e 20 feriti causati da attacco ucraino al mercato di Donetsk

Almeno 25 morti e 20 feriti causati da attacco ucraino al mercato di Donetsk

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il bilancio delle vittime dell'attacco delle Forze Armate ucraine (AFU) a un mercato di Donetsk è salito a 25 persone, con almeno 20 feriti. Questo è quanto riferito dal leader della Repubblica Popolare di Donetsk (DNR) Denis Pushilin nel pomeriggio di domenica 21 gennaio.

"Al momento sono state confermate le informazioni su 25 morti. Almeno altre 20 persone sono rimaste ferite, di cui due bambini sono in uno stato di media gravità", ha scritto nel suo canale Telegram.

Pushilin ha sottolineato che tutti i feriti stanno ricevendo le cure mediche necessarie. Secondo quanto viene riferito, tra loro ci sono feriti gravi, tre dei quali non hanno potuto essere salvati. A questo proposito, il capo della DNR ha offerto le sue condoglianze alle famiglie e agli amici delle vittime.

Ha inoltre specificato che le truppe del regime di Kiev hanno lanciato un attacco combinato sul quartiere con artiglieria di calibro 152 mm e 155 mm.

All'inizio della giornata l'AFU ha bombardato il territorio affollato di persone del mercato nel quartiere Kirov di Donetsk. Un filmato pubblicato da Izvestia mostra i corpi dei civili morti che giacciono a terra vicino ai padiglioni commerciali. Continuano ad arrivare informazioni sulle conseguenze dei bombardamenti.

Commentando l'attacco, Pushilin ha fatto notare che il mercato è stato attaccato durante il fine settimana, la domenica, quando è più affollato. Uno dei testimoni oculari del bombardamento ha anche detto a Izvestia che le forze armate ucraine hanno preso di mira i negozi e dopo i bombardamenti le bancarelle del mercato hanno preso fuoco.

"Oggi i neofascisti ucraini hanno cinicamente bombardato un luogo molto frequentato della città, dove un gran numero di persone pacifiche si reca in un giorno di riposo", ha dichiarato il sindaco di Donetsk sul suo account Telegram. "Per i loro fallimenti sul fronte, hanno deciso di vendicarsi in modo spregevole sugli abitanti indifesi di Donetsk".

Inoltre, nelle ultime 24 ore sono stati registrati 43 attacchi armati contro la Repubblica Popolare di Donetsk. In questi attacchi, un civile è stato ucciso e nove persone sono state ferite.

Secondo quanto riferito, le forze del regime di Kiev hanno sparato un totale di 161 proiettili di diverso tipo. Inoltre, sono stati danneggiati 44 edifici residenziali e 21 infrastrutture sociali.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti