Anche Youtube censura Trump

Anche Youtube censura Trump

Il tutto mentre due banche - Deutsche Bank e Signature - gli chiudono i conti

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Dopo Facebook, Twitter ora anche Google - attraverso YouTube - passa alla censura diretta del presidente statunitense ancora in carica, Donald Trump.

 

 

Sostenendo di aver caricato un video che viola le sue politicy, Youtube ha deciso di censurare il profilo di Trump per una settimana (in coincidenza con la fine della sua presidenza) fino alla fine della sua presidenza, con i commenti su tutti gli altri video disabilitati a tempo indeterminato a causa di "problemi di sicurezza".

La censura è avvenuta nella sera di martedì quando lo staff del presidente in carica aveva caricato sul suo account due video su YouTube. Non è chiaro quale abbia "violato" le norme di YouTube. I video erano sintesi del suo discorso in Texas, che anche le reti televisive si sono rifiutate di trasmettere.

Il tutto avviene nella giornata in cui due grandi banche hanno annunciato che si rifiuteranno di "fare affari" con il presidente Trump e chiuderanno i conti che ha con loro. Bloomberg News riferisce che la Deutsche Bank con sede in Germania e la Signature Bank con sede a New York hanno annunciato che chiuderanno ogni legame con Trump a seguito degli eventi della scorsa settimana al Campidoglio. 

Trump detiene due conti con la banca, per un totale di 5 milioni di dollari investiti. "Non abbiamo mai commentato prima una questione politica e speriamo di non farlo mai più", ha sostenuto Signature indicando come la decisione da prendere sia quella delle dimissioni. La Deutsche Bank, con la quale Trump ha prestiti per circa 340 milioni di dollari in sospeso, ha deciso di recidere i legami con il presidente, dopo quasi 20 anni di affari con lui.

Il mese scorso, due banchieri di Deutsche che avevano lavorato a stretto contatto con Trump hanno rassegnato le dimissioni. Sebbene non ci sia stata alcuna dichiarazione formale riguardo a Trump, il capo delle operazioni statunitensi di Deutsche Christiana Riley si è espressa contro i disordini del Campidoglio la scorsa settimana, affermando su LinkedIn che la banca è solo con gli americani che sostengono una "transizione pacifica del potere". "La violenza non ha posto nella nostra società e le scene a cui abbiamo assistito sono una vergogna per l'intera nazione", ha scritto Riley, aggiungendo "Siamo orgogliosi della nostra Costituzione e sosteniamo coloro che cercano di sostenerla per garantire che la volontà del le persone sono sostenute e ha luogo una transizione pacifica del potere ".

Potrebbe anche interessarti

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti