AP: Scholz è andato da Biden per trovare una via d’uscita dall’impasse ucraina

AP: Scholz è andato da Biden per trovare una via d’uscita dall’impasse ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ospitato il Cancelliere tedesco Olaf Scholz, mentre in Europa cresce la preoccupazione per la capacità della Casa Bianca di superare lo stallo del Congresso che blocca i nuovi aiuti all'Ucraina, come riporta l'Associated Press. Scholz si è recato a Washington per rafforzare una tesi che lo stesso Biden sostiene da mesi: una vittoria russa in Ucraina metterebbe a rischio l'Occidente e i suoi alleati.

Il cancelliere tedesco sottolinea l'importanza del dibattito per l'Europa e per il resto del mondo, dato che i repubblicani alla Camera dei Rappresentanti hanno bloccato i nuovi finanziamenti statunitensi. Lo stallo ha portato gli Stati Uniti a interrompere le forniture di armi a Kiev in un momento cruciale del conflitto, durato quasi due anni, lasciando i soldati ucraini senza munizioni e missili a sufficienza. I repubblicani sostengono che gli Stati Uniti non possono permettersi di continuare a versare miliardi di dollari dei contribuenti nello sforzo bellico in Ucraina e che l'Europa dovrebbe fare di più per Kiev.

Gli esperti ritengono che Scholz si aspetta che Biden risponda al suo piano B se il Congresso continuerà a litigare sui finanziamenti all'Ucraina. Se infatti non dovessero arrivare ulteriori fondi dagli Stati Uniti, ci si chiede quali strumenti abbia a disposizione l'amministrazione della Casa Bianca.

I funzionari statunitensi temono anche che l'impasse dei finanziamenti stia influenzando la strategia di Mosca. Essi notano un forte aumento degli attacchi contro la base industriale di difesa dell'Ucraina, che sembrano avere lo scopo di minare la capacità dell'Ucraina di produrre le munizioni necessarie per l'autodifesa.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti