Arabia Saudita, il più grande acquirente di armi nel mondo

Arabia Saudita, il più grande acquirente di armi nel mondo

L'Arabia Saudita è il paese con il più alto tasso di importazione di armi in tutto il mondo, lo rivela l'ultimo rapporto annuale l'Istituto di consulenza statunitense IHS.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Nella sua relazione sul commercio mondiale di Difesa, l'IHS indica che con l'acquisto nel 2015 di armi per un costo di 9,3 miliardi di dollari, l'Arabia Saudita è al primo posto nella classifica dei paesi importatori di armi, dati che sono stati pubblicati, oggi, dalla catena nordamericana Bloomberg.


 
"Un aumento del volume delle armi acquistate dall'Arabia Saudita, che guida una coalizione contro lo Yemen, ha contribuito a rafforzare le vendite di armi a livello mondiale di oltre il 10 per cento l'anno scorso", si legge su Bloomberg.


 
L'IHS osserva che il volume degli affari nel mercato della difesa globale è aumentato nel 2015 a 65.000 milioni, con un incremento di 6,6 miliardi di dollari rispetto al 2014: il più grande incremento annuo registrato negli ultimi dieci anni.
 
Mentre gli acquisti del regno arabo sono aumentati di circa il 50 per cento, continua, la crescita è stata incrementata in gran parte nei paesi del Medio Oriente e del sud-est asiatico.
 
D'altra parte, nella lista dei paesi esportatori di armi, gli Stati Uniti rimangono il principale esportatore di armi, con 23 miliardi in armi vendute nel 2015, di cui 8,8 miliardi sono andati al Medio Oriente.


 
Gli Stati Uniti sostengono Riad nella sua aggressione contro lo Yemen, che ha avuto inizio il 26 marzo 2015, e forniscono ai sauditi supporto logistico e materiale militare all'Arabia Saudita salvaguardare i propri interessi nella povera penisola arabica meridionale.
 
Nonostante le costanti critiche e proteste da varie organizzazioni internazionali, molti paesi occidentali, tra cui Germania, Regno Unito e Stati Uniti, spesso danno la loro approvazione alla vendita di attrezzature militari a Riyadh.

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti