/ Aumento continuo di riserve auree. Dopo la Russia, la febbre dell...

Aumento continuo di riserve auree. Dopo la Russia, la febbre dell'oro contagia anche la Cina

 

La seconda economia più grande del mondo ha aumentato le sue riserve auree per il quarto mese consecutivo.


Con questa mossa la Cina sta aumentando l'ottimismo secondo cui le banche centrali di tutto il mondo continueranno ad aumentare i loro affari con questo metallo prezioso, scrive la giornalista Ranjeetha Pakiam nel suo articolo per l'agenzia di stampa Bloomberg.
 
Secondo l'autrice, la People's Bank of China ha aumentato le sue riserve auree di 0,36 milioni di once a 60,62 milioni a marzo. Cioè, il mese scorso Pechino ha acquistato 11,2 tonnellate di oro. Inoltre, a febbraio, a gennaio e dicembre 2018, il paese asiatico ha acquistato rispettivamente 9,95, 11,8 e 9,95 tonnellate.
 
Oggi la Cina è il più grande produttore e consumatore di oro al mondo, la cui economia mostra alcuni segni di rallentamento, anche se Pechino e Washington sono riusciti a progredire nei loro negoziati commerciali.
 
Gli ultimi dati della People's Bank of China indicano che Pechino aumenta le sue riserve auree ad un ritmo costante, come ha fatto tra la seconda metà del 2015 e l'ottobre 2016, aumentando gli acquisti del metallo prezioso praticamente ogni mese.
 
Se la Cina continua ad accumulare lingotti a questo ritmo, potrebbe diventare il più grande acquirente d'oro dopo la Russia alla fine dell'anno, aggiungendo 274 tonnellate nel 2018 ", ha spiegato la giornalista.
 
Pakiam ricorda che ci sono stati lunghi periodi nella storia cinese quando le autorità cinesi non hanno rivelato informazioni sugli aumenti delle loro riserve auree.
Ad esempio, nella seconda metà del 2015 la banca centrale cinese ha annunciato per la prima volta in sei anni l'aumento del 57% delle sue riserve auree. In quell'anno le sue riserve ammontavano a 53,3 milioni di once. Un'altra interruzione nella divulgazione dei dati è avvenuta tra ottobre 2016 e dicembre 2018.
 
Il gruppo Goldman Sachs spera che in futuro la "corsa d'oro" continui e nei prossimi 12 mesi il prezzo dell'oro raggiungerà circa 1.450 dollari l'oncia. Il 5 aprile, il valore dell'oro per la fornitura immediata era di 1.291 dollari l'oncia.
 
 
Fonte: Bloomberg - Foto AP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa