Bashar al Assad a CCTV: “La guerra non è finita. Gli Usa collaborano con i terroristi”

Bashar al Assad a CCTV: “La guerra non è finita. Gli Usa collaborano con i terroristi”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Tornato da alcuni in Siria dopo la visita in Cina e l’incontro con il suo omologo cinese Xi Jinping, Bashar al Assad ha rilasciato un’intervista alla China Central Television (CCTV).

Assad ha affrontato vari temi, dal recente incontro in Cina e la partnership con il gigante asiatico, i nuovi equilibri mondiali, e soprattutto, il futuro del suo paese, alle prese con una recrudescenza del terrorismo fomentata dagli Stati Uniti d’America, e una ricostruzione che non decolla a causa delle sanzioni imposte sempre da Washington.

A seguire una sintesi dei temi principali toccati durante l’intervista alla CCTV.

La Cina non ha cambiato e ha preservato la sua cultura, i suoi costumi e le sue tradizioni

"Il popolo cinese ama moltissimo il proprio Paese ed è naturale che ogni popolo sia sempre orgoglioso del proprio Paese, ma è abbastanza chiaro che questo orgoglio ha raggiunto livelli molto maggiori grazie ai risultati ottenuti dalla Cina", ha ricordato Assad.

Ha aggiunto che il più importante di questi risultati è che “la Cina non è cambiata, e qui sta la sfida più grande, perché i cambiamenti portano sempre aspetti negativi, ma la Cina ha preservato la sua cultura e la sua appartenenza alla madrepatria, i suoi costumi e le sue tradizioni”.

“Molti paesi possono svilupparsi tecnologicamente, economicamente e scientificamente, ma pochi di essi riescono a mantenere la propria identità”, ha sottolineato.


“La Cina ha sostenuto politicamente la Siria e intendiamo che la cooperazione economica diventi un passo concreto”

Il leader siriano ha spiegato che oggi la Cina è una superpotenza che svolge un ruolo molto importante nel mondo, stringendo partnership lontane dall’egemonia.

“La Cina ha sostenuto politicamente la Siria attraverso il suo ruolo nel Consiglio di Sicurezza e in vari forum internazionali, oltre alle sue chiare posizioni politiche basate su principi e non su cortesie”, ha precisato.

Per quanto riguarda l'aspetto economico, ha sottolineato che la Siria dà priorità a questo settore perché soffre di un crudele e pericoloso assedio economico da parte dell'Occidente con l'obiettivo di affamare il popolo siriano.

"Naturalmente, la Cina fornisce aiuti umanitari alla Siria e svolge un ruolo importante nell'alleviare le sofferenze dei siriani, tuttavia, terremo incontri a Damasco per sviluppare meccanismi che trasformino i desideri in progetti di lavoro pratici”.


Le iniziative di promozione e sicurezza di Xi Jinping

Secondo il presidente Assad occorre realizzare progetti comuni di carattere economico e industriale che riflettano l'interazione tra l'esperienza cinese e quella siriana.

D’altro canto, ha osservato che “la Belt and Road Initiative non può essere separata dalle altre iniziative proposte dal presidente Xi Jinping – la Global Civilization, Global Development e Global Security Initiative – perché non può esserci sviluppo senza sicurezza, e non c’è sviluppo Non ci possono essere sviluppo e sicurezza se non preserviamo gli aspetti civilizzatori, morali e le relazioni culturali tra i paesi”.

“Lo sviluppo non dovrebbe schiacciare l’identità di un altro Paese; Per questo dico che questa iniziativa è ormai diventata globale e non solo cinese”, ha spiegato.


“La guerra non è finita e continua”

Per quanto riguarda l’attuale situazione in Siria, Assad ha riconosciuto che “la guerra non è finita e continua ancora”.

“La Siria, per la sua posizione geografica, è stata, nel corso della storia antica, un corridoio di invasioni, e ogni volta che gli occupanti distruggevano le loro città, queste venivano sempre ricostruite, e questo conferma che il popolo siriano è in grado di ricostruire il proprio Paese quando la guerra e la fine dell’assedio”.

Ha denunciato che la regione nord-orientale della Siria è occupata da terroristi controllati dagli statunitensi.

“Il problema non è solo il saccheggio delle ricchezze della Siria, ma piuttosto la partnership tra gli Stati Uniti e i terroristi che condividono i profitti di questo furto. La superpotenza collabora con i terroristi; “Questa è la realtà”, ha lamentato.


La Siria avrà un grande futuro se verrà effettuata la ricostruzione

“Se avrà luogo la ricostruzione, la Siria avrà un grande futuro. Non parlo sulla base di speranze o aspettative, ma sulla base della situazione prima della guerra, quando la crescita della Siria era al suo massimo, vicino al 7%, che è una percentuale molto alta per un paese con capacità limitate", ha ricordato Assad.

Ha aggiunto che “prima della guerra non avevamo debiti, non eravamo un paese debitore e prendevamo un prestito e lo pagavamo direttamente. Avevamo una quantità sufficiente di grano, esportavamo anche grano in diversi paesi, oltre a frutta e verdura”.

"Dico con fiducia che fermare la guerra e avviare la ricostruzione renderà la Siria molto migliore di quanto non fosse prima della guerra", ha concluso.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti