Bernardo Arévalo, nuovo presidente del Guatemala: "Il popolo si sta liberando"

Bernardo Arévalo, nuovo presidente del Guatemala: "Il popolo si sta liberando"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il candidato del Movimento Semilla, Bernardo Arévalo de León, ha vinto il ballottaggio in Guatemala con il 58,9% dei voti contro Sandra Torres Casanova, del partito Unità Nazionale della Speranza (UNE), che non è andato oltre il 36,2%. Il ballottaggio ha segnato la fine di 12 anni di governi di destra nel Paese.

I guatemaltechi si sono recati alle urne dopo le manovre di una Procura Generale molto discutibili per invalidare la candidatura del Movimento Semilla. Queste elezioni hanno assunto un significato molto più importante dopo che Arévalo ha infranto tutti i pronostici arrivando al secondo turno. Al momento della candidatura, i sondaggi lo collocavano all'ottavo posto nelle preferenze dell'elettorato.

L'attuale presidente eletto ha recentemente guadagnato consensi, soprattutto tra la popolazione urbana, per le sue promesse anticorruzione e il suo carattere conciliante, oltre che per essere il figlio dell'ex presidente Juan José Arévalo Bermejo, che tra il 1945 e il 1951 ha portato grandi cambiamenti per la popolazione locale.

La giornata elettorale

"Guatemaltechi, questo è il momento di votare con gioia, votiamo presto", ha affermato Arévalo de León, dopo aver espresso il suo voto nella scuola La Patria, situata nel centro della città. Nel frattempo, la candidata dell'UNE aveva chiesto onestà nel processo elettorale a causa di alcune "anomalie che abbiamo denunciato", secondo quanto dichiarato da Torres in brevi dichiarazioni ai giornalisti dopo aver espresso il suo voto, senza fornire ulteriori dettagli.

Nel tratto finale della campagna elettorale, Torres aveva messo in dubbio la pulizia del voto, affermando che c'erano stranieri e sostenitori di Arévalo nel sistema di conteggio del Tribunale Supremo Elettorale (TSE). L'ex moglie dell'ex presidente Álvaro Colom Caballeros concorreva per la terza volta per la presidenza, dopo aver perso nei ballottaggi del 2015 e del 2019 rispettivamente contro Jimmy Morales e l'attuale presidente, Alejandro Giammattei.

Il magistrato del TSE Blanca Alfaro ha annunciato durante la giornata elettorale che stava seriamente considerando di dimettersi, dopo aver denunciato precedenti minacce contro di lei, il magistrato Gabriel Aguilera e le loro rispettive famiglie. Come riportato dal New York Times, lo scorso anno Alfaro aveva denunciato ai funzionari dell'ambasciata statunitense che lei e gli altri membri del plenum avevano ricevuto tangenti dal presidente uscente Giammattei dalla fine del 2021. "Non mi sono dimessa prima perché era il momento di servire il Paese e di finire queste elezioni", ha dichiarato ai media, affermando di considerare di sottoporsi a qualsiasi processo "come un normale cittadino”.

Il futuro del Paese

In un'intervista al quotidiano argentino PáginaI12, l'analista politico guatemalteco Renzo Rosal ha affermato che dopo queste elezioni ci saranno "scenari molto turbolenti" nelle settimane successive per il vincitore del ballottaggio. "Prima di iniziare a parlare di governi, la prima cosa è che ci saranno sicuramente diversi ostacoli presumibilmente legali, ma ovviamente politici, che dovrà superare. Vale a dire, se la cancellazione del partito va avanti o non va, se il processo di persecuzione della sua leadership continuerà oppure no”.

Ha anche affermato che Arévalo si troverà nella "necessità di rielaborare in gran parte il suo piano di governo, perché finisce per avere una serie di premesse che sono assolutamente inesistenti nel Paese". Ha promesso di seguire le orme del padre per migliorare l'istruzione, ridurre la violenza e attaccare la povertà, che colpisce il 59% della popolazione. Ha inoltre dichiarato che non legalizzerà l'aborto libero o il matrimonio egualitario, ma non permetterà discriminazioni o stigmatizzazioni basate sul genere o sulla religione.

Per quanto riguarda il tentativo degli ultimi mesi da parte della Procura di invalidare la candidatura del rappresentante di Semilla, Rosal ha affermato che "è stata totalmente atipica". "Non abbiamo mai avuto questo livello di ingerenza, di poter alterare le competenze del ministero in quanto tale e diventare il 'sasso nella scarpa'. È uno dei fattori fondamentali che hanno plasmato e reso molto rarefatto questo processo elettorale del 2023", ha affermato.

Il piano di Arevalo

Arévalo, che ha conseguito un dottorato in filosofia e una laurea in sociologia come evidenzia la CNN, in campagna elettorale ha affermato che per generare sviluppo per le grandi maggioranze in Guatemala "la cosa più importante" è occuparsi di settori come la sanità, l'istruzione, le infrastrutture, tra le tante cose da affrontare.

Tuttavia, ha ribadito che "la cosa più urgente" è ridurre la corruzione, perché altrimenti le istituzioni non faranno un buon lavoro.

Per quanto riguarda la sicurezza, Arévalo afferma che sono necessarie tre azioni specifiche e immediate: il controllo dei territori, il controllo delle carceri e l'uso dell'intelligence della polizia per prevenire il crimine e sgominare le bande criminali prima che si rafforzino.

Il candidato del Movimento Semilla afferma che il suo piano risponde ai problemi del Guatemala e preferisce non paragonarlo alle misure di sicurezza attuate in El Salvador dal presidente Nayib Bukele, la cui visione è stata condivisa dalla rivale di Arévalo nella contesa elettorale, Sandra Torres.

“Il popolo del Guatemala si sta liberando”

Arévalo ha dichiarato a Fernando del Rincón sulla CNN en Español che "il popolo del Guatemala ha parlato molto chiaramente". E ha aggiunto: "Non si tratta solo dei numeri, ma di quello che è successo ieri sera (domenica) nelle strade e nelle piazze con l'espressione popolare di giubilo e celebrazione".

Interrogato sul silenzio del suo rivale, Arévalo ha dichiarato che la vittoria non è solo sua o esclusiva del partito Semilla: "È il popolo che sta trovando una soluzione alla sua situazione (...) Hanno festeggiato con la bandiera del Guatemala, non con quella di un partito". Ha aggiunto che il popolo del suo Paese sente "che si sta liberando". Arévalo ha già ricevuto le congratulazioni di numerosi leader mondiali e persino del Presidente uscente del Guatemala Alejandro Giammattei. Tuttavia, la sua rivale Sandra Torres, dell'Unità Nazionale della Speranza (UNE), non ha rilasciato alcuna dichiarazione.

Il procuratore speciale contro l'impunità in Guatemala, Rafael Curruchiche, ha anticipato prima del secondo turno delle elezioni presidenziali che potrebbero essere effettuati arresti dopo le elezioni a causa di presunte incongruenze nella registrazione del Movimento Semilla. Arévalo, leader del partito, ha dichiarato di essere fiducioso che l'ampia vittoria elettorale porterà istituzioni come la Procura a riconsiderare le proprie azioni.

Su quello che Arévalo ha definito "un sistema corrotto che sta cercando di perseguire e perseguitare Semilla e altri attori politici”, ha detto di trovarsi di fronte a una cittadinanza che "vuole che i processi democratici siano rispettati, in questo caso il processo elettorale". In questo senso, ha sottolineato che "con il cambiamento nella correlazione delle forze ci sarà un riassestamento" e "c'è uno scenario di cambiamento che credo sia quello che dobbiamo promuovere".

Per questo motivo, ha spiegato, il suo governo cercherà di iniziare ad articolare le politiche pubbliche sulla base del consenso sociale. "Quello a cui aspiriamo è che, quando finiremo questo governo, lasceremo quattro pilastri: un grande patto nazionale per l'educazione, un grande patto nazionale per la salute, un grande patto nazionale per l'ambiente e un grande patto nazionale per lo sviluppo”.

Arévalo ha presentato il suo piano con dieci misure da attuare per combattere la corruzione, tra cui la creazione di un "Gabinetto specifico anticorruzione", incaricato di formulare proposte di riforma delle leggi e degli accordi per migliorare la trasparenza.

Le riforme includeranno la "morte civile", in modo che le persone condannate per corruzione siano interdette dalle cariche pubbliche.

Inoltre, la creazione di una Commissione di supervisione anticorruzione, composta da funzionari pubblici e membri della società civile, la cui funzione sarà quella di raccomandare azioni per il rispetto della legge sull'accesso alle informazioni, sugli appalti o sui contratti.

"Zio Bernie", come viene affettuosamente chiamato dai suoi seguaci, afferma che dal ramo esecutivo promuoverà azioni per prevenire l'uso improprio dei fondi pubblici.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti