Bolivia: mandato d'arresto per l'autoproclamata Áñez e 5 ex ministri del governo golpista

Bolivia: mandato d'arresto per l'autoproclamata Áñez e 5 ex ministri del governo golpista

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In Bolivia siamo alla resa dei conti. Alcuni dei principali esponenti del governo nato dopo il golpe contro Evo Morales realizzato con il sostegno determinante dell’Organizzazione degli Stati Americani sono chiamati a rispondere in tribunale della loro condotta. 

La Procura ha emesso un mandato d'arresto nei confronti dell'ex presidente transitoria Jeanine Áñez e dei suoi ex ministri Arturo Murillo, Yerko Núñez, Álvaro Coímbra, Fernando López e Rodrigo Guzmán, quest'ultimo arrestato a Beni, nell'ambito delle indagini sul golpe del 2019.

Le accuse sono gravi: terrorismo, sedizione e associazione a delinquere.

Il mandato d'arresto stabilisce il rischio procedurale di fuga perché gli imputati hanno un flusso migratorio attivo, come stabilito nel certificato di immigrazione. Per gli ex esponenti del governo golpista sarebbe quindi facile lasciare il paese come evidenzia l’agenzia ABI.

La Procura boliviana precisa inoltre che esiste la possibilità che gli indagati ostacolino le indagini processuali visto che “"al momento il Pubblico Ministero non ha accumulato prove documentali relative al caso, come i registri con gli ordini del giorno, dove sono stabilite le circostanze e le persone che hanno partecipato direttamente e indirettamente alla riunione del 10 novembre 2019 in cui sono state chieste le dimissioni del presidente Evo Morales”.

Nel frattempo, Rodrigo Guzmán, ex ministro dell'Energia, è stato arrestato questo venerdì a Trinidad anch’egli per aver partecipato al "colpo di Stato". L'ex autorità è stata avvicinata da tre persone, presumibilmente poliziotti, che lo hanno caricato su un veicolo a motore per portarlo all'aeroporto Jorge Henrich Araúz.

"Lo hanno intercettato in mezzo alla strada, tre ragazzi che non si sono nemmeno identificati, lo hanno messo su una macchina e se lo sono portato via, per fortuna la persona con cui era ha iniziato a seguirli, perché non avremmo saputo che lo hanno trasportato all'aeroporto", ha spiegato sua moglie Dalia Lima a un media locale a Santa Cruz.

In un video caricato sui social network, Guzmán ha descritto il suo arresto come un rapimento e ha negato di aver ricevuto una convocazione a comparire nella città di La Paz. "Non sono mai stato avvisato, ma continueremo ad essere oppositori di questa dittatura", ha affermato in un curioso tentativo di capovolgimento delle parti.

Gli esponenti di un governo golpista che bollano come dittatori i vincitori di una tornata elettorale limpida e democratica.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti