Bolton: "la pressione massima" degli Stati Uniti contro l'Iran "è appena iniziata"

Bolton: "la pressione massima" degli Stati Uniti contro l'Iran "è appena iniziata"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Le sanzioni di Washington contro Teheran mostrano efficacia e continueranno ad aumentare fino a quando il paese persiano "metterà fine alle sue attività violente" in Medio Oriente. A dichiararlo oggi è il Consigliere per la Sicurezza della Casa Bianca, John Bolton. Gli Stati Uniti sono determinati a continuare a premere sull'Iran affinché abbandoni il suo programma nucleare, e in questo l'amministrazione Trump "è appena all'inizio".



È così che il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Bolton, ha reagito alla decisione di Teheran di tornare ad arricchire l'uranio al di sopra di quanto concordato. "Continueremo ad aumentare la pressione contro il regime iraniano perché abbandoni il suo programma di armi nucleari e ponga fine alle sue attività violente in tutto il Medio Oriente, incluso il supporto per il terrorismo nel mondo", ha dichiarato durante il vertice annuale dei 'Cristiani Uniti per i Israele', che si è svolto ieri Washington. "Sono qui per dirvi, oggi, che la campagna di massima pressione del Presidente Trump contro l'Iran sta funzionando", ha detto.
 

 
 
Come ha ricordato Bolton, gli oppositori dell'amministrazione Trump hanno sempre sollevato dubbi sull'efficacia delle sanzioni contro Teheran, e il fatto è che, dalla sua introduzione, ha spiegato, l'economia iraniana "sta collassando sotto il suo stesso peso". Allo stesso tempo, il funzionario USA ha sottolineato la necessità di "raddoppiare la cooperazione" con alleati e partner contro "la grave minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale" rappresentata dall'Iran e il mancato rispetto degli impegni assunti nell'ambito dell'accordo nucleare del 2015.
 
Pence: "Continueremo ad opporci"
 
Durante lo stesso incontro, anche il vicepresidente degli USA, Mike Pence, ha tenuto un discorso sul conflitto con Teheran. "L'Iran non dovrebbe confondere la moderazione degli Stati Uniti con la mancanza di risoluzione, confidiamo nel meglio, ma il nostro esercito è pronto a proteggere i nostri interessi, il nostro personale e i nostri cittadini nella regione", ha avvertito. "Continueremo ad opporsi all'influenza maligna dell'Iran, continueremo a esercitare pressioni sulla sua economia e, sotto la guida del presidente Donald Trump, gli Stati Uniti non permetteranno mai all'Iran di ottenere armi nucleari", ha promesso Pence.
 
 

Potrebbe anche interessarti

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Propofol e morti Covid. Alcune semplici domande di Giuseppe Masala Propofol e morti Covid. Alcune semplici domande

Propofol e morti Covid. Alcune semplici domande

Biden il "sovranista" di Antonio Di Siena Biden il "sovranista"

Biden il "sovranista"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti