Borrell esorta gli Stati Uniti ad applicare un embargo sulle armi a Israele

Borrell esorta gli Stati Uniti ad applicare un embargo sulle armi a Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Alto Rappresentante dell'Unione Europea per la Politica Estera chiede agli Stati Uniti di impedire la fornitura di armi a Israele per ridurre il bilancio delle vittime a Gaza.

Nelle dichiarazioni rilasciate oggi e riportate dall’agenzia Reuters, alla riunione dei ministri della Cooperazione del blocco comunitario, Josep Borrell ha messo in guardia dal peggioramento della situazione umanitaria di milioni di palestinesi nella Striscia di Gaza a causa delle operazioni “eccessive” e “sproporzionate” di Israele a Rafah (sud di Gaza).

A questo proposito, ha precisato che bisogna “fare di più che esprimere semplicemente preoccupazione”, mettendo così in discussione le preoccupazioni espresse dagli Stati Uniti circa la sicurezza dei civili a Rafah, dichiarata Tel Aviv “zona sicura” dall’inizio della guerra a Gaza, il 7 ottobre.

“La mia domanda è: a parte le parole, cos’altro pensiamo di dover fare? L’UE ritiene che il numero delle vittime sia troppo alto, esiste la possibilità di ridurlo? L’UE non invia armi a Israele, lo fanno altri. Se pensate che il numero delle vittime sia molto alto, forse puoi fare qualcosa per abbassarlo”, ha lamentato.

A questo proposito, Borrell ha sollecitato pressioni su Israele affinché fermi le offensive nel sud della Striscia: "La gente di Gaza è rinchiusa, viene bombardata senza possibilità di fuga", ha ricordato.

Il responsabile della Politica estera dell’Ue ha inoltre sottolineato il lavoro “insostituibile” svolto dall’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA) non solo a Gaza e nella Cisgiordania occupata, ma anche in Libano, Siria e Giordania.

Ha evidenziato la necessità di mantenere i finanziamenti per l'agenzia mentre è in corso l'indagine interna sulle accuse israeliane di coinvolgimento dell'UNRWA negli attacchi della Resistenza palestinese del 7 ottobre, sottolineando che le persone devono continuare a mangiare e ricevere cure mediche.

“Una cosa che mi è chiara è che l’UNRWA svolge un lavoro che nessun altro può svolgere. (…) Non è un segreto che il governo israeliano vuole togliere di mezzo l’UNRWA perché in questo modo si può eliminare il problema dei rifugiati”, ha osservato.

Oggi, Israele ha iniziato una serie di attacchi alla cieca contro Rafah, dove sono rimasti sfollati almeno 1,4 milioni di palestinesi.

Dall'inizio dei sanguinosi attacchi israeliani contro l'enclave costiera assediata, Israele ha ucciso più di 28.000 palestinesi e ne ha feriti altri 67.784.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti