/ Brasile, ex direttore generale di Odebrecht rivela di essere stat...

Brasile, ex direttore generale di Odebrecht rivela di essere stato 'quasi obbligato' a 'costruire' una storia contro Lula

 
 

L'ex direttore generale della compagnia di costruzioni brasiliana Odebrecht, Carlos Armando Paschoal, ha dichiarato davanti al giudice di São Paulo che fu "quasi obbligato a costruire una storia" per compromettere l'ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva, quando si è presentato come "collaboratore" nell’inchiesta ‘Lava Jato', come riportano i media locali.

 

Durante un'audizione tenutasi il 6 luglio, Paschoal si riferì specificamente alle indagini che ruotavano attorno al presunto pagamento di tangenti per la ristrutturazione di una casa a Atibaia, a San Paolo, presumibilmente finanziata dalle imprese di costruzione OAS, Odebrecht e Schahin.

 

Nel febbraio 2019, la giustizia ha sostenuto che il leader del Partito dei lavoratori (PT) ha ricevuto un milione di reais ($ 270.000) per la ristrutturazione dell’immobile e ha condannato l'ex presidente a 13 anni di carcere per presunta corruzione e riciclaggio di denaro. Si tratta della seconda sentenza contro l'ex capo dello Stato brasiliano.

 

Nella sua recente testimonianza, dove ha dovuto spiegare le motivazioni che lo hanno portato a fare certe dichiarazioni, l'ex dirigente della compagnia Odebrecht, che è stato anche condannato nello stesso caso a due anni di carcere con la possibilità di lavorare all’esterno del carcere, ha fatto riferimento alla Procura della Repubblica (MPF), che lo avrebbe "costretto" a fare dichiarazioni contro Lula.

 

"Nel caso del sito [di Atibaia, la casa in questione], su cui non ho assolutamente nulla a che vedere, per esempio, mi hanno quasi costretto a fare un resoconto di quello che era successo. Ho dovuto costruire una storia", ha riconosciuto. 

 

Nel novembre 2018, l'uomo d'affari ha testimoniato, effettuando una "delación premiada" (cioè, confessare di aver commesso un crimine in cambio di pene inferiori) davanti alla 13a Corte dello stato di Paraná, dove era in servizio l'ex-giudice Sergio Moro, attuale ministro della Giustizia. Moro è ora accusato di collusione con i procuratori di "Lava Jato" per aver condannato Lula senza prove.

 

Nel rapporto "costruito", Paschoal ha dichiarato di aver ricevuto una richiesta dal vertice di Odebrecht per "aiutare nella ristrutturazione di una casa in Atibaia, usata opportunamente dall'allora presidente".

 

Dopo aver appreso della dichiarazione di Paschoal, l'avvocato di Lula, Cristiano Zanin Martins, ha detto che la difesa dell'ex presidente aveva già sottolineato l'esistenza di una strategia politico-giudiziaria per imprigionare il suo cliente: "Rafforza solo ciò che abbiamo affermato”.

Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa