Brevetti, le prime reazioni (e conseguenze) di Big Pharma all'annuncio dell'amministrazione Biden

Brevetti, le prime reazioni (e conseguenze) di Big Pharma all'annuncio dell'amministrazione Biden

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'amministrazione Biden ha annunciato mercoledì una possibile svolta sulla proprietà intellettuale dei vaccini, dando il via per la liberazione dei brevetti. Lo ha annunciato la rappresentante Usa per il commercio, Katherine Tai. “L'amministrazione crede fortemente nelle protezioni della proprietà intellettuale, ma per porre fine a questa pandemia sostiene la revoca di queste protezioni per i vaccini contro il Covid-19", ha dichiarato Tai, mentre sono in corso discussioni al Wto sull'allentamento delle regole commerciali globali per consentire a più Paesi di produrre più vaccini salva-vita. Tai ha avvertito però che ci vorrà tempo per raggiungere il consenso richiesto per revocare i brevetti in base alle regole del Wto. 

Il percorso "non sarà facile data la complessità della questione e il fatto che l'OMC (l'organizzazione mondiale del commercio) con sede a Ginevra è un'organizzazione guidata dai membri che può prendere decisioni solo sulla base del consenso".

Le prime conseguenze?

Eccole. Le riporta CNBC.

Le azioni delle principali aziende farmaceutiche che hanno prodotto vaccini, tra cui Moderna, BioNTech e Pfizer, sono scese bruscamente dopo la notizia. Pfizer ha registrato chiusura piatta nelle contrattazioni, mentre Moderna ha perso il 6,1%; Johnson & Johnson ha perso lo 0,4%

Intanto arrivano anche le prime reazioni di Big Pharma all'annuncio di Tai. "La decisione odierna di @USTradeRep è una vana promessa che minerà la nostra risposta alla pandemia e non farà nulla per affrontare le vere sfide di ottenere più colpi di armi", ha detto in un dichiarazione Stephen Ubl, presidente del Pharmaceutical Research and Manufacturers of America. Ha anche aggiunto che la decisione contraddiceva la promessa della campagna di Biden di continuare a "costruire infrastrutture americane e creare posti di lavoro consegnando le innovazioni americane a paesi che cercano di minare la nostra leadership nella scoperta biomedica".

Solo un giorno prima dell'annuncio, Pfizer aveva annunciato di prevedere guadagni fino a $ 26 miliardi di vendite del suo vaccino COVID-19 quest'anno, il prodotto più venduto dell'azienda nel primo trimestre del 2021.

Il dottor Amesh Adalja, studioso senior presso il Johns Hopkins Center for Health Security, ha dichiarato a Reuters che qualsiasi taglio ai profitti dell'azienda tramite una rinuncia al brevetto "equivale all'espropriazione della proprietà delle società farmaceutiche i cui investimenti finanziari e innovativi hanno contribuito allo sviluppo di vaccini COVID-19 possibili in primo luogo. "

Si prevede battaglia insomma. Vi lasciamo con una domanda:  Questa svolta è frutto di un improvviso rigurgito di bontà per aiutare i paesi più poveri? Oppure gli USA, come dimostra da ultimo il caso India, saranno costretti a sacrificare le floride relazioni con le multinazionali del farmaco, pur di non perdere il controllo su quelle nazioni che Russia e Cina stanno aiutando già gratuitamente?

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti