Bruno Guigue - Il Comunismo e la lotta al colonialismo

Bruno Guigue - Il Comunismo e la lotta al colonialismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Quando proclamò per la prima volta il diritto delle nazioni all'autodeterminazione nel 1914, Lenin diede fuoco alle polveri del sistema coloniale. L'onda d'urto del bolscevismo scosse le fondamenta della dominazione europea. Sfrattata dal teatro occidentale, la dinamica rivoluzionaria riprenderà a latitudini più favorevoli.

Dopo il calcio d'inizio di Pietrogrado nel 1917, la principale offensiva del proletariato doveva svolgersi in Occidente. Dopo che l'agonia delle rivoluzioni tedesca e ungherese dissipò il miraggio, si compirà al Sud: «Il movimento nei paesi coloniali è ancora visto», nota Lenin, «come un movimento nazionale insignificante e perfettamente pacifico. Non è così. Dall'inizio del ventesimo secolo si sono verificati profondi cambiamenti, centinaia di milioni di uomini, anzi la stragrande maggioranza della popolazione mondiale, agiscono ora come fattori rivoluzionari attivi e indipendenti. È abbastanza evidente che nelle imminenti battaglie decisive della rivoluzione mondiale, il movimento della maggioranza della popolazione della terra, inizialmente orientato alla liberazione nazionale, si rivolterà contro il capitalismo e l'imperialismo, e forse svolgerà un ruolo rivoluzionario molto più importante di noi".

Unendo l'azione alla parola, l'Internazionale Comunista, fondata nel marzo 1919, invocò subito la rivolta dei popoli colonizzati. Nel settembre 1920, il suo comitato esecutivo si riunì a Baku per il "Congresso dei popoli dell'Est". Centinaia di delegati turchi, persiani, georgiani, armeni, indiani e cinesi presero parte a questo incontro senza precedenti. Zinoviev, in rappresentanza dell'esecutivo del Comintern, definì la dottrina del movimento comunista internazionale: “Diciamo che non ci sono solo uomini bianchi al mondo. Oltre agli europei, centinaia di milioni di uomini di altre razze popolano l'Asia e l'Africa. Vogliamo porre fine al dominio del capitale in tutto il mondo. Siamo convinti che possiamo abolire definitivamente lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo solo se accendiamo il fuoco rivoluzionario, non solo in Europa e in America ma nel mondo intero, se siamo seguiti da questa porzione di umanità che popola l'Asia e l'Africa”.

La lotta per la liberazione dei popoli oppressi, ovviamente, fa parte dei requisiti imposti per l'adesione all'Internazionale Comunista: “Ogni partito appartenente alla Terza Internazionale ha il dovere di rivelare spietatamente l'abilità dei suoi imperialisti nelle colonie, di sostenere, non a parole ma di fatto, qualsiasi movimento di emancipazione nelle colonie, per esigere l'espulsione dalle colonie degli imperialisti della metropoli, per alimentare nel cuore dei lavoratori del paese sentimenti genuinamente fraterni verso la popolazione operaia del colonie e nazionalità oppresse, e di mantenere tra le truppe della metropoli una continua agitazione contro ogni oppressione dei popoli coloniali”.

Fondata a Mosca nel 1921, l'Università Comunista dei Lavoratori dell'Est ha lo scopo di formare i quadri comunisti dei movimenti di liberazione. Con un'attività febbrile, l'Internazionale Comunista federa movimenti anticolonialisti e antirazzisti che finora si ignoravano a vicenda, in particolare all'interno della "Lega contro l'imperialismo e per l'indipendenza nazionale", creata su impulso del patriota comunista, l'indiano Manabendra Nath Roy.

Nel Maghreb, il comunista Messali Hadj creò la North African Star e rivendicò l'indipendenza di Algeria, Tunisia e Marocco. Originario dell'Algeria occidentale, partecipò alla campagna contro la guerra del Rif, denunciò il colonialismo francese e svolse un ruolo importante nell'adozione di una linea anticoloniale da parte del PCF.

L'Internazionale Comunista acquisì anche un "Ufficio Nero", creato a Mosca nel 1930, che sostenne la creazione di reti panafricane. Arrivato in Francia nel 1923, l'ex fuciliere senegalese Lamine Senghor si batté per "l'autosufficienza della comunità nera". Proseguì la sua azione all'interno della "Lega per la Difesa della Razza Nera" sostenuta dai comunisti e guidata dall'attivista maliano Tiemoko Garan Kouyaté. Ex insegnante, quest'ultimo difese l'idea di uno stato continentale africano a carattere socialista, liberato dalla tutela coloniale europea. Partecipò ai lavori dell'Ufficio Nero dell'Internazionale Comunista e del Comitato Intersindacale dei Lavoratori Neri.

Risolutamente anticoloniale, il movimento comunista internazionale si appropriò della questione razziale: negli Stati Uniti, nel 1931, militanti antimperialisti lanciarono una campagna a favore di nove giovani afroamericani accusati ingiustamente di aver violentato due donne bianche. La rivoluzione cinese stavaa incontrando una crescente risonanza anche con il movimento di emancipazione dei neri. La sua popolarità fu tale che nel 1940, a New York, il cantante Paul Robeson terminò il suo recital con la "Marcia dei Volontari". Prima che questa canzone diventasse l'inno ufficiale della Repubblica Popolare Cinese, l'artista afroamericano l'ha immortalò così, come riportato da Nkolo Foé (1).

Per il comunismo internazionale, il fallimento della rivoluzione europea non distrusse la speranza di una conflagrazione mondiale, ma ne posticipava la scadenza e spiazzava la scena. Se l'intuizione dell'"anello debole" è stata alla base della strategia di ottobre, è la certezza del risveglio dell'Asia, dell'Africa e dell'America, a loro volta, a fondare la speranza di una rivoluzione universale. Perché il cataclisma della guerra mondiale aveva fatto uscire i popoli coloniali dal loro torpore secolare. Esponendo le rivalità tra le potenze occidentali, la guerra imperialista aveva minato le fondamenta del loro dominio. Spazzati via i valori borghesi dalla guerra, nulla fermerà il movimento di liberazione di cui la crisi mondiale ha dato il segnale: «La guerra imperialista ha aiutato la rivoluzione: la borghesia ha attinto dalle colonie, dai paesi arretrati, dall'isolamento dove erano, soldati che ha lanciato in questa guerra imperialista. Ha fatto entrare i popoli sottomessi nella storia del mondo».

L'eredità politica di Lenin ai suoi epigoni orientali è questa visione profetica di una sovversione mondiale il cui destino è legato all'insurrezione dei popoli colonizzati: "Le basi di un movimento sovietico vengono ora poste in tutto l'Oriente, in tutta l'Asia, tra tutti i colonialisti popoli”. Questa eredità, la rivoluzione afro-asiatica del ventesimo secolo, la renderà fruttuosa. Il Congresso di Baku segnò così l'inizio di un processo di liberazione che vivrà molti alti e bassi ma che sarà irresistibile, e che troverà nella conferenza di Bandœng che riunì i leader del Terzo Mondo, 36 anni dopo, la sua conquista politica.

Ma ai rivoluzionari dei paesi colonizzati, Lenin lasciò in eredità molto più di una visione profetica. Trasmise loro anche il beneficio di un'innovazione strategica: l'alleanza tra operai e contadini. Mettendo da parte i pregiudizi della tradizione socialista europea, che in ottobre fece miracoli.

 Il soldato-contadino rivoluzionario era il braccio armato del bolscevismo. Sarà anche l'architrave della rivoluzione anticoloniale. L'alleanza degli operai e dei contadini fu di formidabile efficacia rivoluzionaria in Cina, Vietnam e Cuba: le gerarchie del Celeste Impero, dell'ordine coloniale francese e del dominio nordamericano non vi resisteranno.

L'alleanza strategica di operai e contadini, nel fondatore del bolscevismo, è un'arma a doppio taglio. Non solo risolve il problema di un proletariato industriale minoritario in un "paese arretrato", ma allarga le prospettive del comunismo alle dimensioni del pianeta. Espande le possibilità del contagio rivoluzionario: non più il campo chiuso dell'Occidente sviluppato, ma le immensità rurali dell'Oriente. Non più l'Europa occidentale e gli Stati Uniti, la ristretta cerchia delle nazioni avanzate, ma l'Asia, l'Africa, l'America Latina. Mettendo in moto le innumerevoli masse contadine, la strategia leninista acquisì una vocazione planetaria. Se sfumò il percorso classico della rivoluzione, fu per garantire all'impresa rivoluzionaria un successo che non poteva che essere globale.

"È impossibile, dice Lenin, che il 70% degli abitanti del mondo accetti di vivere nelle condizioni di schiavitù che il capitalismo avanzato intende imporre loro". In assenza di un incendio europeo la cui prospettiva svanì, il comunismo internazionale favorirà, nella propagazione del fuoco rivoluzionario, la lenta combustione della vastità dell'Asia. Perché «molto materiale infiammabile si è accumulato nelle colonie e semicolonie, che fino ad ora erano considerate OGGETTI e non SOGGETTI della storia. E "con Russia, India e Cina che costituiscono la stragrande maggioranza della popolazione mondiale, non ci possono essere dubbi sull'esito finale della lotta globale". È una coincidenza che l'oratore citi la Cina? Due mesi dopo la fondazione della Terza Internazionale, nel maggio 1919, il Paese più popoloso del pianeta fu a sua volta scosso da un potente movimento di protesta in cui confluì immediatamente nel nascente Partito Comunista.

Dopo aver subito un doloroso fallimento in un ambiente urbano, questo partito adotterà presto una strategia contadina in linea con le idee di Lenin sulla mobilitazione delle masse contadine. Nel portare avanti la più grande rivoluzione agraria della storia, il partito di Mao Zedong attinse molto dall'esperienza bolscevica. Vedendo nella strategia leninista il seme di una rivoluzione che cambierà il destino di un quarto dell'umanità. Da lui non solo prese in prestito la sua concezione del partito rivoluzionario, centralizzato e disciplinato, ma la sua concezione della rivoluzione, ancorata alla realtà sociale e nazionale. Il maoismo avrebbe visto la luce senza il leninismo?

Fu il fondatore del bolscevismo a proclamare negli anni prebellici la necessità in Russia di una "dittatura democratica del proletariato e dei contadini". Fu lui, di nuovo, a riprendere il programma socialista-rivoluzionario di distribuzione della terra nell'ottobre 1917, unendo i contadini poveri alla rivoluzione socialista. Lui, infine, che firmò il "decreto sulla terra" il giorno stesso della presa del potere, e pose fine della guerra civile una "nuova politica economica" (NEP) favorevole alla piccola proprietà contadina.

In tal modo, non solo cercò di preservare il futuro risparmiando la componente maggioritaria della popolazione russa. Chiamando alla rivolta le masse rurali dei paesi coloniali, incitando la nuova Internazionale a creare lì soviet contadini, gettò anche le basi per un comunismo asiatico il cui destino voleva che sopravvivesse alla Russia sovietica.

Sostenuti dal diritto dei popoli all'autodeterminazione, gli eredi di Lenin trionfarono sui loro più acerrimi nemici: gli eserciti bianchi durante la guerra civile russa, la macchina bellica hitleriana durante la Grande Guerra Patriottica, le forze nazionaliste di Chiang Kai Chek in Cina, i colonialisti francesi e gli invasori nordamericani in Vietnam, le truppe del dittatore Batista e la CIA durante la rivoluzione cubana. Se Lenin si era illuso sulla diffusione internazionale del bolscevismo, aveva ragione sulla sua onda d'urto anticoloniale.

Insieme al movimento per l'emancipazione dei popoli coloniali, fornì alla rivoluzione russa, vittima del suo isolamento, uno sfogo inaspettato.

Profeta della decolonizzazione, Lenin vedeva nell'inevitabile scontro tra Nord e Sud il futuro teatro degli sconvolgimenti del secolo. Senza dubbio peccò di eccesso di ottimismo credendo di vedere, nella rivolta delle nazioni sottoposte al giogo coloniale, il compimento ultimo della promessa rivoluzionaria: "L'imperialismo mondiale può solo sgretolarsi", disse davanti ai delegati del Internazionale, quando l'offensiva rivoluzionaria dei lavoratori sfruttati e oppressi all'interno di ciascun paese si congiungerà con l'offensiva rivoluzionaria delle centinaia di milioni di uomini che, fino ad ora, erano fuori dalla storia e considerati come oggetti”.

Certamente, questa prospettiva di una rivoluzione mondiale vittoriosa contemporaneamente al Nord e al Sud subì una crudele negazione. Tuttavia, la sua prognosi di una rivolta generalizzata dei popoli coloniali era straordinariamente corretta. Ispirato da Lenin, l'anticolonialismo dell'Internazionale Comunista ha poi fatto rivivere il meglio della tradizione libertaria, quando leggiamo dalla penna di Émile Pouget nel 1909: "Ci sono ragazzi che sono orgogliosi di essere francesi. Non sono io, per l'amor di Dio! Quando vedo i crimini che noi, popolo di Francia, permettiamo che vengano commessi dallo sporco branco di capitalisti e governanti che ci imbrogliano - beh, francamente, questo mi taglia fuori ogni orgoglio! Nel Tonchino, per esempio, in questo angolo di paese che fumiamo con le carcasse dei nostri poveri piantagrane, stanno accadendo atrocità. Tutti sanno che i francesi sono andati lì per civilizzare i tonkinesi: i poverini sarebbero stati davvero bravi senza la nostra visita! In effetti, siamo andati lì per permettere ad alcuni grandi delinquenti finanziari di sperperare milioni e Constans di rubare la cintura di re Norodom. Oddio, il sistema usato dai francesi per civilizzare le persone che non hanno mai cercato i pidocchi nelle loro teste è fantastico!".

Il Manifesto del Partito Comunista (1848) e il Discorso inaugurale dell'Associazione Internazionale dei Lavoratori (1864) adottarono come slogan: "Lavoratori di tutti i paesi, unitevi! ".

Dopo il congresso dei popoli dell'Est riunito a Baku nel 1920, il movimento comunista internazionale aggiunse ai lavoratori in lotta i "popoli oppressi" e lanciò un nuovo slogan: "Lavoratori di tutti i paesi, e i popoli oppressi di tutto il mondo, unitevi!".

La diffusione del terremoto rivoluzionario di ottobre scuoterà le fondamenta della dominazione occidentale. Infliggerà uno shock all'ordine coloniale dal quale non si riprenderà. "Le razze superiori, diceva Jules Ferry nel 1885, hanno il dovere di civilizzare le razze inferiori". Ma i popoli colonizzati si scrolleranno di dosso il giogo e costringeranno le potenze europee a lasciar andare.

Testimoni sbalorditi da questa rivoluzione in arrivo, gli apologeti della supremazia bianca non si sbaglieranno. Negli Stati Uniti della segregazione, Lothrop Stoddard accusa il comunismo di "stimolare la marea crescente dei popoli di colore" alleandosi con loro contro la civiltà occidentale. Ai suoi occhi, il bolscevico è solo "un traditore, un rinnegato pronto a vendere la cittadella", è "il nemico mortale della civiltà e della razza". Il tedesco Oswald Spengler a sua volta denuncia "l'odio ardente contro l'Europa e l'umanità bianca" che animerebbe il bolscevismo.

Nella loro patologica ostilità, questi ideologi razzisti avevano ragione: il comunismo internazionale è l'avversario più risoluto di una dominazione coloniale che ha giurato di distruggere. Vendetta postuma per una rivoluzione isolata, l'onda d'urto di ottobre spazzerà via molte fortezze che un tempo si credevano inespugnabili.

In Cina, Mao Zedong ripristinerà la sovranità cinese, unificherà il Paese, avvierà l'industrializzazione e supererà l'analfabetismo. Ma questa non è l'unica rivoluzione che sta trionfando in Asia. Anche il Vietnam vedrà il suo destino sconvolto dall'irruzione del comunismo. Mao Zedong proclamò la Repubblica Popolare Cinese il 1 ottobre 1949. Ma il 2 settembre 1945, ad Hanoi, Ho Chi Minh proclamò l'indipendenza dal Vietnam. Un gesto incredibile che scuoterà l'Impero francese, spingendolo ad iniziare una guerra dalla quale uscirà sconfitto.

Se la dichiarazione di indipendenza colpisce come un tuono, è perché c'è qualcosa di inaudito in una colonia europea. Guidata da uno dei primi comunisti, la giovane Repubblica vietnamita sta aprendo la strada. Rompe il tabù coloniale e gli altri movimenti entreranno nella breccia.

Quando l'occupante giapponese congedò le autorità francesi il 9 marzo 1945, il potere coloniale fu screditato dalla sua umiliante sconfitta. Poi vediamo un'ondata di umani in aumento: ovunque, nelle città e nei villaggi, la bandiera rossa sventola la stella d'oro del Viet Minh, il movimento nazionale vietnamita. Il suo vero nome Nguyen Ai Quôc, il suo leader Ho Chi Minh fa parte della Terza Internazionale dagli anni '20. Sostenitore della lotta anticoloniale, era convinto che i contadini siano il motore della rivoluzione nei paesi asiatici: una coincidenza impressionante con l'approccio di Mao che, nel 1927, invitò i comunisti cinesi a mettersi alla guida della rivoluzione contadina.

Nel 1930, Ho Chi Minh fondò un Partito Comunista Indocinese la cui agenda combinava la liberazione nazionale e la rivoluzione sociale: “Sulla base di un'analisi concreta della società coloniale e semifeudale vietnamita, il programma politico del partito considerava che la rivoluzione vietnamita nella sua essenza era una democrazia borghese rivoluzione, ma guidata dalla classe operaia e dovendo evolvere direttamente verso la rivoluzione socialista, bruciando lo stadio dello sviluppo capitalista. Come primo passo, doveva assumere due compiti essenziali: 1. Lottare contro l'imperialismo francese, riconquistare l'indipendenza nazionale. 2. Lotta al feudalesimo, dai la terra ai contadini”. Allo stesso tempo, sul modello del Guomindang, si formò in Vietnam un partito nazionalista, il Viet-Nam Quoc Dan Dang, o Partito Nazionale del Popolo. Questo movimento guadagnò rapidamente influenza, ma fu brutalmente eliminato dalla vita politica nel 1930, quando l'insurrezione organizzata intorno alla città di Yenbay fu repressa dalle autorità coloniali.

Traendo lezione dagli eventi, Ho Chi Minh attirò quindi i nazionalisti in un'organizzazione comune e questa strategia del "fronte unico" fu coronata da successo: la liberazione nazionale sarebbe stata il prerequisito per la rivoluzione sociale.

“Ciò che è notevole nel caso del Vietnam, osserva Jean Chesneaux, ciò che dà tutto il suo peso all'esperienza rivoluzionaria vietnamita, è che il comunismo, inizialmente limitato a pochi circoli di intellettuali e lavoratori, ad Hanoi e a Saigon, arrivò a trasmettere movimenti nazionalisti tradizionali. In Vietnam come in Cina, l'equazione tra movimento nazionale e movimento comunista si realizzò pienamente, e questo fatto fu centrale, per capire che autorità avevano in Vietnam Ho Chi Minh, i suoi compagni, e tutto il Partito comunista vietnamita”. Un'egemonia comunista all'interno del movimento nazionale che aveva diverse ragioni: la dipendenza delle altre componenti dalle potenze straniere, l'incapacità delle autorità coloniali di far emergere interlocutori più docili, la brutalità della repressione che colpisce tutto il movimento nazionale, e soprattutto la capacità dei comunisti di sfuggirvi grazie al loro senso dell'organizzazione e alla loro istituzione popolare. L'equazione tra il movimento nazionale vietnamita e il movimento comunista, del resto, non avvenne all'improvviso: nel decennio successivo alla sua fondazione nel 1930, il Partito Comunista fu chiamato "indocinese", e non vietnamita. Perché la lotta rivoluzionaria sta attaccando il dominio coloniale francese, come espressione locale dell'"imperialismo" in generale. Faceva parte del quadro stabilito dall'occupante, la "Federazione Indocinese" che riunisce i territori francesi del Laos, della Cambogia e dei tre paesi vietnamiti (Tonkin, Annam, Cocincina).

Fu con l'occupazione giapponese nel 1941 che l'azione dei comunisti vietnamiti divenne specificamente vietnamita e che fondarono la Lega per la Liberazione del Vietnam, il Viet Minh. Successivamente adottarono la bandiera rossa con la grande stella d'oro, che nel 1945 divenne quella della Repubblica Democratica del Vietnam.

Introducendo il marxismo in Vietnam negli anni '20, Ho Chi Minh svolse un ruolo di primo piano nella fondazione del Viet Minh nel 1941 dopo aver fondato il Partito comunista indocinese nel 1930. Applicando la strategia del “fronte unico” definita dal Comintern nel 1935, questo devoto agente dell'Internazionale Comunista diventò il principale stratega del movimento nazionale vietnamita. Fu il suo partito, il PCI, che dal 1951 divenne Lao-dong Vietnam o Partito dei Lavoratori del Vietnam, a guidare il movimento di liberazione nazionale nei momenti più critici.

Guidò la Rivoluzione dell'agosto 1945 che culminò con la proclamazione della Repubblica Democratica del Vietnam il 2 settembre. Dimostrò la sua autorità firmando un accordo con la Francia il 6 marzo 1946, che aveva il carattere di un compromesso, poiché parlava di "libertà" nell'Unione francese e non di indipendenza. Poi guidò la resistenza nazionale tra il 1946 e il 1954, e fu la sua profonda popolarità a contrastare i concorrenti che le autorità francesi tentarono di opporgli.

Durante questa lunga lotta, il partito vietnamita non fu tagliato fuori dal mondo esterno: rimase legato al movimento comunista internazionale e le sue relazioni furono strette con i partiti comunisti sovietico, cinese e francese.

Ai suoi occhi, Mosca è la capitale del comunismo e i giovani rivoluzionari vietnamiti, già nel 1928, furono inviati all'Università dei quadri rivoluzionari dell'Est. Di cruciale importanza sono anche i rapporti con i comunisti francesi. Membro fondatore del PCF, il futuro Ho Chi Minh scrisse un'editoriale anticoloniale sulle colonne de L'Humanité. Fu a Parigi, negli anni '20, che formò i primi gruppi comunisti vietnamiti. Quando la repressione coloniale colpì duramente il movimento nazionale, intorno al 1930, i prigionieri politici della colonia penale di Poulo-Condore, nel Golfo del Siam, avevano per unico contatto con l'esterno i marinai delle barche che rifornivano il penitenziario. La cellula comunista dell'equipaggio francese forniva loro segretamente dei libri, in contatto con il Comintern, li salvava dall'isolamento politico.

La vittoria elettorale del Fronte Popolare nel 1936 ebbe enormi ripercussioni in Vietnam. I prigionieri politici vengono rilasciati e l'azione politica legale diventò di nuovo possibile.

Quando Ho Chi Minh venne a Fontainebleau nel 1946 per discutere con il governo francese, riprese i contatti con il Partito Comunista Francese. Nonostante le differenze tattiche, i rapporti si intensificarono dal 1950 e i comunisti francesi presero una parte decisiva nella campagna contro la guerra d'Indocina, la "guerra sporca". I comunisti Henri Martin e Raymonde Dien, imprigionati per la loro azione contro la guerra, furono considerati eroi della macchia vietnamita. Infine, non meno stretti i rapporti tra comunisti vietnamiti e cinesi. Una millenaria comunità di cultura trasferita nel XX secolo alla lotta per l'emancipazione nazionale. La famosa "Lunga Marcia" (1934-35) includeva nelle sue file i vietnamiti, e il suo prestigio era tale che uno dei principali dirigenti del PCI adottò l'espressione come pseudonimo.

Quando le truppe di Mao Zedong arrivarono al confine del Tonchino nel 1950, la guerra con la Francia entrò in una nuova fase. I vietnamiti sapevano di essere ora sostenuti da un potente stato socialista e questo vantaggio strategico galvanizzò la resistenza.

Dopo il 1954, durante il periodo di edificazione socialista nel Vietnam del Nord, la Cina svolse un ruolo essenziale nell'aiutare lo sviluppo economico del Paese. L'equipaggiamento pesante fu fornito dall'Unione Sovietica, ma i cinesi garantiranno alcuni rifornimenti. La vicinanza delle condizioni geografiche, la somiglianza dei problemi legati al sottosviluppo, la parentela dei problemi tecnologici sono tutti fattori che accomunarono la Repubblica Democratica del Vietnam e la Repubblica Popolare Cinese.

Mentre guidavano la lotta per la liberazione nazionale, i comunisti vietnamiti erano consapevoli di appartenere a un movimento rivoluzionario oltre i confini. Nessuna contraddizione, ai loro occhi, tra lotta nazionale e lotta internazionale. Compiendo il loro dovere di patrioti vietnamiti, adempirono anche ai loro obblighi internazionalisti.

 Di fronte allo scisma sino-sovietico scoppiato nel 1960, i vietnamiti adottarono un atteggiamento unitario: dopo qualche esitazione, mantennero buoni rapporti con Pechino come con Mosca. Un atteggiamento neutralista che risponde innanzitutto a esigenze tattiche: al tempo dell'escalation militare di Washington contro il Vietnam del Nord, Hanoi aveva bisogno sia dell'aiuto sovietico che cinese. Ma non è l'unico motivo. Da un quarto di secolo i comunisti vietnamiti erano convinti che i due poli del comunismo mondiale, nonostante le loro differenze, contribuiscano anche all'emancipazione dei popoli.

Se i vietnamiti riuscirono a resistere alla gigantesca armata degli Stati Uniti, fu per la loro notevole esperienza, ma anche perché seppero trarre ispirazione dalle rivoluzioni russa e cinese. Questa duplice eredità, nazionale e internazionale, conferisce una densità eccezionale a un movimento di liberazione che riuscirà a sconfiggere militarmente gli aggressori stranieri.

Di fronte alla Francia, poi agli Stati Uniti, il popolo vietnamita seppe condurre fino in fondo la lotta anticoloniale, strappare la propria indipendenza e conquistare la propria unità. Vittoria su Vittorie consecutive, il comunismo vietnamita dimostrò che un potente esercito occidentale può essere sconfitto facendo affidamento sulle masse. La sconfitta di Dien Bien Phu nel 1954 è per il colonialismo francese ciò che la sconfitta di Saigon nel 1975 è per l'imperialismo statunitense. Inutile dire che il prezzo da pagare per questa emancipazione è stato estremamente pesante.

La vittoria finale arrivò al prezzo di sforzi sovrumani e sacrifici giganteschi. La guerra d'Indocina (1946-1954) terminò con la sconfitta francese, ma le ostilità ripresero alla fine degli anni '50. Con quattro milioni di morti, la guerra proseguì sulla penisola fino al 1975, fu il conflitto più mortale dalla seconda guerra mondiale.

Questa spaventosa carneficina fu deliberatamente provocata dagli Stati Uniti. In due occasioni, scelsero di scontrarsi con i comunisti vietnamiti che speravano di annientare militarmente se non di vincere politicamente.

Insediando la dittatura di Ngo Dinh Diem a Saigon, annullarono gli accordi di Ginevra appena firmati. Per quest'ultimo non creò due Stati, ma due ambiti territoriali destinati a ricongiungersi a seguito di libere elezioni previste entro due anni, al più tardi nel 1956. L'amministrazione Eisenhower trattò con il Sud come un'entità separata e promosse un regime fantoccio che immediatamente vietò le urne. Se Washington scelse la guerra, allora, fu per evitare un'ondata comunista nelle elezioni. Ma il contenimento del comunismo richiedeva un ulteriore passo in avanti. Nell'agosto del 1964, Johnson usò il falso pretesto di un incidente navale al largo della costa del Vietnam del Nord per convincere il Congresso ad approvare una disastrosa escalation militare. Il bombardamento sistematico delle città, dei porti e degli argini del Vietnam del Nord, fino al 1972, darà una portata senza precedenti a un conflitto più devastante che mai. Successiva alla guerra di Corea, la guerra del Vietnam si inserì a sua volta in una strategia di repressione del pericolo rosso che, agli occhi dei difensori del “mondo libero”, giustificò lo scatenamento di una guerra a tutto campo.

Guerra emblematica del ventesimo secolo, la guerra del Vietnam contrappose la superpotenza del mondo capitalista a un piccolo stato socialista nel Terzo mondo. Ma offrì la vittoria finale a un belligerante su cui nessuno avrebbe scommesso all'inizio del conflitto. In un certo senso, la guerra ha realizzato la profezia di Lenin: coloro che erano considerati oggetti della storia ne sono diventati sudditi, fino a trionfare sui loro oppressori. Impegnati in un'escalation mortale, gli Stati Uniti dedicarono mezzi colossali a questo conflitto. Usarono tecnologie letali come il napalm e "Agent Orange". L'aggressione militare degli Stati Uniti contro il Vietnam del Nord e la fuga della macchina militare dall'estate del 1964 hanno tentato di arginare la spinta del Fronte di Liberazione Nazionale del Vietnam del Sud, mentre bombardavano freneticamente la Repubblica Democratica del Vietnam: una strategia destinata al fallimento , che univa solo le forze del Nord e del Sud contro il nemico. Dall'inizio alla fine del conflitto, i successivi presidenti degli Stati Uniti hanno cercato di vincere senza esserne mai sicuri.

Sconfitto in Vietnam, l'imperialismo ha tuttavia preso il posto, ovunque nel mondo, del vecchio colonialismo europeo cancellato dalle carte geografiche dai nazionalismi rivoluzionari del Terzo mondo. A sua volta, incontra sulla sua strada le nazioni ribelli dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina. Tra queste nazioni si scontra con i comunisti che hanno assunto la direzione del movimento di liberazione nazionale o ne formano l'ala proletaria.

Dall'Egitto alla Siria, dal Vietnam all'Indonesia, da Cuba al Nicaragua, dall'Iraq all'Afghanistan, dal Venezuela alla Bolivia, si organizza la resistenza dei popoli che aspirano alla libertà e alla sovranità. Nonostante i fallimenti che segnano questo vasto movimento di emancipazione, l'imperialismo deve lasciar perdere. Lentamente, ma inesorabilmente, sta perdendo terreno. A volte cerca di recuperare il trofeo della lotta anticoloniale, e Barack Obama verserà lacrime a Robben Island. Tuttavia: chi lo accoglie sa benissimo che la CIA ha consegnato Nelson Mandela al regime razzista di Pretoria nel 1962.

Il futuro fondatore della "Repubblica Arcobaleno" ha trovato ispirazione nelle migliori fonti. Nel 1944 si unì all'African National Congress (ANC) e iniziò la lotta contro l'apartheid. Fu durante questo periodo che lesse la Stella Rossa sulla Cina di Edgar Snow su raccomandazione di un leader comunista sudafricano. Riguardo a questo straordinario resoconto della rivoluzione cinese, Mandela dirà: “La rivoluzione in Cina è stata un capolavoro, un vero capolavoro. Se leggi come hanno combattuto per questa rivoluzione, credi nell'impossibile. È semplicemente miracoloso”.

Attivista comunista in gioventù, Nelson Mandela manterrà sempre un legame privilegiato con il Partito comunista sudafricano (SACP), che parteciperà alla lotta contro l'apartheid insieme all'ANC e al centro sindacale COSATU. Arrestato nel 1962, fu condannato all'ergastolo per "cospirazione per rovesciare lo stato con la violenza. Trascorse 27 anni in prigione prima di essere rilasciato nel 1990. Nella sua cella a Robben Island, divorò le Opere scelte di Mao Zedong inviate da sua moglie Winnie. Dirà un giorno che questi libri sono stati una vera fonte di ispirazione. Lì "ha imparato che un vero rivoluzionario, una volta fissato il suo obiettivo, deve lavorare instancabilmente per quell'obiettivo, essere preparato alle avversità ed essere in grado di sopravvivere anche nelle situazioni più difficili".

Se la lunga marcia del popolo cinese ispirò i sudafricani, sanno anche su quali alleati possono contare durante la lotta. Appena uscito di prigione, Nelson Mandela dedicò il suo primo viaggio fuori dal continente africano all'Avana, dove venne a ringraziare il popolo cubano per il suo aiuto fraterno durante la lotta armata contro il regime dell'apartheid. I sudafricani sapevano che decine di migliaia di volontari cubani sono venuti per dare una mano ai movimenti di liberazione nazionale in Angola e Namibia, e che questo generoso aiuto ha contribuito alla caduta dell'apartheid. Perché le basi posteriori dell'ANC erano in questi paesi rivieraschi, e senza il loro aiuto, il movimento di Nelson Mandela sarebbe stato schiacciato militarmente. I sudafricani sapevano anche che nel 1988 i volontari cubani, sostenendo l'esercito angolano a Cuito Cuanavale, respinsero un'offensiva delle forze a Pretoria che affermavano di spazzare via la resistenza in tutta la regione. Sapevano anche che senza le armi fornite dall'Unione Sovietica, questa risposta angolana e cubana all'attacco a un esercito moderno equipaggiato dagli Stati Uniti e da Israele sarebbe stata destinata al fallimento. Alla fine del 1988, il governo sudafricano doveva concedere l'indipendenza alla Namibia e ritirare le sue truppe dall'Angola. Il regime dell'apartheid non si riprenderà mai dalla sconfitta militare contro i cubani.

È una costante storica: ovunque il colonialismo abbia esercitato i suoi misfatti, si è scontrato con l'azione dei comunisti. Dal 1921 al 1926, la regione montuosa del nord del Marocco, il Rif, fu scossa da un'insurrezione guidata da Abdelkrim. Per schiacciarlo, i governi spagnolo e francese stanno mobilitando risorse colossali. Fedele agli orientamenti anticoloniali e antimilitaristi della Terza Internazionale, il PCF sta guidando un vasto movimento di protesta. Il partito chiese l'evacuazione del Marocco da parte delle truppe francesi, sostiene la fraternizzazione del proletariato francese con i ribelli. La risposta del governo è stata rapida: “Il comunismo è il nemico! "Ha detto il ministro degli Interni Albert Sarraut. La repressione della polizia si abbatte sugli attivisti impegnati nella lotta anticolonialista. I leader del partito sono accusati di "mettere in pericolo la sicurezza dello Stato".

Il segretario generale, Pierre Semard, fu imprigionato nel 1927. Coloro che sfuggirono alle incursioni della polizia si rifugiarono in clandestinità. Maurice Thorez fu arrestato nel 1929 durante un incontro segreto: trascorse un anno in prigione. In tutto furono imprigionati circa 100 dirigenti comunisti. Migliaia di attivisti furono arrestati, perquisiti o sequestrati per il loro presunto coinvolgimento in una "cospirazione contro la sicurezza dello Stato". Gridando "Abbasso la guerra!" Oppure cantare l'Internazionale portava a rappresaglie. Erano vietate le giornate di azione, i balli popolari e gli eventi sportivi per limitare l'influenza comunista. Questa repressione fu la più importante mai subita da un partito politico sul territorio metropolitano sotto la Terza Repubblica.

Questo impegno anticolonialista, tuttavia, non fu sempre immediato. Sulla questione algerina, la posizione del PCF fu particolarmente altalenante. Data la presenza di un grande proletariato europeo, i primi comunisti algerini difesero una politica 'assimilazionista' e combatterono le tendenze nazionaliste all'interno delle popolazioni indigene. Questo atteggiamento è criticato dall'Internazionale Comunista, ma anche all'interno del PCF. Nel novembre 1932, un rapporto dell'IC denunciava "l'intollerabile disprezzo per il lavoro coloniale" da parte del partito francese. All'inizio degli anni '30, quest'ultimo tentò poi di aprirsi alle organizzazioni musulmane rivendicando apertamente l'indipendenza dell'Algeria e l'abolizione dello status di nativo. Ma il Fronte Popolare e la lotta antifascista lo spinsero a tacere il suo discorso anticoloniale, dando priorità alla "difesa degli interessi della Francia". Mentre il partito fu in prima linea nella lotta contro la guerra del Rif e sosterrà senza esitazione il Viet Minh, si distingue dal North African Star, movimento nazionalista guidato dal comunista algerino Messali Hadj. Prima forza politica a chiedere l'abolizione della condizione nativa e dell'indipendenza dell'Algeria, il partito fece marcia indietro in nome dell'"unione del popolo algerino con la Francia nella lotta antifascista".

All'indomani della Liberazione, il partito aveva chiaramente rinunciato alla richiesta di indipendenza. Durante l'insurrezione del 1 novembre 1954, stigmatizzò "atti individuali suscettibili di fare il gioco dei peggiori colonialisti". Nel marzo 1956 votò pieni poteri per il socialista Guy Mollet che aveva annunciato di voler ripristinare "la pace in Algeria".

Quando la politica del nuovo presidente del consiglio volse verso la guerra totale contro l'FLN, il PCF ritrovò quindi la sua combattività anticoloniale, ma senza aderire alle tesi del movimento nazionale algerino.

Sul posto, tuttavia, molti attivisti si unirono a lui su base individuale. Comunisti di origine europea passano alla resistenza, come l'aspirante Henri Maillot e l'operaio Fernand Iveton, che verranno arrestati, torturati e giustiziati. La morte di Maurice Audin sotto tortura e la testimonianza di Henri Alleg su questa stessa pratica aiutano a sensibilizzare. Chiamati dal contingente che si rifiuta di andare a combattere in Algeria, i "soldati del rifiuto" sono per lo più giovani comunisti. Ma il partito esita a glorificare un'azione ritenuta inefficace, e lotta per contrastare l'influenza dei sostenitori dell'Algeria francese: quando critica le atrocità dei militari in Algeria, viene subito accusato di tradire l'interesse nazionale. Come sempre vinse la forza delle cose: a lungo incentrato sullo slogan "Pace in Algeria", il PCF approvò finalmente la richiesta di indipendenza nell'autunno del 1959.

Questa deviazione attraverso l'esempio algerino mostrò che la lotta anticoloniale, per i militanti comunisti nei paesi colonizzatori, non fu sempre un compito facile. Ammettendo fluttuazioni strategiche, errori tattici ed errori individuali, possiamo tuttavia fare questa osservazione: il comunismo è l'unico movimento politico del ventesimo secolo ad essersi lanciato in maniera massiccia nella lotta contro il colonialismo. Rompendo il vecchio mondo coloniale, i bolscevichi affermarono il diritto all'autodeterminazione nazionale per tutti i popoli oppressi. Come avanguardia dei movimenti di liberazione nazionale, i comunisti cinesi liberarono il loro paese dai predatori stranieri e abolirono ogni discriminazione contro le minoranze etniche. I comunisti vietnamiti hanno inflitto una schiacciante sconfitta alla potenza coloniale francese prima di sconfiggere a sua volta la gigantesca macchina da guerra imperialista.

Nel Maghreb, i nazionalisti algerini dell'obbedienza comunista posero le basi per la lotta per l'indipendenza. Nei Caraibi, i comunisti cubani cacciarono gli yankee, poi aiutarono i loro fratelli africani a sbarazzarsi del colonialismo europeo. Supportati dai cubani e dall'URSS, i comunisti sudafricani hanno svolto un ruolo importante nella lotta contro l'apartheid. Ovunque, il comunismo internazionale è stato la forza principale accanto ai movimenti di liberazione nazionale nella lotta incessante contro il colonialismo e il razzismo di stato che lo accompagna.

Si può dire lo stesso di altre forze politiche in Occidente? Basta prendere l'esempio della Francia degli ultimi due secoli per vedere quanto sia edificante il quadro. Incentrato sul personaggio di Jules Ferry, l'idea che "il colonialismo sia di sinistra" è completamente sbagliata. Nella terra di Napoleone, Carlo X e Luigi Filippo, bonapartista, conservatori e liberali furono i principali portatori dell'impero coloniale. Seguaci della disuguaglianza razziale come Renan o difensori dell'umanesimo ipocrita come Tocqueville, hanno perdonato i peggiori orrori della conquista coloniale. I radicali socialisti e i democristiani hanno poi salvato l'onore? Certamente no. Con l'eccezione di alcune personalità, hanno fornito la spina dorsale del partito coloniale sotto la Terza e la Quarta Repubblica. I più feroci si uniranno anche ai nostalgici dell'Algeria francese e si fonderanno con l'estrema destra all'interno dell'OEA.

Dal canto loro, i gollisti prima sostennero la guerra d'Indocina, poi si rassegnarono alla decolonizzazione. Tornato al potere, il generale de Gaulle finì per riconoscere l'Algeria, non senza aver tentato di sconfiggere militarmente l'FLN. Accettò l'adesione dell'Africa subsahariana all'indipendenza, pur avendo cura di preservare il "recinto" africano della Francia. Quanto ai socialisti, la carità vieta di soffermarsi sul loro ruolo durante le guerre coloniali: sono i peggiori di tutti. Da Marius Moutet che orchestrò la guerra d'Indocina a Maurice Naegelen che sabotò  il nuovo statuto dipartimentale riempiendo le urne algerine, da Guy Mollet che autorizzò la tortura in Algeria a François Mitterrand che fece giustiziare i patrioti del FLN: la lista è lunga di questa frazione degenerata del movimento operaio nella criminalità coloniale.

 

(1) Nkolo Foé, "100 anni del PCC: il mondo nero e la lotta per l'emancipazione in Cina", Chine-Magazine, 20

luglio 2021.

Bruno Guigue

Bruno Guigue

Ex funzionario del Ministero degli Interni francese, analista politico, cronista di politica internazionale; Docente di Relazioni internazionali e Filosofia. Fra le sue pubblicazioni, segnaliamo: Aux origines du conflit israélo-arabe: l'invisible remords de l'Occident, 1999; Faut-il brûler Lénine ?, 2001; Économie solidaire: alternative ou palliatif ?, 2002; Les raisons de l'esclavage, 2002; Proche-Orient: la guerre des mots, 2003; Chroniques de l'impérialisme, 2017. Philosophie politique, 2021, un percorso critico, in 354 pagine, della filosofia politica occidentale, da Platone a Badiou passando per gli immancabili Machiavelli, Spinoza, Rousseau, Hegel e Marx. Il suo ultimo libro si intitola Communisme, Editions Delga. 

 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra