Bugie e propaganda di NASA e Stati Uniti sul razzo cinese

Bugie e propaganda di NASA e Stati Uniti sul razzo cinese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Cina ha rispedito al mittente gli attacchi della NASA che ha accusato Pechino di "non aver rispettato gli standard responsabili" sui detriti spaziali, ricordando agli Stati Uniti la notizia di un razzo SpaceX caduto in una fattoria lo scorso marzo.

La portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha affermato che Pechino è dispiaciuta per i doppi standard sulla segnalazione dell'esplorazione spaziale, sottolineando l'isteria intorno al potenziale danno causato dal rientro del razzo cinese Lunga Marcia 5B.

"Voglio anche dire che alcuni media statunitensi e alcune persone hanno ovviamente doppi standard su questo tema. Tutti ricordiamo che, nel marzo di quest'anno, quando un razzo negli Stati Uniti è caduto in una fattoria, i media statunitensi hanno usato parole romantiche come 'stelle cadenti che illuminavano il cielo notturno' e 'spettacolo di luci abbaglianti'”, ha evidenziato la diplomatica di Pechino.

Alla fine di marzo, un pezzo di un razzo SpaceX Falcon 9 si schiantò in una fattoria di un uomo nello stato di Washington.  

Hua ha proseguito evidenziando quelle che ha descritto come "esagerazioni" fatte dagli Stati Uniti e dalle loro controparti occidentali nei giorni scorsi riguardo al rientro di un razzo cinese nell'atmosfera terrestre.

I commenti della portavoce arrivano dopo che Bill Nelson, amministratore della NASA, ha affermato che è "fondamentale" per la Cina e gli altri paesi rispettare il proprio dovere di prendersi cura dello spazio. "È chiaro che la Cina non riesce a soddisfare gli standard di responsabilità per quanto riguarda i loro detriti spaziali".

Hua ha replicato che la Cina ha sempre condotto le sue attività nello spazio in conformità con il diritto e le pratiche internazionali e ha aggiunto di essere disposta a prendere parte a scambi e cooperazione internazionali più ampi sulla questione dei detriti spaziali.

Critiche fondate o propaganda anti-cinese?

Riguardo alle critiche alla Cina provenienti dalla NASA e la stampa occidentale, il quotidiano cinese Global Times in un’editoriale spiega: “Ecco alcuni fatti importanti: i punti di atterraggio per i detriti del razzo sono stati valutati e calcolati e non esiste un controllo completo su come i detriti del razzo escono dall’orbita e ricadono sulla Terra. Inoltre, non ci sono prove che dimostrino che i punti di atterraggio dei detriti dei razzi statunitensi siano più controllabili rispetto a quelli della Cina”. 

Infatti nel mese di marzo un razzo statunitense è caduto in una fattoria nello Stato di Washington, ricorda il quotidiano cinese.

“A meno che un razzo non venga completamente riciclato dopo il suo lancio, ci saranno sempre alcuni fattori incontrollabili. Per quanto ne sappiamo, la Cina sta intensificando la ricerca sulla tecnologia di recupero dei razzi dopo il lancio. Lo stadio superiore del razzo Lunga Marcia-5B Y2 è stato disattivato, il che significa che la maggior parte delle sue parti brucerà al rientro, rendendo estremamente improbabile che si verifichino danni alle strutture a terra. Inoltre, l'oceano copre più del 70% della superficie terrestre e ci sono molte aree disabitate sulla terraferma. Durante i quasi 60 anni di attività spaziali, la caduta calcolata dei detriti dei razzi non ha finora causato vittime. Inoltre, i rischi di caduta dei detriti di un razzo sono gli stessi, indipendentemente dal tipo di razzo”.

Quindi come evidenzia il Global Times affermare che i detriti dei razzi cinesi siano più pericolosi di altri è solo bassa propaganda. 

In realtà gli “Stati Uniti temono particolarmente il progresso degli altri” perché la loro competitività è molto calata rispetto al passato. Ma la propaganda anti-cinese prende facilmente piede perché Washington controlla ancora alcuni degli "altoparlanti" più rumorosi del mondo. Questi "altoparlanti" possono screditare la Cina e indurre altri a farlo.

Per cui, conclude il quotidiano cinese, i futuri lanci di Pechino “per la costruzione della stazione spaziale non possono essere ritardati. Altri lanci devono essere effettuati come previsto. La Cina non ha alcun obbligo di compiacere l'opinione pubblica negli Stati Uniti e in altri paesi occidentali nel campo dello spazio, né in altre aree. Le azioni di Pechino sono in accordo con le regole internazionali e i suoi diritti. Washington e i suoi alleati non hanno il diritto di giudicare. L'atteggiamento più corretto verso il loro incessante fastidio è disprezzare il loro comportamento”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti