C'è chi dice no: i paesi che rifiutano il rapporto sui diritti umani in Venezuela redatto da Michelle Bachelet

C'è chi dice no: i paesi che rifiutano il rapporto sui diritti umani in Venezuela redatto da Michelle Bachelet

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I rappresentanti di Russia, Cina, Turchia, Bielorussia, Myanmar, Iran, Cuba, Nicaragua e Bolivia, nonché i membri dell'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA - TCP), si oppongono in seno al Consiglio per i Diritti Umani (HRD) delle Nazioni Unite (ONU), il rapporto presentato giovedì dall'Alto Commissario, Michelle Bachelet.

 

Nel quadro della 41a sessione del Consiglio dei Diritti Umani, il rappresentante di ALBA-TCP, Lisandra Astiasaran, ha sottolineato che questo rapporto costituisce una campagna per destabilizzare il processo democratico che il paese sta vivendo, per il quale ha esortato i membri dell'organizzazione internazionale “a difendere la pace, la giustizia e l'uguaglianza sovrana", riferisce un comunicato stampa del Ministero degli Affari Esteri.

 

Questo punto trova concorde anche il rappresentante del Nicaragua, Elvieelna Diaz che, in aggiunta, ha esortato l'ONU a condannare le misure unilaterali e illegali imposte dagli Stati Uniti (USA), e ciò non è evidente nella relazione Bachelet.

 

In questo senso, Díaz ha sottolineato che le sanzioni USA contro il Venezuela hanno un "impatto negativo sulla promozione e la protezione dei diritti umani", così come costituiscono un attacco alla stabilità del paese.

 

Allo stesso modo, il rappresentante della Bolivia, Olmer Torrejón, ha respinto il blocco economico e finanziario degli Stati Uniti, che ha generato milioni di perdite e l'impossibilità di acquistare forniture mediche e cibo per soddisfare le esigenze del popolo venezuelano.

 

Questo giovedì, l'ufficio dell'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha pubblicato il rapporto dell'organismo internazionale, in seguito alla visita di Bachelet in Venezuela lo scorso giugno, durante la quale ha tenuto riunioni con membri del governo nazionale e con settori della destra venezuelana.

 

Dopo la pubblicazione di questo rapporto, il governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela ha presentato un totale di 70 osservazioni sul documento preparato da Bachelet, che presenta una visione selettiva e parziale della reale situazione dei diritti umani nella nazione.

 

Il governo nazionale "ha chiesto all'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite di adottare le misure necessarie per correggere gli errori nella relazione A / HRC / 41/18 attraverso un documento in cui sono esposti errori di fatto.

 

Tra le osservazioni fatte dalla diplomazia venezuelana, si afferma che la relazione inviata il 28 giugno 2019 al governo bolivariano, in inglese, presenta una visione selettiva e parziale sulla reale situazione dei diritti umani nel paese sudamericano.

Potrebbe anche interessarti

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti