C'è davvero una crisi migratoria in Venezuela?

C'è davvero una crisi migratoria in Venezuela?

Perché il Venezuela è ancora popolato, se secondo questi media e già da mesi decine di migliaia di venezuelani fuggono ogni giorno verso l'estero?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Itzamná Ollantay - teleSUR
 

La stampa internazionale, come BBC Mundo, negli ultimi giorni, pone in prima pagina immagini di strade e ponti con migliaia di "venezuelani" in fuga dalla dittatura di Maduro, verso i paesi confinanti [1]. L'obiettivo è sempre lo stesso, mostrare il Venezuela come un paese distrutto, piombato in una cruenta crisi "migratoria" e "umanitaria", e così giustificare un latente intervento militare USA, adesso, con la NATO in Colombia.

 

Ma, ciò che questi agenti del circo mediatico non comprendono è: perché il Venezuela è ancora popolato, se secondo questi media e già da mesi decine di migliaia di venezuelani fuggono ogni giorno verso l'estero? Il Venezuela non ha più di 32 milioni di abitanti

 

E, ancora più grottesco, mostrano strade piene di presunti migranti, ma dicono: “Dal 2017, 2,3 milioni di venezuelani hanno lasciato il loro paese". Questa cifra non rappresenta neanche l'8% della popolazione totale!

 

Tuttavia, paesi come la Colombia o il Perù hanno più del 10% della popolazione, espulsa dal sistema neoliberista, in terre straniere, che sopravvive umiliata in una situazione di semi-schiavitù.

 

Nel 2010, la Guyana aveva il 49,2% della sua popolazione trasferita all'estero. La Giamaica, il 29,4%. El Salvador, il 23%. [2] In questi casi la stampa nazionale e internazionale non ha mai parlato, né parla, di crisi migratoria.

 

Vogliono installare nel nostro cervello l'immagine di un "Venezuela distrutto”, per così poter contare sul nostro silenzio complice quando invaderanno il Venezuela, attraverso il Caino dell'America Latina (governo colombiano), anfitrione della NATO (Organizzazione Terrorista di Nord America). Ma questo è difficile lo permettano i quasi 10 milioni di coraggiosi venezuelani organizzati.

 

La stampa canaglia nazionale e internazionale, continua a mettere in scena finzioni mediatiche parlando di "crisi politica", "crisi economica", "crisi umanitaria", ora "crisi migratoria". Ma ha sempre fallito. 

 

Il Venezuela e il suo governo hanno sconfitto, una dopo l'altra, tutte le "giustificazioni" per l'intervento militare. Né i gringos, né il ‘Grupo de Lima’ (da loro controllato), osano eseguire il macabro piano annunciato. Hanno paura di uscirne con le ossa rotte come in Vietnam (1975), o come a Playa Girón (Cuba, 1961)!

 

Questi mezzi della disinformazione vogliono farci credere che la miseria si sta diffondendo in Venezuela. Ma anche la Banca Mondiale, nei suoi rapporti, sostiene che nel paese la povertà raggiunge il 33% e l'estrema povertà al 9,2% (2015). [3]

 

Nei paesi neoliberisti (made in USA), come il Guatemala o l'Honduras, la povertà tormenta fino al 70% della popolazione. In questi paesi protetti dagli Stati Uniti, 8 bambini su 10, sotto i 5 anni di età, soffrono di malnutrizione. Questa è una crisi umanitaria! Ogni ora viene uccisa una persona!

 

Esattamente 64 anni fa, il governo degli Stati Uniti, con la complicità criminale dell'Honduras ed El Salvador, invase militarmente il Guatemala. Rovesciarono il dignitoso governo democratico, di Jacobo Árbenz, per il "crimine" di aver nazionalizzato le terre usurpate dai produttori di banane nordamericani. L'argomento fu: “Minaccia di crisi umanitaria causata dal comunismo latente".

 

Certamente, la Rivoluzione Nazionale del Guatemala, a quel tempo, non era riuscita a organizzare il popolo. Di conseguenza, un centinaio di soldati (armati dai gringos) fu sufficiente a sconfiggere il progetto di Jacobo Árbenz, quasi solitario. Ma, il Venezuela Bolivariano, attuale, non è il Guatemala del ’54.

 

Altra ridicolaggine in questa presunta crisi migratoria venezuelana è la vocazione servile dei governi di Perù, Colombia, Brasile, Cile ... (i corrotti del cosiddetto Gruppo di Lima), i quali obbedienti al governo degli Stati Uniti hanno aperto i loro confini per l'ingresso libero dei venezuelani "affamati". Il Perù, non solo non richiede il passaporto ai venezuelani, ma concede anche UN ANNO di permanenza legale SENZA VISTO! [4]

 

Questi governi servili credevano che la cosiddetta "crisi migratoria-umanitaria" avrebbe rapidamente rovesciato il governo del Venezuela. Ma, adesso, quelli che hanno problemi a causa della presenza incontrollata dei venezuelani nei loro territori sono questi paesi.

 

Il governo degli Stati Uniti, che ha applicato e assunto il costo della sua politica di "piedi asciutti, piedi bagnati” con la migrazione cubana per rovesciare Fidel Castro, ora ha lasciato il fardello della migrazione venezuelana, per rovesciare Maduro, sui popoli della regione.

 

[1] Vedi, https://www.bbc.com/mundo/resources/idt-sh/venezuela_bridge_mundo?ocid=socialflow_facebook

[2] Vedi, https://www.eltiempo.com/archivo/documento/CMS-14821436

[3] Vedi, https://datos.bancomundial.org/pais/venezuela?view=chart

[4] Vedi, https://www.gob.pe/634-sacar-permiso-temporal-de-permanencia-ptp-para-venezolanos



(Traduzione dallo spagnolo per l'AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)



 

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica