"Cambio globale": presentazione della rubrica

"Cambio globale": presentazione della rubrica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La rubrica "Cambio globale" vuole contribuire a tenere aperto il dibattito su temi di particolare interesse -tanto italiani, quanto internazionali- fusi nella prospettiva di una sempre maggiore integrazione dei processi di trasformazione. Nelle nostre vite ormai gli argomenti centrali di dibattito sono la pandemia e la crisi, pensando a ciò risulta evidente quanto sia fuorviante approcciare certi temi solo a livello locale, per questo si rende necessaria un'analisi globale. Fermo restando però il fatto che molte delle risposte ai problemi globali possono arrivare proprio da esperienze locali e anche su queste la rubrica vuole portare l'attenzione.

Con "cambio globale" si fa riferimento sia al "cambiamento globale" (il "global change") che flagella l'ambiente, sia al processo di "cambio" come viene inteso in America Latina: la sperimentazione di nuovi modelli di sviluppo e di governo.

Oltre ai temi di attualità, si affronteranno questioni di metodo. Ciò si rende necessario in un momento in cui il dibattito è spesso avvelenato da storture dettate dalla mancata conoscenza dei fondamentali dialettici.

Questo aspetto si è palesato in particolar modo negli ultimi tempi, cioè da quando c'è stata una repentina crescita nella partecipazione al dibattito pubblico di persone non avvezze alla dialettica o che ne ignorino i meccanismi. Le carenze di metodo possono offuscare il merito del dibattito, non lo si può permettere, perché soprattutto in una fase di cambiamento come quella attuale ogni contributo può essere prezioso, non si può lasciare che il processo decisionale sia esclusivo appannaggio di tecnici e professionisti della politica.

Rimarcando dei punti fermi su aspetti già acquisiti e talvolta caduti nell'oblio, la rubrica si propone di stimolare il confronto dialettico che in questa fase è mortificato soprattutto dall'azzeramento del contraddittorio operato dai media mainstream.

La rubrica si vuole caratterizzare per l'uso, talvolta simultaneo, di buonsenso, logica e provocazione.

 

Alberto Fazolo

Alberto Fazolo

Alberto Fazolo. Laureato in Economia, esperto di Terzo Settore e sviluppo locale. Giornalista. Inizia l'attività giornalistica testimoniando la crisi del Kosovo e la dissoluzione della Jugoslavia. Ha trascorso due anni in Donbass, profondo conoscitore delle vicende ucraine. Attivo nei movimenti di solidarietà internazionalista, soprattutto in contrasto con le operazioni di "Regime change".

Il neoliberismo e l'idea di giustizia di Francesco Erspamer  Il neoliberismo e l'idea di giustizia

Il neoliberismo e l'idea di giustizia

La mediazione cinese, l'arroganza occidentale di Paolo Desogus La mediazione cinese, l'arroganza occidentale

La mediazione cinese, l'arroganza occidentale

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Putin a Mariupol e la propaganda (tragicomica) di Repubblica di Marinella Mondaini Putin a Mariupol e la propaganda (tragicomica) di Repubblica

Putin a Mariupol e la propaganda (tragicomica) di Repubblica

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota" di Antonio Di Siena La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La Costituzione è morta. Viva la Costituzione! di Gilberto Trombetta La Costituzione è morta. Viva la Costituzione!

La Costituzione è morta. Viva la Costituzione!

"Htilal". Ong, crimine iracheno e film censurati di Michelangelo Severgnini "Htilal". Ong, crimine iracheno e film censurati

"Htilal". Ong, crimine iracheno e film censurati

La Francia brucia. In Italia comanda Bonomi di Pasquale Cicalese La Francia brucia. In Italia comanda Bonomi

La Francia brucia. In Italia comanda Bonomi

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California! di  Leo Essen Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

La Cgil dal consociativismo al governismo di Paolo Pioppi La Cgil dal consociativismo al governismo

La Cgil dal consociativismo al governismo

Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina di Damiano Mazzotti Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina

Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina