Caso Jack Ma. Quale messaggio lancia la Cina al mondo?

Caso Jack Ma. Quale messaggio lancia la Cina al mondo?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Con questa bella unanimità che la caratterizza, la stampa pluralista del mondo civilizzato ci invita ora a piangere sulla sorte di Jack Ma, il famoso miliardario misteriosamente scomparso.

Lo sfortunato uomo d'affari riapparirà un giorno o sprofonderà nell'ombra di un regime totalitario pronto a tutto pur di stabilire il suo dominio? Finirà in un campo di concentramento, triste compagno di sventure dei poveri uiguri che non sono stati ancora mangiati vivi? Sta raccogliendo patate in una fattoria, brandendo una pala di carbone in una centrale termica, o forse sta preparando un tè al crisantemo in un'oscura casa di riposo per capitalisti recalcitranti?

In effetti, niente di tutto questo. La sua famiglia ha già annunciato che è a casa, beh, e che preferisce mantenere un profilo basso per un po' date le circostanze.

Ecco fatto, non c'è bisogno di piangere davanti al televisore, Jack ha solo tirato su la cinghia. Perché? Perché è troppo avido. L'azienda da lui creata è in procinto di conquistare una posizione di monopolio e tende a sottoporre i propri soci a condizioni esorbitanti.

Svelate lo scorso autunno, le liti del gruppo con l'autorità di regolamentazione dei mercati finanziari sono la conseguenza di questo atteggiamento conquistatore, di fronte a una politica antitrust, la cui rilevanza il governo cinese non esita a ribadire in questa occasione.

Noi occidentali siamo così abituati a vedere le multinazionali far piovere e splendere che l'intervento statale viene presentato come una violazione dei diritti umani. Ma l'economia cinese è un'economia mista dove, dopo le riforme, un potente settore privato convive con il settore pubblico. Oltre a un appetito smodato, Jack Ma ha poi commesso un secondo errore: ha criticato apertamente le politiche delle banche cinesi.

Tuttavia, il settore bancario in Cina è principalmente di proprietà del settore pubblico. Non è il cassetto della cassa dei suoi azionisti privati, ma lo strumento privilegiato delle politiche pubbliche.

Mettere sotto processo le banche significa quindi mettere in guardia contro la politica economica del governo.

Quando ti chiami Jack Ma, e possiedi la seconda fortuna nel Paese, devi saper stare al tuo posto: quello di un potente operatore privato, certo, ma che non ha alcuna legittimità per intervenire nella determinazione della politica economica.

L'unica autorità che detiene questa legittimità è il Partito Comunista, coronato dalla sua storica vittoria, con i suoi 90 milioni di membri e responsabile dei risultati che ha ottenuto nello sviluppo del Paese.

La Cina contemporanea disturba le nostre abitudini di pensiero e il tentativo di chiarirne la complessità applicando categorie inadeguate è il modo più sicuro per ingannare il significato degli eventi.

 Le riforme lanciate da Deng Xiaoping hanno iniettato una massiccia dose di capitalismo nell'economia cinese e le disuguaglianze sociali, di reddito e di ricchezza sono aumentate vertiginosamente.

In Cina, le odi al comunismo vanno di pari passo con la saga dei nuovi miliardari e l'esaltazione dei valori socialisti con la consacrazione dell'arricchimento privato.

Una realtà complessa e contraddittoria, ma si scopre che questa contraddizione permanente è il motore di uno sviluppo che oggi ha valso alla Cina il titolo di prima potenza economica a parità di potere d'acquisto, di prima potenza esportatrice mondiale, di primo investitore nelle energie rinnovabili, per non parlare di un sistema educativo al primo posto nelle ultime valutazioni internazionali e di un'aspettativa di vita media ora superiore a quella degli Stati Uniti.

Queste performance non fanno della Cina un Eldorado, le contraddizioni sociali sono palpabili e l'ascesa dell'individualismo minaccia la coesione della società.

Nel frattempo, il miglioramento continuo delle condizioni di vita della popolazione, perché priorità politica, stabilisce la legittimità del potere esercitato dal Partito Comunista.

Indecifrabili fintanto che applichiamo categorie occidentali, i paradossi della Cina odierna richiedono anche una prospettiva storica.

Sulla bandiera della Repubblica popolare cinese, la grande stella rappresenta il Partito Comunista, che dal 1949 ricopre un ruolo di primo piano non negoziabile.

Le quattro stelline rappresentano le classi sociali che partecipano allo sviluppo del paese: la classe operaia, i contadini, la piccola borghesia e la borghesia nazionale. Questo patto di fondazione ha conosciuto molte vicissitudini dal 1949: la Cina maoista era molto più povera e molto più egualitaria.

Quello che non è cambiato è la gestione dell'economia cinese, da sempre affidata al pugno di ferro dello Stato, e non alla mano invisibile del mercato. Il modesto affare Jack Ma ricorda che la Cina post-maoista ha miliardari, ma non detengono il potere.

Bruno Guigue

Bruno Guigue

Ex funzionario del Ministero degli Interni francese, analista politico, cronista di politica internazionale; Docente di Relazioni internazionali e Filosofia. Fra le sue pubblicazioni, segnaliamo: Aux origines du conflit israélo-arabe: l'invisible remords de l'Occident, 1999; Faut-il brûler Lénine ?, 2001; Économie solidaire: alternative ou palliatif ?, 2002; Les raisons de l'esclavage, 2002; Proche-Orient: la guerre des mots, 2003; Chroniques de l'impérialisme, 2017. Il suo ultimo libro si intitola Philosophie politique, un percorso critico, in 354 pagine, della filosofia politica occidentale, da Platone a Badiou passando per gli immancabili Machiavelli, Spinoza, Rousseau, Hegel e Marx.

 

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

In difesa di Alessandro Barbero In difesa di Alessandro Barbero

In difesa di Alessandro Barbero

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti