Chavez 2013-2023 - Il giorno della morte del Comandante: "È stato paralizzante per il popolo venezuelano"

Chavez 2013-2023 - Il giorno della morte del Comandante: "È stato paralizzante per il popolo venezuelano"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La giornalista venezuelana Nieves Valdés copriva le attività di Hugo Chávez da 10 anni quando il presidente venezuelano è morto. Parlando con Sputnik, ha ricordato quelle ore drammatiche del 5 marzo 2013, ma ha assicurato che il leader "è ancora vivo" nel cuore dei venezuelani.

"Abbiamo ricevuto l'informazione più dura e tragica che possiamo trasmettere al nostro popolo. Alle 16:25 di oggi, 5 marzo, è morto il Presidente Comandante Hugo Chávez Frías". Questo fu il messaggio alla televisione nazionale con cui l'allora vicepresidente Nicolás Maduro informò il Venezuela e il mondo della morte del leader venezuelano.

In una conversazione con Sputnik, la direttrice della Radio del Sur di Caracas, Nieves Valdés, ha ricordato come abbia vissuto la "responsabilità di riportare" una notizia di quella portata in un momento in cui "non era facile farlo" a causa dell'impatto emotivo che aveva su tutti i venezuelani.

"Quel momento è stato paralizzante per tutto il popolo venezuelano", ha ricordato la giornalista, sottolineando che ha sentito il bisogno di esercitare la sua professione "in un momento che gli storici definiscono un evento storico. La gente ha iniziato a ritirarsi nelle proprie case e io sono uscita perché la prima cosa che ho pensato è stata: “che contributo posso dare in questo momento di dolore'.

Valdés ha coperto l’agenda di Chávez per un decennio per la Radio Nacional de Venezuela, di proprietà dello Stato. Di conseguenza, ha dovuto affrontare l'incertezza delle prime ore, poiché gran parte del suo lavoro dipendeva specificamente dalle attività che Chávez avrebbe programmato per ogni settimana, comunicate nella sua tradizionale fascia Aló, presidente.

"La mia prima reazione è stata quella di scendere in strada per vedere cosa potevamo fare insieme alla gente, che si è riunita come l'11 aprile [2002, giorno del colpo di Stato contro il presidente Chávez], camminando fino all'Ospedale Militare", ha raccontato. 

La giornalista ha vissuto quelle prime ore tra la tristezza per la morte di Chávez e l'incertezza di ciò che il futuro avrebbe riservato al Venezuela. "Ero in bilico tra la tristezza e ciò che avremmo fatto in quel momento affinché il nostro popolo si sentisse confortato, perché credo che come giornalista abbiamo la responsabilità di informare e in quel momento speciale non è stato molto facile farlo", ha spiegato.

Infine, Valdés si è occupata della copertura dei funerali di Chávez, iniziati l'8 marzo all'Accademia Militare dell'Esercito Bolivariano di Caracas e durati altri sette giorni.

"È toccato a me stare accanto alla bara che lo ha portato pieno di gente a Los Monolitos, l'accademia militare dove è cresciuto professionalmente come soldato venezuelano", ha raccontato.

Un leader "immortale"

Valdés definisce "impressionante" il numero di persone che si sono mobilitate e riunite per dare l'addio a Chávez "in quel momento della sua morte fisica" che, tuttavia, non lo ha portato via dal cuore dei venezuelani.

"Chávez è ancora vivo per noi", ha sottolineato la direttrice di Radio del Sur, aggiungendo che il comandante rimane vivo "non solo da un punto di vista spirituale, ma anche per ciò che significa come eredità storica e politica, come uomo che ha lasciato un'eredità e che abbiamo la responsabilità di mantenere viva tra la gente".

"Un leader così presente, così attento al suo popolo, è immortale. Perché il popolo non lo dimentica, per il suo modo di essere, di governare con la base e con la gente. Un uomo che veniva dal popolo. Vale a dire, avete visto Chávez e avete visto vostro fratello", ha affermato Valdés.

In questo senso, ha sottolineato che "il suo popolo lo mantiene in vita nei murales, nelle azioni, nelle parole e soprattutto nel suo esempio, che è la cosa più importante".

Per Valdés, gran parte di questo affetto ha a che fare, oltre che con le azioni di Chávez, con la sua vicinanza al popolo venezuelano. "Lo stesso Chávez che vedevate nei media era lo stesso Chávez che stava dietro le telecamere. Questo lo posso certificare io e lo può certificare anche il popolo", ha osservato.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti