Chomsky: il peccato dell'Iran è stato quello di "sfidare con successo" l'egemonia USA

Chomsky: il peccato dell'Iran è stato quello di "sfidare con successo" l'egemonia USA

Il noto politologo Noam Chomsky afferma che l'Iran è l'obiettivo delle pressioni e dei ricatti statunitensi per aver "sfidato con successo" l'egemonia americana.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"L'Iran è ancora colpevole per il crimine di sfida con successo con la rivolta del 1979 che ha rovesciato il tiranno (lo Shah, ultimo dell'Iran, Mohamadreza Pahlavi), posto lì dagli Stati Uniti," ha scritto il politologo e linguista, Noam Chomsky in un articolo pubblicato oggi dalla rivista In These Times.
 
Il linguista e filosofo ritiene inoltre che i falchi dell'amministrazione statunitense continuano a "raccontare storie e inventare pretesti per attaccare" l'Iran, al fine di porre fine alla "sfida di successo".
 
L'articolo racconta come l'Iran, "un pilastro del controllo americano in Medio Oriente, con l'Arabia Saudita e Israele" durante gli anni dello Scià, è diventato dopo la vittoria della rivoluzione islamica del 1979 in un elemento indesiderato per Washington in una zona ricca di petrolio del Medio Oriente.
 
L'Iran non rappresenta una minaccia per la pace mondiale
 
Lo scienziato politico respinge anche le affermazioni dei funzionari statunitensi secondo cui l'Iran rappresenterebbe una minaccia per la pace mondiale a causa del presunto sviluppo del suo programma nucleare, nonostante il fatto che l'intelligence USA riconosciuto nel 2007 e nel 2012 che il programma iraniano non aveva carattere militare.
 
"La dottrina militare iraniana è strettamente" difensiva ... progettata per fermare un'invasione e forzare una soluzione diplomatica alle ostilità ", afferma l'intellettuale.
 
Secondo Chomsky, ci sarebbero anche molti modi per porre fine a questa presunta minaccia iraniana. Uno di questi è stato l'accordo nucleare del 2015, dal quale Washington è uscito considerandolo insufficiente. Il secondo modo sarebbe quello di dirigersi verso un Medio Oriente privo di armi nucleari, una proposta difesa dall'Iran ma respinta da Washington per proteggere l'arsenale atomico di Israele.
 
In realtà, l'analista crede che l'élite al potere degli Stati Uniti non sia preoccupato per il programma nucleare iraniano, ma lo usa come pretesto per fare pressione sull'Iran e emarginarlo nell'Asia occidentale.
 
Quando l'Iran era governato dallo Scià ricorda il linguista, c'era poca preoccupazione circa le intenzioni di Teheran di sviluppare armi nucleari, anche se Mohamadreza Pahlavi affermò chiaramente che il suo paese l'avrebbe costruita "senza dubbio e prima di quanto si potrebbe pensare."
 
Trump è un "narcisista megalomane"
 
Chomsky conclude l'articolo chiedendo la fine immediata delle minacce da parte dell'Amministrazione "megalomane narcisista" contro l'Iran, del presidente Donald Trump, e avverte che un confronto militare ipotetica avrebbe "conseguenze catastrofiche".
 
 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti