Chris Hedges - La guerra di Israele contro gli ospedali

Chris Hedges - La guerra di Israele contro gli ospedali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Israele sta portando avanti una campagna per rendere Gaza inabitabile. Questa campagna include la distruzione di tutti gli ospedali di Gaza. Il messaggio che Israele sta inviando è chiaro: nessun luogo è sicuro. Se resti, muori.


di Chris Hedges* - Schreerpost

 

Israele non sta attaccando gli ospedali di Gaza perché sono "centri di comando di Hamas". Israele sta sistematicamente e deliberatamente distruggendo le infrastrutture mediche di Gaza come parte di una campagna di terra bruciata per rendere Gaza inabitabile e far scoppiare una crisi umanitaria. Intende costringere 2,3 milioni di palestinesi ad attraversare il confine con l'Egitto, da dove non potranno più tornare.

Israele ha distrutto e quasi svuotato l'ospedale Al Shifa di Gaza City. L'ospedale indonesiano di Beit Lahia è il prossimo. Israele sta posizionando carri armati e mezzi corazzati intorno all'ospedale e ha sparato proiettili contro l'edificio, uccidendo dodici persone.

Lo schema di gioco è familiare. Israele fa cadere dei volantini su un ospedale dicendo alla gente di andarsene perché l'ospedale è una base per "attività terroristiche di Hamas". Carri armati e proiettili di artiglieria demoliscono parti delle mura dell'ospedale. Le ambulanze vengono fatte saltare in aria dai missili israeliani. L'elettricità e l'acqua vengono tagliate. Le forniture mediche sono bloccate. Mancano antidolorifici, antibiotici e ossigeno. I più vulnerabili, i bambini prematuri nelle incubatrici e i malati gravi, muoiono. I soldati israeliani fanno irruzione nell'ospedale e costringono tutti a uscire sotto la minaccia delle armi.

 

Questo è ciò che è successo all'ospedale Al Shifa. Questo è ciò che è accaduto all'ospedale pediatrico Al Rantisi. Questo è ciò che è accaduto al principale ospedale psichiatrico di Gaza. Questo è ciò che è accaduto all'ospedale Nasser. Questo è ciò che è accaduto agli altri ospedali che Israele ha distrutto. E questo è ciò che accadrà nei pochi ospedali rimasti.

Israele ha chiuso 21 dei 35 ospedali di Gaza, compreso l'unico ospedale oncologico di Gaza. Gli ospedali ancora in funzione hanno gravi carenze di medicinali e forniture di base. Uno dopo l'altro gli ospedali vengono eliminati. Presto non ci saranno più strutture sanitarie. Questo è un disegno.

Decine di migliaia di palestinesi terrorizzati, costretti ad evacuare da Israele, le cui case sono state ridotte in macerie, cercano rifugio dagli incessanti bombardamenti accampandosi all'interno e intorno agli ospedali di Gaza. Sperano che i centri medici non vengano presi di mira da Israele. Se Israele rispettasse le Convenzioni di Ginevra, avrebbero ragione. Ma Israele non sta conducendo una guerra. Sta compiendo un genocidio. E in un genocidio, una popolazione, e tutto ciò che la sostiene, viene cancellata.

In un segno inquietante che Israele si rivolterà contro i palestinesi in Cisgiordania una volta che avrà finito di spianare Gaza, i veicoli blindati hanno circondato almeno quattro ospedali della Cisgiordania. L'ospedale Ibn Sina è stato assaltato dai soldati israeliani insieme all'ospedale di Gerusalemme Est.

Lo Stato coloniale israeliano è stato fondato sulla menzogna. È sostenuto dalle menzogne. E ora, quando è cupamente determinato a compiere il peggior massacro e pulizia etnica dei palestinesi dalla Nakba, o "catastrofe", del 1948, che vide 750.000 palestinesi sottoposti a pulizia etnica e una cinquantina di massacri da parte delle milizie ebraiche, sputa una grottesca assurdità dopo l'altra. Parla dei palestinesi come di una massa disumanizzata. Non ci sono madri, padri, figli, insegnanti, medici, avvocati, cuochi, poeti, tassisti o negozianti. I palestinesi, nel lessico israeliano, sono un unico flagello che deve essere estirpato.

Guardate questo video di scolari israeliani che cantano "Annienteremo tutti" a Gaza.

La Gioventù hitleriana era solita cantare canzoni come questa sugli ebrei.

 

Coloro che si impegnano in progetti di uccisioni di massa mentono per non demoralizzare le proprie popolazioni, per far credere alle vittime che non saranno tutte sterminate e per impedire alle forze esterne di intervenire. I nazisti sostenevano che gli ebrei, impacchettati sui treni e inviati ai campi di sterminio, erano impegnati in missioni di lavoro e godevano di buone cure mediche e di un'alimentazione adeguata. Per quanto riguarda gli infermi e gli anziani, venivano assistiti in centri di riposo. I nazisti crearono persino un finto campo per il "reinsediamento" degli ebrei "a est" - Theresienstadt - dove organismi internazionali come la Croce Rossa potevano vedere come gli ebrei venivano trattati umanamente, anche se milioni di persone venivano sterminate.

Almeno 664.000 e forse addirittura 1,2 milioni di armeni furono massacrati o morirono per esposizione, malattie e fame durante il genocidio perpetrato dall'Impero Ottomano dalla primavera del 1915 all'autunno del 1916. Il genocidio armeno fu pubblico quanto il genocidio di Gaza. Le missioni consolari europee e statunitensi hanno fornito resoconti dettagliati della campagna per ripulire l'odierna Turchia dagli armeni.

Il governo ottomano, nel tentativo di nascondere il genocidio, vietò agli stranieri di fotografare i profughi armeni o i cadaveri che costeggiavano le strade. Anche Israele ha bloccato la stampa straniera da Gaza, effettuando solo una manciata di brevi visite accuratamente organizzate dall'esercito israeliano. Israele interrompe periodicamente i servizi internet e telefonici. Almeno 43 giornalisti e operatori dei media palestinesi sono stati uccisi da Israele dall'incursione di Hamas in Israele il 7 ottobre, molti dei quali indubbiamente presi di mira dalle forze israeliane.

Gli armeni, come i palestinesi, sono stati costretti a lasciare le loro case, uccisi con armi da fuoco e privati di cibo e acqua. I deportati armeni sono stati inviati in marce della morte nel deserto siriano, dove decine di migliaia sono stati fucilati o sono morti di fame, colera, malaria, dissenteria e influenza. Israele sta spingendo 1,1 milioni di palestinesi nella punta meridionale di Gaza e li bombarda mentre fuggono. Questi rifugiati, come gli armeni, non hanno cibo, acqua, carburante e servizi igienici. Anche loro saranno presto vittime di epidemie di malattie infettive.

Talat Pasha, il leader de facto dell'Impero Ottomano, il 2 agosto 1915 disse all'ambasciatore degli Stati Uniti, Henry Morgenthau Sr., con parole che replicano la posizione di Israele, "che la nostra politica armena è assolutamente ferma e che nulla può cambiarla. Non avremo armeni da nessuna parte in Anatolia. Possono vivere nel deserto, ma in nessun altro luogo".

Più il genocidio continua, più le bugie diventano assurde.

Ci sono grandi bugie israeliane. L'annientamento di Gaza e l'uccisione di migliaia di palestinesi, insiste Israele, è uno sforzo mirato per sbarazzarsi di Hamas, piuttosto che una campagna per ridurre Gaza a un cumulo di macerie, compiere omicidi di massa e fare pulizia etnica dei palestinesi.

Ci sono alcune piccole bugie israeliane. Quaranta bambini decapitati. L'ospedale Al Shifa è un "centro di comando di Hamas". Un calendario in arabo sul muro di un ospedale, secondo il portavoce dell'IDF, il contrammiraglio Daniel Hagari, è "una lista di guardiani, dove ogni terrorista scrive il suo nome e ogni terrorista ha il suo turno di guardia sulle persone che erano qui". Un attore israeliano vestito da infermiere e che parla in arabo fortemente accentuato afferma di essere un medico palestinese e di aver visto Hamas usare i civili come scudi umani. Dice che membri di Hamas "hanno attaccato l'ospedale Al Shifa" e hanno rubato "il carburante e le medicine". I miliziani palestinesi, piuttosto che i carri armati israeliani, secondo Israele, sono responsabili del bombardamento dell'ospedale di Al Shifa. Israele ha colpito un'auto piena di "terroristi" nel sud del Libano, "terroristi" che si sono rivelati essere tre ragazze, la loro madre e la loro nonna.

L'esplosione all'ospedale Al Ahli è stata il risultato di un razzo scagliato dai palestinesi, un'affermazione messa in dubbio dal New York Times che ha screditato il video sulla base dell'analisi dell'orario. Israele ha dichiarato di aver "risposto alla richiesta del direttore dell'ospedale Shifa di consentire ai cittadini gazani che si trovavano al riparo nell'ospedale e che desideravano evacuare dall'ospedale Shifa verso il valico umanitario nella Striscia di Gaza attraverso un asse sicuro", una dichiarazione che Mohammed Zaqout, direttore generale degli ospedali di Gaza, ha definito "falsa", aggiungendo "siamo stati costretti ad andarcene sotto la minaccia delle armi". Il tenente colonnello israeliano Jonathan Conricus, in un video criticato dalla BBC, mostra agli spettatori una misera scorta di armi automatiche in un video promozionale, che aumenta magicamente quando arrivano i giornalisti stranieri per una visita guidata. L'IDF lo ha poi cancellato.

Le bugie saranno scritte nei libri di scuola israeliani. Le bugie saranno ripetute da politici, storici e giornalisti israeliani. Le bugie saranno raccontate alla televisione israeliana e nei film e libri israeliani. Gli israeliani sono eterne vittime. I palestinesi sono il male assoluto. Non c'è stato alcun genocidio. La Turchia, un secolo dopo, nega ancora ciò che è accaduto agli armeni.

In tempo di guerra si crede a ciò che si vuole credere. Le bugie riempiono la fame del pubblico israeliano che vede il conflitto come una lotta binaria tra "i figli della luce e i figli delle tenebre". Le bugie sono una difesa contro la responsabilità perché, se Israele rifiuta di riconoscere la realtà, non è costretto a rispondere alla realtà. Le bugie creano una dissonanza cognitiva, dove il fatto diventa finzione e la finzione diventa verità. Le bugie rendono impossibile qualsiasi discussione sul genocidio o sulla riconciliazione. 

Israele, con l'appoggio dell'amministrazione Biden, continuerà a spegnere tutti i sistemi che sostengono la vita a Gaza: Ospedali. Scuole. Centrali elettriche. Impianti di trattamento delle acque. Fabbriche. Fattorie. Condomini. Case. Poi Israele farà finta, come gli assassini dei genocidi passati, che non sia mai successo.

Le menzogne usate da Israele per assolversi dalle proprie responsabilità corroderanno la società israeliana. Corromperanno la sua vita morale, religiosa, civica, intellettuale e politica. Le bugie eleveranno i criminali di guerra allo status di eroi e demonizzeranno coloro che hanno una coscienza. Il genocidio di Israele, come le uccisioni di massa del 1965 in Indonesia, sarà mitizzato, una battaglia epica contro le forze del male e della barbarie, proprio come abbiamo mitizzato il genocidio dei nativi americani e trasformato i nostri coloni e le nostre unità di cavalleria assassina in eroi. Gli assassini della guerra indonesiana contro il comunismo vengono acclamati nei raduni come salvatori. Vengono intervistati sulle battaglie "eroiche" che hanno combattuto quasi sei decenni fa. Israele farà lo stesso. Si deformerà. Celebrerà i suoi crimini. Trasformerà il male in bene. Esisterà all'interno di un mito auto-costruito. La verità, come in tutti i dispotismi, sarà bandita. Israele, un mostro per i palestinesi, sarà un mostro per se stesso.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti