Cina: con il caccia J-16D Electronic Warfare Pechino verso la supremazia sul Pacifico

Cina: con il caccia J-16D Electronic Warfare Pechino verso la supremazia sul Pacifico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Cina si trova a dover fronteggiare minacce nuove e sempre crescenti. Per questo Pechino corre per diventare un gigante anche dal punto di vista militare. 

La Cina è consapevole dell'importanza della guerra elettronica e della battaglia nello spazio elettromagnetico, secondo cui chi vince in questo campo otterrà un vantaggio sul campo di battaglia disabilitando il modo di vedere, ascoltare e comunicare dei nemici. Da questo punto di vista, secondo Pechino, gli aerei da guerra elettronica sono più importanti degli aerei stealth. 

A tal proposito la Cina ha sviluppato il caccia J-16D, la variante per la guerra elettronica del caccia J-16 cinese. Il nuovo velivolo in forza al PLA farà il suo debutto all'Airshow China la prossima settimana. Ciò indica che l'aereo è in servizio con l'Esercito Popolare di Liberazione (PLA) e gli darà un vantaggio nello spazio elettromagnetico con una potente capacità di disturbo, secondo gli esperti del settore sentiti dal quotidiano Global Times. 

Un caccia J-16D è atterrato a Zhuhai, nella provincia del Guangdong, nella Cina meridionale, martedì pomeriggio in preparazione del suo debutto all'Airshow China, che si terrà dal 28 settembre al 3 ottobre nella città, secondo quanto riportato dalla China Central Television (CCTV).

Il J-16D è un aereo da guerra elettronica sviluppato in Cina e basato sul jet da combattimento J-16, secondo quanto riportato dal sito di notizie con sede a Guangdong southcn.com.

Il caccia è una variante dell'aereo d'attacco J-16 Red Eagle a due posti, a sua volta una versione cinese del russo Sukhoi Su-30MKK Flanker. Il biposto Red Eagle è approssimativamente paragonabile all'F-15E statunitense e migliora l'originale russo con una nuova avionica tra cui un radar Active Electronically Scanned Array (AESA), l'attuale stato dell'arte nella tecnologia radar basata sui caccia. Mentre la Cina ha avuto grossi problemi nello sviluppo di motori a reazione affidabili ad alte prestazioni, ha più successo nella produzione di elettronica avanzata, forse a causa del crossover con il suo settore elettronico civile.

Una delle caratteristiche più distintive del J-16D, rispetto al J-16 originale, sono i due grandi pod di guerra elettronica sulle ali dell'aereo, che verranno utilizzati per distruggere e bloccare apparecchiature elettroniche ostili, inclusi radar e sistemi di comunicazione, hanno detto gli analisti, che evidenziano come il nuovo velivolo abbia annullato la ricerca a infrarossi originale e il sensore di tracciamento davanti alla cabina di pilotaggio poiché il suo ruolo principale non è più il combattimento aria-aria.

Il J-16D è inoltre dotato di un nuovo sistema avionico e di motori di fabbricazione nazionale. Ha subito significativi cambiamenti strutturali, incluso l'uso di una grande quantità di materiali compositi, ha detto mercoledì al Global Times Wang Ya'nan, caporedattore della rivista Aerospace Knowledge di Pechino.

In situazioni di combattimento reale, gli aerei da guerra elettronica possono accompagnare altri aerei da guerra e fornire loro supporto per la guerra elettronica, ad esempio provocando interferenze come contromisure elettroniche antimissile ha detto Wang, osservando che i nuovi caccia possono anche lanciare attacchi diretti su installazioni radar ostili o velivoli di preallarme.

Gli Stati Uniti gestiscono aerei da guerra elettronica come l'EA-18G.

Il servizio della CCTV afferma che il J-16D è dipinto con le insegne del PLA.

Wang ha detto che questo significa che l'aereo è in servizio.

Se Pechino lo volesse, potrebbe probabilmente sviluppare un equivalente basato su portaerei del J-16D. Anche i caccia J-15 Flying Shark sui due vettori cinesi Type 001 condividono un patrimonio comune nella famiglia di aeromobili Flanker e sembra plausibile perseguire un aggiornamento simile del J-15SD a due posti. Tuttavia, una limitazione sarebbe il carico utile inferiore che i J-15 possono trasportare, a causa delle limitazioni di peso massimo al decollo imposte dai ponti in stile ski-jump dei vettori cinesi.

Aerei come il J-16D suggeriscono che l'Esercito Popolare di Liberazione è interessato allo sviluppo di velivoli specializzati che offriranno alla Cina uno spettro completo di capacità di guerra aerea, proprio come quelle delle forze armate statunitensi.

Insomma, la Cina affila le sue armi per fronteggiare al meglio ogni tipo di provocazione o minaccia esterna. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti