Come è collegato l'omicidio di Soleimani ad Hong Kong?

Come è collegato l'omicidio di Soleimani ad Hong Kong?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Andre Vltchek* 


I rivoltosi di Hong Kong si credono unici, ritengono che l'Occidente li abbia selezionati uno ad uno per quella che identificano come la "nobile lotta per la democrazia" e per i "valori occidentali".




Il problema è che Hong Kong, a cui piace promuoversi come “la città di mondo in Asia” (almeno questo è ciò che gli annunci pubblicitari e i cartelloni pubblicitari dicevano fino a poco tempo fa) è in realtà molto lontana dall'essere globale, cosmopolita o internazionalista.


Hong Kong è una città cinese e cantonese, ma vive ancora sotto l'enorme influenza della propaganda occidentale / britannica, che si propaga attraverso i mass media, i social media e l'istruzione.


Ex colonia, Hong Kong, è stata condizionata a non simpatizzare con la difficile situazione di paesi che finora sono stati colonizzati dall'Occidente e dai suoi alleati. Ci sono un gran numero di nazioni ancora brutalizzate dal neocolonialismo occidentale, in tutte le parti del mondo, ma molti ad Hong Kong non sembrano accorgersene.


Innumerevoli giovani abitanti di Hong Kong amano percepirsi come membri del club "elitario" dei "governanti del mondo"; come quelli che sono vicini ai potenti a Londra, Washington o Tokyo. E ignorano, spesso addirittura disprezzano quelli che formano la stragrande maggioranza delle persone che vivono sul nostro pianeta: i miserabili, gli umiliati e sfruttati.


Non lo dico solo teoricamente. Ho parlato con il popolo "ribelle" di Hong Kong, per anni. La loro mancanza di conoscenza dell'imperialismo occidentale e degli orrori che sta diffondendo, in tutto il mondo, è notevole. Non sanno quasi niente nemmeno del colonialismo britannico o, concretamente, su ciò che il Regno Unito ha fatto per danneggiare, umiliare e indebolire la Cina.


Mentre i giovani di Hong Kong non sanno quasi nulla dei genocidi commessi dal Regno Unito (e da altri paesi occidentali), ripetono e ripetono tutte le fabbricazioni di propaganda prodotte in serie contro la RPC e contro il suo Partito Comunista. La Cina, che è chiaramente il paese più pacifico della terra; la Cina che ha sollevato centinaia di milioni di persone dalla povertà, viene demonizzata e insultata dalla propaganda britannica e nordamericana; da quei paesi che hanno ucciso a milioni, in Africa, Medio Oriente, America Latina e Asia.


Tutto ciò, mentre i giovani di Hong Kong suonano inni nazionali nordamericani e britannici, sventolano le loro bandiere e li invitano a ri-invadere e "liberare" la loro città "dalla Cina" - intendendo da loro stessi.


*


A Hong Kong, molti giovani vedono paesi che stanno combattendo contro l'imperialismo occidentale - Russia, Repubblica popolare cinese, Iran, Cuba, Siria, Venezuela, solo per citarne alcuni - come alcuni strani mostri, dittature e entità "antidemocratiche" .


È perché sanno molto poco di loro e persino del loro stesso paese - la Cina - che si sono abituati ad osservare attraverso le lenti oscure nichiliste fornite dall'Occidente.


È stato detto loro che sostenere il comunismo, il socialismo, o anche le forze antimperialiste nel 21 ° secolo non è "cool" e fuori moda. E ascoltano queste sciocchezze; vogliono così disperatamente essere "fighi". In effetti, per molti di loro è tutto ciò che conta davvero.


Hanno pienamente adottato l'egoismo occidentale, l'individualismo e la visione del mondo "me-me".


Ora leggono dell'omicidio del grande comandante iraniano, il generale Qassem Soleimani. E' stato assassinato, giustiziato contro tutte le leggi e le norme internazionali, dall'esercito americano, per ordine diretto del comandante in capo degli Stati Uniti, Donald Trump.


Il generale Soleimani ha combattuto contro il terrorismo, ha contribuito a distruggere l'ISIS. Stava difendendo il Medio Oriente dai vassalli della NATO, siano essi cellule terroristiche o gruppi etnici addestrati da quelle cellule.


Cosa diranno ora gli attivisti per la "democrazia" di Hong Kong?


Questo è il loro gioco. Prendendo i dettami dall'Occidente, dovrebbero essere ritenuti responsabili delle azioni internazionali dei loro gestori.


Dovrebbe essere chiesto, direttamente: "È giustificabile uccidere un uomo; in effetti, il secondo uomo più importante, in un paese che (come la Cina), non ha mai attaccato nessuno, in tutta la sua storia moderna? Potrebbe essere tollerato? È questo che voi chiamate "democrazia"? "


Solo nell'ultimo mese, l'Occidente ha rovesciato il governo democratico in Bolivia, schiavizzando, ancora una volta, milioni di indigeni. Continua a far a morire di fame decine di milioni, in luoghi come il Venezuela e l'Iran. Continua ad occupare (contro la volontà della grande maggioranza delle persone) paesi come l'Afghanistan e l'Iraq. È così che gli attivisti "pro-democrazia" percepiscono la democrazia?


E cosa sono disposti a tollerare? Sosterrebbero gli omicidi di leader in Russia o persino in Cina?


Queste sono domande serie e devono essere poste.


Hong Kong è solo un pezzo dell'enorme mosaico del "gioco neoimperialista", che l'Occidente sta portando avanti su tutto il territorio del nostro pianeta.


D'altra parte, la Cina è uno dei paesi che sta difendendo il nostro mondo; facendo in modo che non venga consumato, ancora una volta, dall'avidità e dall'infinita brutalità dell'Occidente.


I giovani che insultano incessantemente la Cina, non stanno solo attaccando Pechino. Si sono schierati, contro il loro stesso paese e contro l'intero mondo oppresso. Stanno commettendo un tradimento e stanno anche tradendo la loro razza e tutti quei miliardi di esseri umani che soffrono sotto la frusta neo-colonialista. 


Non c'è contrasto maggiore di quello tra il grande patriota generale Soleimani e i rivoltosi di Hong Kong.


Le persone in paesi come Cina, Russia, Iran o Cuba sanno che la Patria non è mai in vendita. L'Occidente, con la sua strategia di "dividi e governa", sta perfezionando le tattiche su come incoraggiare le persone a vendere le loro Patrie, in tutto il mondo, sia per soldi che per momenti di fama egoistica.


Per capire quanto sia grottesca la “politica estera” occidentale, basta invertire i lati: immaginate per un momento che Pechino avesse bombardato l'auto di Joshua Wong, da qualche parte vicino all'aeroporto di Haneda a Tokyo, o Incheon, Corea del Sud, uccidendolo insieme alla sua scorta, solo perché i cinesi al governo non piace la sua faccia.


Questo è esattamente ciò che è accaduto pochi giorni fa fuori Baghdad!


Inimmaginabile? Si, sono d'accordo. Questo non è ciò che fa la Cina. E così: chi sta giocando secondo le regole? Chi è più rispettoso del diritto internazionale, Pechino o Washington?


La risposta è ovvia. Ciò che manca è chiedersi: chi è più pericoloso per Hong Kong? Una Pechino contenuta con i suoi obiettivi di una civiltà armoniosa, o i rivoltosi che stanno diffondendo la violenza globale in stile occidentale?


[First published by China Daily Hong Kong]
 
Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Five of his latest books are “China Belt and Road Initiative”, China and Ecological Civilization” with John B. Cobb, Jr., “Revolutionary Optimism, Western Nihilism”, a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and Latin America, and continues to work around the world. He can be reached through his website, his Twitter and his Patreon.
 
 
Traduzione de l'AntiDiplomatico
 
 

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso di Francesco Santoianni Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti